Europa 7 sarà risarcita dallo Stato italiano con 10 milioni

di Dario d'Elia, 08 giugno, 2012 10:05

La Corte UE per i diritti umani ha sanzionato lo Stato italiano per la vicenda Europa 7. Il suo diritto di trasmettere è stato leso per 12 anni. Le responsabilità della politica sono lapalissiane.

Lo Stato italiano dovrà risarcire con 10 milioni di euro per i dodici anni di abusi subiti da Europa 7. La Corte europea dei diritti umani ha condannato il nostro paese per aver ostacolato la messa in onda dell'emittente, o meglio per aver bloccato l'esercizio del diritto di diffondere informazioni e idee. Lo Stato non ha garantito in questo caso l'accesso al mercato e quindi una differente offerta televisiva e di opinioni. Una vicenda davvero imbarazzante che è iniziata nel 1999, quando Europa 7 ha ottenuto la licenza per trasmettere sull'80% del territorio nazionale con tre frequenze televisive.

In pratica avrebbe dovuto solo attendere il piano frequenze ma il ministero delle comunicazioni decise di lasciar proseguire le trasmissioni analogiche (eccedenti) di Rete 4 e TELE+ Nero. Erano i tempi del primo Governo D'Alema, seguito allo sfiduciato Prodi I. Nessuno si prese la responsabilità di togliere a Mediaset per dare all'editore televisivo Francesco Di Stefano. E così tra forze politiche impotenti e conflitto di interessi siamo giunti a oggi.

Di Stefano di Europa 7

Europa 7 "poteva ragionevolmente aspettarsi di trasmettere entro massimo due anni ma non ha potuto farlo perché le autorità hanno interferito con i suoi legittimi diritti con la continua introduzione di leggi che hanno via via esteso il periodo in cui le televisioni che già trasmettevano potevano mantenere la titolarità di più frequenze", come sottolinea la sentenza.

Di Stefano è riuscito fra mille difficoltà ad accendere la sua TV nel 2009 sfruttando una sola frequenza e oggi vanta un canale HD sul digitale terrestre. Resta il fatto che per 12 anni è stato tenuto fuori dai giochi.

"È una sentenza molto dura nei confronti dell'Italia, che farà giurisprudenza, ma è mancato il coraggio di dare una sanzione importante al nostro Paese", ha commentato Di Stefano. "Anche il fatto che sul risarcimento si sono spaccati i giudici 9 a 8 la dice lunga sugli interessi in campo". L'editore infatti aveva chiesto 2 miliardi di euro e ha ottenuto solo 10 milioni: una cifra che certamente non lo ripaga dei 90 spesi nel tempo e dei mancati introiti.

"La condanna che arriva dalla Corte europea dei diritti umani sul caso Europa 7 è solo la conferma dei danni prodotti da Berlusconi e dal suo governo", ha dichiarato Antonio Di Pietro dell'IDV. La sentenza, per Vincenzo Vita del PD, è un chiaro esempio "del dramma italiano dei media: dalla concentrazione delle frequenze private nelle mani di Mediaset, al conflitto di interessi, agli errori più gravi della legge Gasparri ma anche alle incertezze del centrosinistra".

Vita ha ragione: la responsabilità ricade su tutti. Perché ai tempi del primo Governo D'Alema il ministero delle Poste e Telecomunicazioni era in mano a Antonio Maccanico (UD) ma come Sottosegretari c'erano lo stesso Vita e Michele Lauria (PPI).

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (37)

1/4 avanti   
rinoceronte 08/06/2012 10:12
+12
per pagarli si potrebbero usare i conti in Tanzania di certa gente della Lega anzichè usare ulteriormente le tasche degli Italiani...
...visto che al governo c'erano proprio loro quando hanno permesso questi impicci!
s4ndro 08/06/2012 10:14
+41

 Originariamente inviata da rinoceronte

varei un'idea democratica: per pagarli si potrebbero usare i conti in Tanzania di certa gente della Lega anzichè usare ulteriormente le tasche degli Italiani...

visto che al governo c'erano loro!



In realtà è il nano che ha tenuto rete4 in chiaro... dovrebbe pagare lui e la sua azienda fallimentare

in ogni caso dal 1999 ad oggi ne sono passati di governi
g.dragon 08/06/2012 10:17
+20
Io non so voi ma mi sono veramente ROTTO (scusate il termine)!! tanti sacrifici, tante tasse, e poi dobbiamo pagare le spese per i magheggi fatti da certi soggetti.

Perché questi 10 milioni non li fanno pagare al colpevole di tutto questo e non ai cittadini??

La situazione in cui si trova l'Italia oggi è il risultato delle leggi "a personam" fatte da alcuni famosi personaggi.
NickGi 08/06/2012 10:19
+60
Scusate se sono OT, ma sta barra che mi insegue è snervante, l'ho dovuta disattivare con AdBlock!
Vik 08/06/2012 10:20
+10
Voglio proprio vedere se il governo Monti farà gli interessi dell'Italia intera e se chiederà ai veri responsabili, ovvero Berlusconi e il governo Prodi, di risarcire i 10 milioni... Chi viene a fare la rivoluzione? Non se ne può più!
pido 08/06/2012 10:20
+9
NON è possibile promuovere una class action per fare pagare chi volutamente e colpevolmente ha impedito che venisse applicata la legge.
Non sono imputabili per omissione di atti d'ufficio o per interesse privato in atti d'ufficio?
Poterne mandare qualcuno in galera sarebbe una soddisfazione.
Zeta 08/06/2012 10:21
+6
Io a tutti questi maledetti personaggi politici che hanno portato a questo, per conflitto di interessi o incapacità di intervenire, confischerei tutti i beni (loro o riconducibili) fino al raggiungimento della somma che ci hanno accollato!
Qubit 08/06/2012 10:23
+7
Perchè noi?
Dovrebbe pagare chi ha tratto beneficio dalle frequenze !!

"Vita ha ragione: la responsabilità ricade su tutti. Perché ai tempi del primo Governo D'Alema il ministero delle Poste e Telecomunicazioni era in mano a Antonio Maccanico (UD) ma come Sottosegretari c'erano lo stesso Vita e Michele Lauria (PPI)."

E necessario trovare i Responsabili, pubblicare i loro nomi, e rimuoverli da ulteriori incarichi pubblici...poi sono disposto anche a pagare!
Absolute 08/06/2012 10:23
+17

 Originariamente inviata da s4ndro

In realtà è il nano che ha tenuto rete4 in chiaro... dovrebbe pagare lui e la sua azienda fallimentare

in ogni caso dal 1999 ad oggi ne sono passati di governi


Dal 1999 ad oggi abbiamo avuto 10 anni di Berlusconi e 2 di Prodi....
camel_light 08/06/2012 10:26
+3
me sò veramente rotto il *****
1/4 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Finanza e Mercati, Italia, TV
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli