Recesso ADSL e telefono: i costi di disattivazione

di Alessandra Tiripicchio, 17 novembre, 2010 15:22

Tutto quello che dovete sapere sui costi di disattivazione dai contratti telefonici, TV ed Internet.

 

Recesso dai contratti di telefonia, TV ed Internet: costi di disattivazione o penali mascherate?

Grazie al celebre "decreto Bersani-bis", il consumatore che ha stipulato un contratto per adesione con operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazione elettronica può recedere dal contratto o trasferire la propria utenza presso altro operatore, senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell'operatore, il quale non può imporre un obbligo di preavviso superiore a trenta giorni. Il che, almeno in teoria, dovrebbe implicare, da un lato, la possibilità di recedere dal contratto in qualsiasi momento, senza pagare alcuna penale (come accadeva, invece, in precedenza) e, dall'altro, che le spese per il recesso devono essere "giustificate" dall'operatore.

Nella pratica è davvero così? E quali sono le spese "giustificate" e quelle, invece, "non giustificate" da costi dell'operatore?

Su quest'ultimo punto, il decreto sembra essere piuttosto vago. Di conseguenza, nonostante i buoni propositi del legislatore, per gli utenti risulta ancora oggi difficoltoso, sia in termini di tempo che di denaro, cambiare operatore telefonico, recedere dai suddetti contratti o, semplicemente, ottenere le dovute informazioni.

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (19)

1/2 avanti   
marcolau 17/11/2010 15:58
0
Agcom e' una farsa !

Basta guardare cosa hanno lasciato fare a Mr. Canguro con Sky !

A me non sembra legale constringere la gente a usare per forza il loro decoder se cosi si puo chiamre quel pezzo di latta,
Blissett 17/11/2010 16:24
0
Quindi dovevo pagare quei 60 euro che mi hanno chiesto al call center di teletu nonostante che ero con loro da circa 4 anni? Boh io gli ho mandati a quel paese e dichiarando anche intenzione di denunciarli per icontinui disservizi... ancora non mi è arrivato nulla da pagare dopo 2 mesi speriamo bene...
ALEX3ME 17/11/2010 16:26
0
sono dei criminali!!!
pronti ad accaparrarsi i soldi delle povere famiglie poco informate, pur di far ingrassare le loro panze!
balordi!
Takuya 17/11/2010 16:47
0
Quelli della Tiscali mi hanno chiesto 90 euro per passare a Infostrada!
the dark vash 17/11/2010 16:49
0
quando ho stipulato il contratto infostrada, ho letto della penale di 40 euro, che mi è stata confermata per telefono in questi giorni. siccome devo disattivare la linea per attivarla nella nuova casa, qualcuno sa darmi qualche informazione precisa? ho il contratto da giugno
Malmst33n[RPM] 17/11/2010 17:07
+7
vergognoso!
Qua bisogna mettersi in testa che alla "maniera italiana" (ovvero ognuno pensa per se) non si va da nessuna parte.
Quando anche noi italiani impareremo a riunirci a frotte x far valere i nostri diritti con una bella "class action" (per chi non sapesse:goo.gl/c9p2c) come in america, allora vedrete come si cagheranno sotto sti zozzoni.
Le battaglie di Don Chisciotte contro i mulini a vento insegnano!
Fino ad allora non lamentatevi, tanto non cambierà niente.

(scusate il turpiloquio)
Simone2007 17/11/2010 17:21
0

 Originariamente inviata da the dark vash

quando ho stipulato il contratto infostrada, ho letto della penale di 40 euro, che mi è stata confermata per telefono in questi giorni. siccome devo disattivare la linea per attivarla nella nuova casa, qualcuno sa darmi qualche informazione precisa? ho il contratto da giugno


l'unica cosa che ti posso dire è di chiudere e riaprire la linea (come mi è sembrato tu stia facendo). Non fare l'errore di chiedere il trasferimento come me... un disastro... 2 mesi senza linea e poi ho disdetto e sono ripassato a telecom... A infostrada non sono in grado di fare nulla.. non hanno tecnici, e il call center dice ogni volta una cosa totalmente diversa...
Fragger 17/11/2010 18:10
0
La cosa sconvolgente è che ci sono alcuni operatori telefonici (Teletu in primis) che sembrano voler strutturare il proprio "mercato", non tanto sulle nuove sottoscrizioni al loro ridicolo servizio, quanto sulle penali e sulle bollette gonfiate, nonchè sulle richieste di "recupero crediti" che i poveri malcapitati recedenti si trovano arrivare a fiumane dopo aver, legittimamente e liberamente, scelto di passare ad un altro operatore.
Francamente, lo trovo vergognoso.
Ma visto che siamo in Italia, penso di essere uno dei pochi a trovarlo vergognoso.
bargy 18/11/2010 07:49
0
I costi di disattivazione nel primo anno secondo me sono giustificati anche dal fatto che molti operatori offrono mesi gratis all'attivazione. E' quindi giusto far pagare una penale a chi se ne va prima.
Passato il primo periodo (stabilito chiaramente nel contratto) allora le penali non ci sono più: io ho staccato infostrada dopo1 anno e 3 mesi e non ho avuto alcun problema.

-m2c-
pulque 18/11/2010 09:05
0
Ho avuto una brutta esperienza con un noto operatore ma per fortuna,all'atto dell'invio della disdetta dopo 4 anni di abbonamento,ho annullato il RID bancario:dopo due mesi mi è arrivato il sollecito di pagamento (80 euro) in quanto a detta loro non avevano ricevuto la raccomandata..(????).Inviato fax con cartolina di ritorno e lettera di disdetta mi arriva sollecito per morosità di euro 300,00 circa...a loro dire avrei dovuto comunque pagare i 4 mesi oltre a non meglio precisati costi di disattivazione (aboliti da decreto Bersani).Ho pagato due bollette, che erano dovute, e a distanza di sei mesi ricevo la telefonata da un fantomatico studio di recupero crediti che mi sollecita (telefonicamente) ii pagamento........ma non può mettermi niente per iscritto (sic!)...da allora il nulla.....ergo a mio avviso ci provano e se va bene tanto meglio....
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Banda larga, Tom's Legal
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli