Diffondiamo il Wi-Fi, proposta di legge bi-partisan

di Dario d'Elia, 26 novembre, 2009 17:10

Roberto Cassinelli, il deputato blogger del Popolo della Libertà, rilancia con una proposta di legge a favore del Wi-Fi

Una proposta di legge, sostenuta da uno sparuto gruppo di deputati della PdL e del PD, si propone di "incentivare l'utilizzo di punti di accesso pubblici e senza fili per accedere ad internet". Dietro l'iniziativa Roberto Cassinelli, il deputato blogger del Popolo della Libertà che già in passato si è fatto promotore di progetti legislativi bi-partisan riguardanti il settore digitale.

Il deputato Roberto Cassinelli

"[…] in Italia non è così semplice connettersi al web fuori di casa: o si dispone di una "chiavetta" o comunque di altro dispositivo mobile […] oppure - per fruire di punti di accesso pubblici, anche gratuiti - è necessario sottostare ad una procedura piuttosto macchinosa, che è un grosso freno allo sviluppo ed alla diffusione di postazioni pubbliche di accesso ad internet", scrive Cassinelli sul suo blog.

Il problema della mancata diffusione è dovuto soprattutto alla normativa sull'antiterrorismo approvata nel 2005, subito dopo i tragici attentati di Londra. "[…] è necessario che ogni utente si presenti fisicamente da un addetto dell'internet point o dal gestore della rete wireless, al quale deve consegnare l'originale del proprio documento d'identità che verrà fotocopiato ed archiviato", continua il deputato.

Insomma, per i firmatari della proposta di legge n. 2962, ovvero Cassinelli, Michele Scandroglio (PdL), Antonio Palmieri (PdL), Paola Concia (PD) e Vinicio Peluffo (PD), è arrivato il momento di semplificare le procedure nel rispetto comunque della sicurezza. Un'ipotesi è quella di sfruttare il riconoscimento della SIM: "chi tenta di accedere ad internet tramite una rete wireless pubblica viene bloccato da una finestra che richiede l'inserimento del numero di cellulare. Per potere navigare, l'utente è obbligato ad inserirlo. In pochi secondi, ed in via del tutto automatica, l'utente riceve sul proprio telefonino un sms contenente un codice tramite il quale può sbloccare il sistema ed accedere senza problemi alla rete".

"La mia proposta di legge lascia spazio all'eventualità in cui l'utente possa usufruire di una connessione pubblica senza essere affatto identificato. Trattandosi di un argomento molto delicato, però, si delega il Ministro dell'interno a stabilire, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro della pubblica amministrazione e innovazione, i casi in cui è necessaria l'identificazione dell'utente", si legge sul blog di Cassinelli.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (15)

1/2 avanti   
Kuarl 26/11/2009 17:33
0
minchiate. Invece di pensare a ste scemenze qui che investissero soldi sul digital divide. Quando leggo queste cose mi viene una tal voglia di bestemmiare....
Blissett 26/11/2009 17:38
0
Geniale sto Cassinelli, usare l'sms è un'ottima idea ma chi lo paga? eheheh
redeemer 26/11/2009 17:42
0
A me sembra un'ottima idea. Un giusto mix tra obbligo di identificazione e facilità nella fruizione.
daniele_8Dj 26/11/2009 17:57
0
cablate l'italiaaaaaaaaaaaaaa
Twest 26/11/2009 17:58
0

 Originariamente inviata da Blissett

Geniale sto Cassinelli, usare l'sms è un'ottima idea ma chi lo paga? eheheh



e sarebbe questo il problema?
nucce 26/11/2009 18:02
0
Un buon punto di partenza per questo problema, ma tanto si sa benissimo che se verrà presa in considerazione (la proposta di legge) è già tanto...non passerà mai, non verrà mai discussa in parlamento!
Davide Olianas 26/11/2009 18:03
0
D'accordo sul digital divide che sarebbe da colmare urgentemente, ciò non toglie che il Wi-Fi gratuito e facilmente accessibile sia una buona cosa...
gopium 26/11/2009 18:08
0

 Originariamente inviata da Davide Olianas

D'accordo sul digital divide che sarebbe da colmare urgentemente, ciò non toglie che il Wi-Fi gratuito e facilmente accessibile sia una buona cosa...



Completamente daccordo
edo82 26/11/2009 18:08
0

 Originariamente inviata da Kuarl

minchiate. Invece di pensare a ste scemenze qui che investissero soldi sul digital divide. Quando leggo queste cose mi viene una tal voglia di bestemmiare....



Quella che hai letto è un'ottima iniziativa, ci sono una molteplicità di problemi e vanno affrontati tutti da più parti...non esiste solo il problema del digital divide, che peraltro concordo con te va affrontato al più presto.
the-smoker 26/11/2009 18:42
0
bha
McDonald , da il wifi gratis con un mcMenu
e stai su un tavolino dove poter mettere il laptop

i politici ...
arrivano sempre tardi

e devono regolamentare tutto
anche la lunghezza delle code dei gatti/cani

poi la gente si rompe e fa quello che gli stratazzo gli pare ...
compreso attaccarsi a una Fonera (di cui i politici non sanno un tazzo)

o lasciare aperto l'ap ai vicini di casa
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Banda larga
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli