Apple mette fuori gioco Motorola in Germania

di Elena Re Garbagnati, 14 settembre, 2012 11:30

La corte di Monaco di Baviera ha accolto la richiesta di Apple e accordato il blocco temporaneo delle vendite per i prodotti Motorola Milestone XT720, Defy, Atrix e Xoom. Violano il brevetto dell'azienda di Cupertino sul rubber-banding. Per rendere esecutivo il provvedimento però Apple dovrà depositare 25 milioni di euro.

Gli smartphone Milestone XT720, Defy, Atrix e il tablet Xoom potrebbero essere ritirati dal mercato tedesco perché violano il brevetto di Apple sul "rubber-banding", ossia l'effetto a elastico degli elenchi di contenuti che scorrono verso l'alto o il basso. L'ha stabilito la Corte di Monaco di Baviera accogliendo la richiesta di Apple.

in Germania Apple ha ottenuto il blocco preliminare delle vendite dei prodotti Motorola

Il giudice tedesco ha dato quindi il via al blocco preliminare delle vendite, un provvedimento temporaneo limitato al tempo che trascorrerà in attesa della sentenza definitiva, e che prenderà corso solo se Apple depositerà 25 milioni di euro, che saranno usati a titolo di risarcimento per Motorola nel caso in cui il processo vero e proprio dovesse dimostrare che le accuse sono infondate.

L'ipotesi tuttavia è remota, perché nelle udienze che si sono susseguite negli scorsi mesi Motorola aveva dapprima riconosciuto l'infrazione e aveva cercato di far invalidare il brevetto, per poi cambiare strategia e negare la violazione. Da notare che Apple potrebbe anche non depositare il denaro e quindi non dare corso alla sentenza: sta infatti all'azienda valutare se l'investimento è giustificato, ossia se i terminali Motorola sotto accusa abbiano davvero un impatto negativo sulle vendite degli iPhone. Inoltre, è da considerare che il provvedimento è solo provvisorio e che quindi la spesa di Apple non sarebbe un investimento a lungo termine.

Motorola Milestone XT720 è fra i prodotti sotto accusa

Inoltre, come sottolinea Cnet, le vendite di Motorola in Germania sono molto basse quindi il calcolo dei danni che Apple ha subito potrebbe non essere tale da giustificare un deposito di 25 milioni di euro. L'ipotesi è suffragata anche dalla presunta crisi delle vendite europee di Motorola di cui riferiva qualche giorno fa il Corriere delle Comunicazioni. Secondo indiscrezioni non ufficiali, infatti, sarebbe imminente un forte ridimensionamento delle filiali nel Vecchio Continente, con la chiusura delle sedi in Italia, Spagna, Portogallo e Grecia, e un pesante ridimensionamento di quelle in Francia, Gran Bretagna e Germania.

In sostanza questa causa potrebbe avere i connotati dell'ennesima puntata della guerra privata di Apple contro Android, che ha coinvolto Motorola più per un questione di puntiglio che per un reale danno all'economia aziendale di Cupertino.

Al momento non è chiaro se Motorola intenda ricorrere in appello, possibilità che non è da escludere. ArsTechnica riporta una dichiarazione dell'azienda in cui si legge che "sulla base dei risultati di oggi il blocco avrà un impatto minimo". Non è da dimenticare inoltre che Motorola potrebbe scamparla aggiornando il software in modo da eliminare gli elementi sotto accusa: un giochetto che Samsung, HTC e altri hanno già fatto più volte.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (39)

1/4 avanti   
italo1111 14/09/2012 11:35
+33
non se può più. bastaaaaaaaaaaaaaa
TommyIT 14/09/2012 11:36
+25
Tra un po' brevetteranno anche le mele, ormai la apple è non sa più che inventarsi ed è in inesorabile declino (non economico).
E' come la roma nell'età di augusto, massima espansione politico/economica ma a livello sociale nettamente inferiore ai tempi della repubblica.
checo 14/09/2012 11:37
+1
senza contare che sono modelli vecchi alcuni tipo l'xt720 non più in produzione.

se non depositano i soldi cmq si evince, quello che era già chiaro, che non lo fanno perchè danneggiati nelle vendite, ma per colpire android.
Soul91 14/09/2012 11:38
+8
Signore gesù basta, Apple se non vuoi avere concorrenti perfavore datti all'estrazione dell'acqua su Marte (ammesso che ce ne sia) almeno sarai sicuramente la prima in qualcosa e poi potrai citare in giudizio anche i marziani
Spawnez 14/09/2012 11:39
+10
"Gli smartphone Milestone XT720, Defy, Atrix e il tablet Xoom potrebbero essere ritirati dal mercato tedesco perché violano il brevetto di Apple sul "rubber-banding", ossia l'effetto a elastico degli elenchi di contenuti che scorrono verso l'alto o il basso."

Non ho più parole...
Dime 14/09/2012 11:46
+21
In effetti hanno un pò rotto il ca**o!
g.dragon 14/09/2012 11:49
+16
Ma si.. chi è che diceva che c'è l'avevano con samsung perché copiava spudoratamente i loro prodotti?? ad Apple interessa solo bloccare/distruggere la concorrenza. Questo è un dato di fatto!! tutta la concorrenza. Vogliono essere i soli a produrre smartphone e tablet.

Uno smartphone userà un milione di brevetti diversi. Mi sembra logico che smartphone diversi abbiano qualche brevetto in comune. è impossibile il contrario. é come se io di un automobile brevetto le marce, il volante, i sedili, le ruote e tutto il resto. come fai a produrre un automobile che non violi tali brevetti??

In ogni caso basta una patch (un aggiornamento) e il problema è risolto. Ma Apple ha rotto davvero le @@
xsandro 14/09/2012 11:50
+2
Si diceva tanto del sistema di brevetti Americano....
Ma allora, anche qui in Europa (in questo caso in Germania) si possono brevettare cose del genere, e non solo il codice che le genera!?!?
ciaccaerre 14/09/2012 11:51
0
tanto vendono milioni di dispositivi comunque. Bloccare motorola è come "darghe a uno che cag*"...
jmpde 14/09/2012 11:51
+4
I prodotti Apple cominciano ad essere non innovativi ma fonte di guadagno per via dei brevetti. Si allungano e basta.
Alla prossima "big thing" sarà fuori dal mercato.
1/4 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli