E-commerce alle stelle malgrado l'ignoranza informatica

di Dario d'Elia, 16 maggio, 2012 17:17

Il mercato italiano del commercio elettronico continua a cresce a prescindere dagli analfabeti digitali, la crisi e la bassa diffusione broadband. Questo il quadro complessivo delineato dall'ultimo rapporto Netcomm eCommerce. "Secondo le stime, la crescita del commercio elettronico italiano per il 2012 si manterrà intorno al 18%, un valore poco distante da quello dello scorso anno, per un fatturato previsto di circa 9,5 miliardi di euro", ha dichiarato Alessandro Perego, Responsabile Scientifico Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano. "L’export, composto per il 55% dal turismo e per il 33% dall’abbigliamento, cresce del 21% e raggiungerà a fine 2012 un valore totale di oltre 1,6 Miliardi di euro".

Italiani!

Ovviamente permangono i problemi di sempre. Gli italiani che usano la rete nelle fasce d’età tra i 55 e i 74 anni sono il 22%, contro una media europea del 40%; quelli tra i 25 e i 54 anni sono il 60%, contro una media del 76%; quelli tra i 16 e i 24 anni sono l’81%, contro una media del 91%.
Tra gli italiani che navigano solo il 15% effettua acquisti online, contro una media europea del 43%. In Spagna sono il 27%, in Francia il 53%, in Germania il 64% e in UK il 71%. "Sempre da un confronto con gli altri paesi, emerge come l’Italia resti indietro sia in termini di livello di innovazione tecnologica e produttività - posizionandosi esattamente nel quadrante opposto rispetto agli USA – sia per quanto riguarda la competitività e la penetrazione della banda larga", sottolinea il comunicato ufficiale Netcomm eCommerce.

Italiani e Internet - Clicca per ingrandire

"La strategia di Netcomm si baserà quindi su 5 pilastri fondamentali ovvero sviluppo dell’offerta, incentivi alla domanda e all’export, semplificazione delle regole, sviluppo di sistemi di pagamento-logistica, codici-condotta-certificazione", ha aggiunto Roberto Liscia, Presidente di Netcomm. 

Italiani e Internet - Clicca per ingrandire

"Tra le proposte per le imprese chiederemo la detassazione parziale dei ricavi delle PMI da eCommerce internazionale B2C e la concentrazione dei fondi europei su priorità coerenti con gli obiettivi dell’Agenda Digitale. Per le famiglie, IVA ridotta al 10% per eCommerce di prodotti B2C, sviluppo di sistemi di pagamento elettronici di home banking basati su SEPA come MyBank e certificazioni di qualità. Inoltre la creazione di distretti virtuali digitali e consorzi di imprese attraverso opportuni strumenti finanziari, sviluppo di piattaforme WIKI delle imprese del Made in Italy per consentire alle piccole aziende italiane di consorziarsi e la creazione di un Istituto per il Commercio Estero Digitale".

Se il commercio elettronico va così bene malgrado la crisi e tutti gli altri limiti del nostro paese c'è da credere che con un piccolo miglioramento migliaia di negozi tradizionali sarebbero costretti a chiudere. 

Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell