Guida mensile all'acquisto della reflex

Quale fotocamera reflex scegliere tra quelle in commercio, scegliendo tra diverse fasce di prezzo dai 250 euro in su.

Introduzione

Le reflex rappresentano ancora la soluzione preferita dagli appassionati che prediligono la versatilità offerta degli obiettivi intercambiabili, l’ergonomia, la velocità d’uso e l'inquadratura tramite mirino ottico, oltre ad essere strumenti indispensabili per i professionisti e per chiunque voglia far parte del mondo della fotografia ad un certo livello. La quantità di Mpixel non è l’aspetto fondamentale, o comunque non in senso assoluto: tutto va rapportato alle dimensioni del sensore. I principali sensori utilizzati nelle reflex sono APS-C e full frame (FF). I primi sono impiegati su macchine entry-level e in alcuni modelli semi-professionali, i secondi su quelle più costose che offrono una qualità dell’immagine più elevata, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione, dove entra in gioco il rumore agli alti ISO. Altre caratteristiche importanti sono la potenza del processore d’immagine, l’efficacia dell’autofocus, del sistema esposimetrico e la velocità in generale. Anche la resistenza agli agenti atmosferici esterni – umidità, polvere, temperature rigide – possono essere determinanti nell’uso in condizioni climatiche particolari.

Tornando a valutazioni di mercato, la fascia di prezzo delle reflex è compresa, per il solo corpo, fra i 270 Euro per le entry level (tipo la Canon EOS 1200D o la Nikon D3200) e i quasi 6.200 Euro delle macchine professionali full frame come la nuova Nikon D5 e la Canon EOS-1D X Mark II, escludendo le reflex di nicchia come la Pentax 645 Z di medio formato e la Leica S (tipo 007), che oggi si può acquistare a 17.500 Euro (senza obiettivo)!

Canon e Nikon si spartiscono la quasi totalità del mercato e nel corso degli anni si sono create due fazioni opposte con i relativi, accaniti, sostenitori; il resto lo fanno in minima parte Sony e Pentax. Anche queste due aziende hanno in catalogo una reflex full frame. Pentax sta cercando di ritagliarsi ora una (seppur piccola) quota di mercato con il nuovo modello K-1, Sony ha realizzato un ottimo apparecchio (la SLT-A99) che però probabilmente non è stato capito dal mercato.

K70 silver

Le fotocamere entry level offrono ormai caratteristiche avanzate, una volta riscontrabili sui modelli di fascia media: ci riferiamo soprattutto a sensori e processori d’immagine. I costruttori puntano sulla massima semplicità d’utilizzo, dimensioni compatte, peso ridotto ma al contempo massima integrazione nel sistema di obiettivi e accessori della Casa produttrice. Sono vendute normalmente in kit con uno zoom di costo modesto, non particolarmente luminoso, ma di prestazioni più che accettabili, tipicamente un 18-55 mm. Inoltre, si incominciano a vedere il Wi-Fi e l’NFC.

Salendo di uno step, un appassionato già un po' navigato cerca generalmente una fotocamera con maggiori possibilità di personalizzazione rispetto ai modelli base e una maggior versatilità. Solitamente – a parte qualche eccezione - fra gli apparecchi base e quelli intermedi non cambiano i componenti chiave (sensore, processore d'immagine, obiettivo fornito in kit), ma elementi altrettanto importanti come il modulo dell'autofocus, la dotazione di funzioni e alcuni aspetti costruttivi. Le reflex Pentax hanno anche il corpo tropicalizzato.

Nel segmento prosumer, la parola d'ordine resta full-frame, pur con qualche eccezione, come ad esempio la Canon EOS 7D Mark II, la Nikon D500 e la Pentax K-3 II, che sono APS-C.

Per chi non bada a spese e desidera il massimo, il mercato offre alcune soluzioni di altissimo livello, da completare degnamente con ottiche che in alcuni casi possono superare, per prezzo, anche quello del corpo macchina. Evitiamo di addentarci, volutamente, nel terreno delle ammiraglie come le Canon EOS-1D X Mark II o la Nikon D5, acquistate normalmente da professionisti per esigenze specifiche (fotografia pubblicitaria, sportiva e d'azione).

Aggiornamenti di luglio

Dopo la K-1, Pentax aggiunge alla sua line-up un nuovo modello APS-C di fascia media, la K-70, prima reflex della Casa con pixel a rilevamento di fase posti direttamente sul sensore CMOS da 24 M. Anche su questa macchina è stato usato il sistema Pixel Shift che riduce il rumore di crominanza ma, soprattutto, aumenta la risoluzione. La macchina dispone anche di simulatore di filtro AA, così si può decidere se massimizzare la risoluzione o ridurre l’effetto moiré. Caratterizzata da un design moderno, la K-70 offre un display da 3” totalmente orientabile ed il corpo tropicalizzato. Costa circa 1000 Euro in kit con il 18-135 mm, ma non entra ancora nella nostra guida all’acquisto perché al momento è solo prenotabile e occorrono circa 3 settimane per averla. 

Linee guida

  • Il prezzo delle fotocamere cambia piuttosto frequentemente e tende ad un progressivo ribasso, salvo qualche rara eccezione. Valutiamo i prezzi facendo una media di quelli on-line e riportiamo anche quello di Amazon Italia nel momento in cui stiliamo l'articolo.
  • Fino ai modelli per appassionati, il prezzo si riferisce normalmente alla macchina con l'obiettivo standard fornito in kit, altrimenti è specificato. Dalle reflex semi-professionali in su, riportiamo invece il prezzo del solo corpo.
ELENCO DELLE FOTOCAMERE TRATTATE NELLA GUIDA
Canon EOS 1300D Body Canon EOS 1300D Body
  
Nikon D3300 Nikon D3300
  
Sony Alpha 68 Sony Alpha 68
  
CANON - EOS 760D Nero Body CANON - EOS 760D Nero Body
eprice
Pentax K-S2 Pentax K-S2
yeppon
Nikon D5500 Nikon D5500
yeppon
Canon EOS 80D Canon EOS 80D
yeppon
Nikon D7200 Nikon D7200
eprice
Pentax K-S3 II Pentax K-3 II
  
SONY - Alpha 77 II Nero Body SONY - Alpha 77 II Nero Body
eprice
Nikon D500 Nikon D500
  
CANON - EOS 7D Mark II Nero Body CANON - EOS 7D Mark II Nero Body
eprice
CANON - EOS 6D Body CANON - EOS 6D Body
eprice
NIKON - D750 Nero Body NIKON - D750 Nero Body
eprice
Canon Eos 5d Mark III Body Canon Eos 5d Mark III Body
yeppon
Canon EOS 5DS Canon EOS 5DS
eprice
Nikon D810 Body Nikon D810 Body
yeppon