Cassazione: il tuo capo può controllare le tue mail

di Dario d'Elia, 24 febbraio, 2012 11:22

La sentenza 2722/U della sezione Lavoro della Cassazione ha stabilito che il controllo delle mail da parte del datore del lavoro è lecito se conseguente all'individuazione di presunti illeciti da parte del dipendente.

Un qualsiasi datore di lavoro può, in totale legalità, controllare il traffico online e la posta elettronica di un proprio dipendente. L'unico vincolo, stabilito dalla sentenza 2722/U della sezione Lavoro della Cassazione, è che siano stati rilevati elementi "tali da raccomandare l'avvio di una indagine retrospettiva".

La Corte ieri ha reso nota una sentenza riguardante il caso di un funzionario di un istituto di credito licenziato per giusta causa nel 2004. In pratica aveva divulgato via mail informazioni riservate riguardanti un correntista e poi grazie a queste attuato vantaggiose operazioni finanziarie.

Dopo la condanna in Appello per violazione del segreto bancario, del codice deontologico e del regolamento interno aveva tentato la via della Cassazione. Insomma, ha giocato la carta dell'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, che vieta alle aziende l'utilizzo di sistemi di controllo a distanza per i lavoratori. Per altro le uniche deroghe previste riguardano specifiche disposizioni dell'ispettorato del lavoro, un eventuale accordo con i sindacati oppure esigenze di tipo produttivo/organizzativo.

Effettivamente l'istituto di credito non avrebbe potuto accedere alle mail del funzionario, ma secondo i giudici l'attività di controllo sulle infrastrutture informatiche aziendali rientra in una prassi di tutela del patrimonio dell'impresa. E dato che il patrimonio non è solo fatto da asset patrimoniali ma anche di immagine è evidente che una violazione di questo tipo può ledere l'elemento fiduciario con i clienti.

In ogni caso il controllo dettagliato delle mail da parte della banca è avvenuto solo a seguito dell'individuazione dei presunti illeciti. Il caso vuole che non vi fossero accordi di alcun tipo (sindacali o di altro genere) che potessero vietare i cosiddetti controlli preventivi. Insomma, si può concludere che di fronte a qualsiasi tipo di illecito il datore di lavoro ha il diritto di risalire a posteriori a ogni comportamento tenuto dal suo dipendente. Ben diverso il caso invece della continua "sorveglianza sull'esecuzione delle prestazioni", che ovviamente è illegale o comunque severamente regolamentata.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (21)

1/3 avanti   
Alex666 24/02/2012 11:32
+24
Azz,scusate ma chiudo subito la pagina di Tom's!
bauer 24/02/2012 11:36
+10
"Ben diverso il caso invece della continua "sorveglianza sull'esecuzione delle prestazioni", che ovviamente è illegale o comunque severamente regolamentata."



questa frase dice tutto... voglio vedere quanti rispettano questa cosa...
TheThane 24/02/2012 11:45
+10
Cioè mancava solo che gli dessero ragione e venisse reintegrato !
Ah dite che è già capitato?
rhapsody87 24/02/2012 11:59
+2
si ma questo è un ***...
alfa33 24/02/2012 12:22
+2
Naturalmente, anche se non mi pare specificato, si stanno riferendo esclusivamente alla mail aziendale, no?

Perché la mail privata non la vedono neanche da lontano... mentre l'aziendale la possono guardare quando vogliono visto che lascio il pc loggato con la mail aperta 24H al giorno
Dumon 24/02/2012 12:27
+3
Il controllo può essere fatto solo ex post.

cioè in seconda battuta, l'azienda a seguito dell'emersione di elementi di fatto «tali da raccomandare l'avvio di una indagine retrospettiva» può accedere alla corrispondenza telematica del dipendente. E se ravvede delle violazioni gravi licenziarlo.

http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-02-23/sospetti-datore-controllare-vecchie-182707.shtml?uuid=AamsXdwE

Lo trovo giustissimo, si può controllare, ma solo se c'è un'inadagine.
Dufresne 24/02/2012 12:51
+1
E meno male, aggiungerei!!!
corigan 24/02/2012 12:52
0

 Originariamente inviata da Dumon

Il controllo può essere fatto solo ex post.

cioè in seconda battuta, l'azienda a seguito dell'emersione di elementi di fatto «tali da raccomandare l'avvio di una indagine retrospettiva» può accedere alla corrispondenza telematica del dipendente. E se ravvede delle violazioni gravi licenziarlo.

http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-02-23/sospetti-datore-controllare-vecchie-182707.shtml?uuid=AamsXdwE

Lo trovo giustissimo, si può controllare, ma solo se c'è un'inadagine.




io invece sono perplesso:
- il garante della privacy come la pensa al riguardo?
- cosa cambia effettivamente da questa sentenza?
- per controllare ex-post devo avere un sistema di archiviazione del traffico e delle email continuo e personale... insomma devo monitorare tutti ma non guardare nessuno, fino a quando l'azienda subisce o dice di subire un illecito.
messaggero57 24/02/2012 12:56
+4
Sì, ma bisogna essere dei deficienti per divulgare tramite la posta aziendale i dati sensibili di un cliente cercando pure di guadagnarci: vuol dire proprio cercarsi rogne!
DeepEye 24/02/2012 13:01
+10
Nell'era dei smartphone ed internet senza fili, utilizzare le infrastrutture aziendali per i propri comodi, specie quando si corre il rischio di essere nel torto, è da decerebrati.
1/3 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli