App per Android e iPhone, privacy sconosciuta

di Dario d'Elia, 21 dicembre, 2010 11:14

Il Wall Street Journal ha scoperto che la maggior parte delle applicazioni per Android e iPhone violano i diritti di privacy degli utenti. La questione di fondo è che il mercato smartphone è senza regole: la maggior parte dei prodotti non hanno policy adeguate.

Le applicazione per Android e iPhone sono accusate di collezionare i dati personali degli utenti per rivenderli al mercato pubblicitario. La scoperta è del Wall Street Journal, che in un recente articolo ha svelato quanto la privacy sia labile su smartphone. In verità il fenomeno è parzialmente noto, tanto più che anche le applicazioni terze su Facebook sarebbero responsabili dello stesso comportamento.

Il mobile a volte spaventa

La questione di fondo è che alcune applicazioni sono in grado di raccogliere molti dati dei possessori di smartphone: si pensi ad esempio alle abitudini online, note personali, riferimenti bancari, rubrica, etc. Tutta questa mole di informazioni ha un valore economico non indifferente che fa gola alle società di marketing.

Wall Street Journal a questo giro ha messo sotto accusa il programma di messaggistica TextPlus 4, il servizio Internet radio Pandora, MySpace per Android, il gioco Paper Toss e il software di incontri Grindr. Tutte avrebbero trasmesso l'ID del dispositivo a 8 società che si occupano di pubblicità – da Apple iAD a Google AdMob.

In verità delle 101 applicazioni mobili più popolari del mercato ben 56 si sarebbero dimostrate un po' troppo furbette nella gestione dei dati.

Come suggeriscono gli esperti se da una parte in ambito PC sono stati imposti dei paletti, nel settore smartphone non esistono neanche policy adeguate per la protezione della privacy. Le applicazioni spesso ne sono prive: insomma, mancano le regole.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (21)

1/3 avanti   
dst 21/12/2010 11:29
-18
In ambito app store la vedo difficile che ci siano molte app di questo tipo dato che, per essere approvate, non devono tracciare informazioni che non rientrino nelle clausole di app store e non POSSONO in alcun modo, inviare dati a server di terze parti, in questo apple è molto rigida
TheThane 21/12/2010 11:39
-1

 Originariamente inviata da dst

In ambito app store la vedo difficile che ci siano molte app di questo tipo dato che, per essere approvate, non devono tracciare informazioni che non rientrino nelle clausole di app store e non POSSONO in alcun modo, inviare dati a server di terze parti, in questo apple è molto rigida



Anche perchè se ti beccano, puoi anche vendere 5 milioni di app al giorno ma ti buttano fuori in tempo reale!
Tsaeb 21/12/2010 11:40
+23

 Originariamente inviata da dst

In ambito app store la vedo difficile che ci siano molte app di questo tipo dato che, per essere approvate, non devono tracciare informazioni che non rientrino nelle clausole di app store e non POSSONO in alcun modo, inviare dati a server di terze parti, in questo apple è molto rigida



appunto non a terze parti, ma direttamente ai server Apple così poi ci pensano loro a rivendere i dati sensibili....
R4z3R 21/12/2010 11:42
+3

 Originariamente inviata da dst

In ambito app store la vedo difficile che ci siano molte app di questo tipo dato che, per essere approvate, non devono tracciare informazioni che non rientrino nelle clausole di app store e non POSSONO in alcun modo, inviare dati a server di terze parti, in questo apple è molto rigida


Eppure.. http://www.tomshw.it/cont/news/applicazioni-iphone-e-android-violano-la-privacy/26473/1.html
Androidiano 21/12/2010 11:46
+7

 Originariamente inviata da dst

In ambito app store la vedo difficile che ci siano molte app di questo tipo dato che, per essere approvate, non devono tracciare informazioni che non rientrino nelle clausole di app store e non POSSONO in alcun modo, inviare dati a server di terze parti, in questo apple è molto rigida



" TextPlus 4, il servizio Internet radio Pandora, MySpace per Android, il gioco Paper Toss e il software di incontri Grindr. Tutte avrebbero trasmesso l'ID del dispositivo a 8 società che si occupano di pubblicità – da Apple iAD a Google AdMob"

...ovviamente...la notizia riporta l'esatto contrario di quello che affermi ma di sicuro si sono sbagliati e il cattivo è solo Google
j 21/12/2010 11:47
+2
C'è un elenco reperibile delle app incriminate?
ToroXp 21/12/2010 11:58
0


carina la foto.... lego Vs Playmobil

avevo scatoloni e scatoloni di playmobil....

che nostalgia...

tornando in tema, direi che non ce scandalo, ogni occasione è buona per intasarti di pubblicità spam e qualunque altra forma di stalking online. E sarà sempre peggio, fortunatamente esistono i filtri e gli antispam.
cybor 21/12/2010 12:12
-1
Mi accodo pure io alla richiesta dell'elenco.

Purtroppo, almeno in ambito Android, il problema adesso è ababstanza increscioso e poco gestibile dall'utente, all'istallazione e nella gestione delle applicazioni, viene segnalato le funzioni a cui il software accederà, però non è dettagliato, esempio, SipDROID legge i "dati di contatto" !! ma che vuol dire, gli servono solo per chiamare i numeri in rubrica o li memorizza sui i propri server ?

Almeno per alcuni parametri, vedi appunto la rubrica, dovrebbero segnalare in maniera più dettagliato l'uso che ne verrà fatto.
pasqu0 21/12/2010 12:14
-2
Secondo me stanno demonizzando un po' troppo la tutela dei dati privati...
sinceramente finchè non mi chiamano 100 volte al giorno per offerte pubblicitarie inutili io non ho nulla da nascondere e se vogliono possono pure leggere i miei sms...(tanto lo fanno già la mia ragazza, mia sorella, mia cugina...etc. e quindi sono di dominio pubblico!!!)
Inoltre a volte la pubblicità mirata può essere più utile di quella alla membro di segugio almeno posso vedere offerte interessanti e non il prezzo del lettino solare full optional!
Ovviamente tutto dipende dall'invasività nella privacy...qualcosa di poco invasivo è accettabile, qualcosa di molto invasivo subisce l'effetto opposto!
Tresh 21/12/2010 12:31
0
Si ma...a parte il FUD....come possiamo tutelarci noi?

Me ne faccio cavolo di sapere che di 101 applicazioni 56 sono "furbette" se poi non ho idea di quali siano e di come sia possibile individuarle.
Insomma che ne so che ad esempio "Myfininfo" non raccolga i dati che memorizzo?
1/3 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Smartphone, Privacy

In esclusiva per i nostri lettori


22MP55HQ-P
LG 22MP55HQ-P 22" IPS LED Wide FullHD 1920x1080 5m
LG modello 22MP55HQ-P è un monitor 22" IPS LED Wide 16:9 con risoluzione 1920x1080 pixel, ingresso VGA/HDMI, colore Nero.
€ 109,00 € 128,90 compra
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli