Adolescenti italiani malati di porno online e sexting

di Dario d'Elia, 19 settembre, 2012 11:59

I pediatri italiani sono preoccupanti per la diffusione del sexting e il porno online. Il 74% degli adolescenti maschi e il 37% delle femmine ricorre al web per fare sesso, vedere sesso, sapere tutto sul sesso o cercare un partner.

Gli adolescenti italiani si affidano a Internet "per fare sesso, vedere sesso, sapere tutto sul sesso o cercare un partner". Così sostiene il sessuologo Maurizio Bini, direttore del Centro riproduzione e del Centro dell'Osservatorio nazionale sull'identità di genere (Onig) dell'ospedale Niguarda di Milano. I dati sull'argomento verranno svelati durante il prossimo Congresso nazionale del Sindacato medici pediatri di famiglia, previsto per il 21 e il 22 settembre a Baveno.

"Il 74% degli adolescenti maschi e il 37% delle femmine ricorre al web per fare sesso, vedere sesso, sapere tutto sul sesso o cercare un partner", ha sottolineato il Dottor Bini, direttore. "Un dato che colpisce e che molto spesso i genitori sottovalutano".

Il sexting non è sempre pericoloso

Preoccupano soprattutto il sexting, la mania di diffondere foto intime via smartphone, e la fruizione ossessiva di materiale pornografico online. Nel primo caso siamo di fronte a un fenomeno mondiale, favorito dalle nuove tecnologie di condivisione digitale. In Italia si stima che il 20% degli adolescenti abbia inviato immagini di questo tipo e il 40% le abbia ricevute.

Insomma a un sexting attivo si affianca un ancora più pericoloso sexting passivo - "ugualmente rischioso per lo sviluppo dell'identità' sessuale del giovane". Per di più non è da sottovalutare il fatto che spesso queste immagini vengono spedite a più persone, e non solo al partner. Con il rischio di esporsi a pericoli di vario genere.

Nel secondo caso invece, ovvero il successo pornografia online, si tratta semplicemente di un effetto collaterale dovuto alla diffusione dei servizi gratuiti. Oggi il web offre migliaia di forum, piattaforme video e siti a contenuto pornografico che vivono della pubblicità e non impongono alcuna restrizione all'accesso. Senza contare l'incremento dei contenuti di carattere estremo, che sarebbero in grado di traumatizzare persino un adulto.

Il porno online può essere davvero scadente

"Esistono circa 2 miliardi di siti pornografici. Una possibilità di scelta infinita di immagini, che può provocare nel giovane evidenti ripercussioni sulla sessualità e in particolare sul rapporto di fedeltà al partner. Infatti, proprio per quest'ampia disponibilità, diversamente da quanto avveniva ai nostri tempi  si crea un rapporto con le immagini e l'immaginazione instabile: non si è fedeli al partner fantasma, lo si sarà probabilmente meno anche con il partner reale", sostiene il sessuologo.

Gli adolescenti hanno poi rapporti sessuali in anticipo rispetto a quando non avvenisse nell'era pre-Internet. "L'anticipo dei tempi di maturazione fisica e il ritardo di acquisizione del senso di autonomia e responsabilità hanno prolungato la fascia temporale dell'adolescenza", ha aggiunto Bini.

"Se fino a poco tempo fa si stimava nel 60% la percentuale di giovani che praticavano la prima sessualità di coppia in età adolescenziale, questo valore ha subito significativi incrementi. Inoltre la rivoluzione informatica ha complicato le cose perché ha consentito nuovi percorsi, spesso incomprensibili per le generazioni precedenti, per la soddisfazione sessuale individuale".

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (72)

1/8 avanti   
delta08 19/09/2012 12:25
+28
Bitch Please!
Tsaeb 19/09/2012 12:29
+31
beati i giovani d'oggi quindi...
xhogan89x 19/09/2012 12:29
+5
molti siti porno sono sono pubblicità ad altri siti e viceversa che non portano a nulla ma riportano nello stesso cerchio di partners... direi che esclusi quelli, si salvano ben pochi
icarium 19/09/2012 12:30
+42
Adolescenti??? ragazzini e ragazzine al giorno d'oggi sembrano esperti al pari di pornoattori/ici, un giorno ho sentito una discussione su di un pulman tra ragazzine di 15/16 anni.. cose che non si sentono e vedono neanche nei migliori film Hard
riddik1989 19/09/2012 12:31
+32
Hahahah mitici con la seconda foto
poi come non darvi ragione, la Tommasi manco a fare film porno se la cava bene
wingcla 19/09/2012 12:36
0
be ormai non si diventa più cechi ma ti si consuma il dito indice.
amedeoxb 19/09/2012 12:36
+24
"Esistono circa 2 miliardi di siti pornografici. "

io ne conosco solo 3
LUKE_94_94 19/09/2012 12:37
0
"Se fino a poco tempo fa si stimava nel 60% la percentuale di giovani che praticavano la prima sessualità di coppia in età adolescenziale, questo valore ha subito significativi incrementi. Inoltre la rivoluzione informatica ha complicato le cose perché ha consentito nuovi percorsi, spesso incomprensibili per le generazioni precedenti, per la soddisfazione sessuale individuale".
Quindi secondo i dati le femmine dovrebbero essere più arrapate visto che ne fanno meno uso
fabio-evo 19/09/2012 12:38
+2
almeno si fanno i calli per quando andranno a lavorare...
owairc 19/09/2012 12:38
+47
ai miei tempi:
i più fortunati guardavano i giornaletti procurati dal fratello maggiore
i più intraprendenti rubavano i giornaletti in edicola
i più sfortunati usavano Postalmarket e l'immaginazione

al giorno d'oggi è solo più semplice, ma non vengano a dirmi che 20 anni fa gli adolescenti non vedevano immagini di sesso.

E comunque:
Il 74% degli adolescenti maschi e il 37% delle femmine ricorre al web per fare sesso, vedere sesso, sapere tutto sul sesso o cercare un partner

quelle sono le percentuali di chi usa Facebook per rimorchiare e probabilmente sono anche sottostimate
1/8 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli