Film iTunes che sembrano Blu-Ray, in metà spazio

di Valerio Porcu, 15 marzo, 2012 11:19

Il nuovo formato video di iTunes non è esattamente un Full-HD, ma a 1980x798 riesce a dare una qualità vicina a quella di un Blu-Ray, con un file grande meno della metà. Insieme ad AirPlay e all'integrazione con iOS, oggi la Apple TV a 109 euro è ancora più interessante.

Apple ha recentemente aggiornato iTunes e aggiunto i film in alta definizione (1920x798), coerentemente con l'introduzione della nuova Apple TV e del nuovo iPad. Il nuovo formato non è una sorpresa di per sé, ma da subito è emerso un aspetto rilevante: i nuovi film "pesano" solo una volta e mezzo quelli a 720p, sebbene la risoluzione sia oltre il doppio.

Il risparmio di spazio è possibile grazie alla compressione con il codec H.264, grazie al quale è possibile compattare in 3,26 GB il video con audio AAC e Dolby 5.1. Il vantaggio è evidente: visto che si tratta di dati da scaricare via Internet, più sono "leggeri" e il download si conclude più velocemente.

iTunes a sinistra, Blu-Ray a destra

Qualcuno però si è chiesto se questa scelta compromette la qualità, e Iljitsch van Beijnum di ArsTechnica ha provato a dare una risposta. Ne emerge che i film iTunes a 1080p hanno una qualità d'immagine che "quasi raggiunge un Blu-Ray" per livello di dettagli. In alcuni punti il vantaggio del disco ottico è più evidente che in altri, e crediamo che si sarebbero potute usare immagini più ricche di dettagli e colori, ma anche così è un confronto interessante.

Con iTunes quindi si occupa meno della metà dello spazio rispetto a un BD rippato, che richiede tipicamente poco più di 8 GB (possono diventare facilmente 15 GB).

La Apple TV è quindi oggi un prodotto più interessante, con tutti i limiti che l'accompagnano. Non ha memoria interna, né può collegarsi a un HDD esterno. D'altra parte si può controllare con un iPad o iPhone, e riprodurne i contenuti con AirPlay; può collegarsi a un computer (Windows od OS X), o riprodurre video e audio in streaming online.

Un acquisto intelligente?

Per 109 euro è probabilmente un acquisto interessante, soprattutto per chi già usa e ama i prodotti Apple. Peccato che rispetto a quanto c'è negli Stati Uniti l'offerta di film sia ridottissima, per non parlare di serie TV o altro. Inoltre è impossibile vedere un film in lingua originale.

La colpa non è di Apple: anche Google Play per ora in Italia non è che un cambio di nome per l'Android Market, proprio perché nel nostro Paese vige una legislazione sulla cessione di diritti farraginosa, complessa e contorta. L'ideale per tenere lontano idee innovative che possano minacciare solide realtà affaristiche ben poco inclini ad accettare i cambiamenti.

Pensando a iTunes, a GooglePlay, o Amazon e NetFlix (in pochi paesi) è naturale chiedersi quando il digital delivering metterà fine al mercato dei supporti ottici. Non succederà in tempi brevi, ma non dovremo nemmeno aspettare molti anni.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (82)

  indietro 2/9 avanti   
Sheldon Cooper 15/03/2012 11:37
+1
Per un film in 2.35:1 sono quasi lo stato dell'arte (se si eliminano le bande nere la risoluzione è 1920x800 circa)

Si perde un po' di più per gli 1.85:1 e i 16:9, ma rimane comunque un elevata qualità.

Ecco, un film così, ad un prezzo onesto (1 euro il noleggio per due-tre visioni o 5 l'acquisto definitivo senza pippe di drm varie) lo pagherei tranquillamente.
bigfoots 15/03/2012 11:39
+3
Beh mica tanto simili... guardate la fronte o il naso o le ciglia dell'occhio di sinistra per vedere la differenza di dettaglio!!!
Poi sinceramente potevano prendere un'immagine con più di una manciata di colori... perchè sono tutti buoni a comprimere di più se i colori sono così omogenei!!!!!

A mio modesto parere è il solito fumo negli occhi per giustificare l'ennesimo prodotto limitato della mela marcia!
azzurrino 15/03/2012 11:39
0
Le differenze (anche se minime) tra le 2 immagini si vedono... quella a sinistra sembra leggermente meno nitida; poi magari con le immagini in movimento sarà impossibile distinguerle
texo 15/03/2012 11:41
+3

 Originariamente inviata da il_lazza

mi stupisce è questa strana risoluzione



Cosa ha di strano? Il 1920 è l’attuale standard per l’alta definizione, mentre la risoluzione in altezza varia a seconda delle proporzioni in cui è girato il film. Dovevano forse far scaricare anche le bande nere?

 Originariamente inviata da Seraph84

si ok ma anche se un film fosse da 3GB, in quanti in italia potranno vederselo in tempi ragionevoli???



Io non ho una linea fantastica, ma immagino che basti poco come buffering. Guardando i trailer in HD partono quasi istantaneamente.
Anche io credo che i prezzi siano alti, penso però che proverò qualcosa in offerta. Ogni settimana qualche titolo a 99 centesimi c’è.
texo 15/03/2012 11:45
0

 Originariamente inviata da bigfoots

Poi sinceramente potevano prendere un'immagine con più di una manciata di colori... perchè sono tutti buoni a comprimere di più se i colori sono così omogenei!!!!!



Qui c’è qualche colore in più http://static.arstechnica.net/2012/03/13/itunesbluray2-4f5f9f6-intro.jpg
StefanoMac 15/03/2012 11:45
+2

 Originariamente inviata da g.dragon

non capisco perché abbiano adottato quella risoluzione. non rispetta nemmeno i 16:9


beh quel formato è vicinissimo al 2,39:1, il formato panoramico usato attualmente al cinema.
Quindi questa risoluzione è molto più appropriata rispetto ai famosi 1080p (infatti se provi a rippare un blu-ray noterai che la risoluzione del file finale è più o meno quella).
Naigle 15/03/2012 11:46
+2

 Originariamente inviata da TheRealFoggy

la risoluzione nel sottotitolo é sbagliata! 1980x798 mi sembrava particolarmente fuori standard! Non che un aspect ratio di 2.5:1 lo sia, eh.. Ma a questo punto...un bluray rip effettuato a risoluzione standard - 1920*1080 - con lo stesso codec, quanto occuperebbe? Anche perché immagino il formato iTunes includa solo una lingua in AC3, mentre nei bdrip si trovano spesso tutte le lingue.. Bisognerebbe fare dei test, x capire se davvero ne valga la pena o se si tratta di solo marketing!


lo stesso.
Nessun film in bluray ha una risoluzione laterale a 1080p!
sono tutti 1920*800.
solo le serie tv e alcuni film minori sono a 1920*1080.
g.dragon 15/03/2012 11:47
0

 Originariamente inviata da Sheldon Cooper

Per un film in 2.35:1 sono quasi lo stato dell'arte (se si eliminano le bande nere la risoluzione è 1920x800 circa)

Si perde un po' di più per gli 1.85:1 e i 16:9, ma rimane comunque un elevata qualità.

Ecco, un film così, ad un prezzo onesto (1 euro il noleggio per due-tre visioni o 5 l'acquisto definitivo senza pippe di drm varie) lo pagherei tranquillamente.


si ma qui si parla anche di 1980. Quale tv(o monitor) ha una risoluzione orizzontale cosi elevata?? Si rischia che 60 pixel non vengono visualizzati. ok non sono tanti ma continuo a non capire la scelta.

e per i film dove non si vedono le bande nere?? e perché continuano a produrre Tv con display da 16:9 quando l'ideale a questo punto sarebbero i 20:9

edit: come non detto credo ci sia un errore nel sottotitolo(viene citata 1980x798) . se le dimensioni fossero quindi 1920 x 768 non ci dovrebbero essere problemi.
Alex666 15/03/2012 11:50
+3

 Originariamente inviata da azzurrino

Le differenze (anche se minime) tra le 2 immagini si vedono... quella a sinistra sembra leggermente meno nitida; poi magari con le immagini in movimento sarà impossibile distinguerle




ma infatti dicono "quasi" come il blue ray.E se è in metà spazio ha anche un suo perchè.
jokerellone 15/03/2012 11:57
+2
Finchè faranno pagare il costo del film uguale allo stess film masterizzato e completo di extra e altro su bluray fisico se lo possono anche tenere per loro.
  indietro 2/9 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli