Adobe, Facebook e Twitter, paradiso dei criminali

di Valerio Porcu, 31 dicembre, 2009 10:26

Adobe diventerà il bersaglio principale per gli attacchi informatici, insieme ai social network.

Adobe sarà il bersaglio preferito degli attacchi informatici nel 2010, confermando una tendenza già vista nel 2009. Al centro del mirino la tecnologia Flash, presente in video, giochi e applicazioni, e Adobe Reader. Ce n'è anche per Facebook, Twitter.

Posizione poco invidiabile per Adobe.

"Ci aspettiamo che nel 2010 gli attacchi ai prodotti Adobe sorpasseranno quelli diretti contro Microsoft Office, quanto a numero di computer colpiti", si legge in un report di McAfee (pdf).

L'altro grande bersaglio, o meglio strumento di diffusione, saranno i social network. Come quest'anno, anche nel prossimo Facebook e Twitter saranno sfruttati per diffondere malware di ogni tipo.

Pericoli anche in HTML5 e Chrome OS, per il fatto che sono entrambi elementi chiave del passaggio al "tutto online", che probabilmente crescerà molto nel 2010.

McAfee ritiene che le botnet passeranno a modelli P2P, e che cominceranno a circolare trojan più sofisticati di quelli attuali, che prenderanno di mira direttamente i conti bancari.

Previsioni da cartomante o informazioni credibili? Quel che è certo è che si è parlato spesso delle vulnerabilità dei prodotti Adobe, così come del fatto che i social network offrono ai criminali la possibilità di sfruttare la "variabile fiducia" per indurre l'utente a cliccare su pagine dalle quali altrimenti si terrebbero alla larga.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (10)

Red.87 31/12/2009 10:35
0
Speriamo che HTML 5 sia un pericolo nel 2010! Vorrebbe dire che si è diffuso a sufficienza!

Per il resto, foxit reader FTW!
asdasdasd 31/12/2009 11:14
0
LOL avevo letto "Addio Facebook e Twitter..."

Se Magari....
pabloski 31/12/2009 11:32
0
beh però su html5 sono previsioni, in realtà non c'è ancora nessun noto e fondato motivo per pensare che possa essere vulnerabile

lo stesso dicasi per chrome....chrome os, poi, suvvia nemmeno è uscito e già è un pericolo??? ma chi le fa queste previsioni?

si concentrassero su software e problemi esistenti
supertigrotto 31/12/2009 11:42
0
è da molto che me lo chiedo........ma i cybercriminali non possono andare a lavorare normalmente invece di rompere le palle a tutti?
Già prendo uno stipendio ridicolo dopo 13 anni di lavoro in una azienda,si mettono pure a rubare sul mio magro conto corrente........
Sono sicuro che i bastardoni pigliano i soldi a chi ne ha già pochi.....ma che si vergognino,che vadano a raccogliere patate e pomodori!
Blackcat73 31/12/2009 11:51
0
Se non ricordo male quando ho scaricato adobe reader mi ha chiesto se volevo scaricare pure mcafee(cosa che non ho fatto) quindi queste dichiarazioni mi puzzano un po' di accordo.. ovvero comprate mcafee per proteggere adobe...
Neehon 31/12/2009 13:56
0

 Originariamente inviata da asdasdasd

LOL avevo letto "Addio Facebook e Twitter..."

Se Magari....



Sogna, sigh , guarda forse, ma FORSE, nel 2012...
CaFFeiNe666 02/01/2010 13:55
0

 Originariamente inviata da supertigrotto

è da molto che me lo chiedo........ma i cybercriminali non possono andare a lavorare normalmente invece di rompere le palle a tutti?
Già prendo uno stipendio ridicolo dopo 13 anni di lavoro in una azienda,si mettono pure a rubare sul mio magro conto corrente........
Sono sicuro che i bastardoni pigliano i soldi a chi ne ha già pochi.....ma che si vergognino,che vadano a raccogliere patate e pomodori!



a parte che se fosse per i "cybercriminali", punterebbero soldi da conti ricchi... ma guardacaso se lo facessero, li prenderebbero dopo pochi minuti... mentre se li rubano a te no...

ma cmq io sono "razzista" in ambito informatico
se non sei in grado di tenere al sicuro un conto online... non "hai diritto" ad usarlo.

con un automobile, non puoi rubare soldi, ma puoi uccidere le persone, e infatti devi avere un minimo di dimestichezza per usarla (patente).
allo stesso modo con il pc...fosse per me ci vorrebbe una patente che richiederebbe come minimo un anno di pratica costante giornaliera, in cose avanzate, prima di poterti dare la possibilita' di usare anche un servizio minimo, come registrare un email.

se non ti senti sicuro, non lo usi.

il rischio di frodi è il prezzo da pagare, per aver dato internet a persone dai 10 ai 90 anni, con competenze informatiche variabili dal nulla al "ne capisco qualcosa".

alla fine, nessuno ti obbliga a usare il conto online... le sedi fisiche delle banche sono ancora li'. puoi ancora andarci e fare le file.

il prezzo della comodita' della macchina, è che ti puo' succedere un incidente (dipende o no da te).

il prezzo della comodita' di internet è invece questo.

anzi in questo internet è ancora piu' sicuro di un automobile... in auto ti possono capitare situazioni, totalmente indipendenti da te.
su internet, è sempre colpa tua.
DrakeVanCaster 03/01/2010 12:14
0

 Originariamente inviata da caffeine

per aver dato internet a persone dai 10 ai 90 anni, con competenze informatiche variabili dal nulla al "ne capisco qualcosa".



ma si ovviamente tagliamo fuori tutti dalle innovazioni, bruciamo tutti no!
Prima o poi diverrai vecchio anche tu, e ti sentirai un dannato incompetente su cose che i tuoi nipotini sapranno fare ad occhi chiusi.

che schifo di mentalità che hai
bulletxt 03/01/2010 16:36
0

 Originariamente inviata da CaFFeiNe666


su internet, è sempre colpa tua.



Occhio, non innaugurare il 2010 con una super mega cazzata.
ask666 27/01/2010 07:06
0

 Originariamente inviata da CaFFeiNe666

su internet, è sempre colpa tua.



Bella questa .... PROFESSORE
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Domande e Risposte

Le Guide di Tom's Hardware

Sierra Nevada Dreamchaser - PR

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli