Flash per smartphone addio, la vittoria di Steve Jobs

di Valerio Porcu, 09 novembre, 2011 09:00

Adobe ha ufficialmente abbandonato lo sviluppo di Flash per dispositivi mobili. Si chiude così una polemica durata due anni circa, che ha coinvolto in buona parte anche Apple e ha suscitato forti scontri d'opinione.

Flash per smartphone è morto. Adobe ne ha ufficialmente abbandonato lo sviluppo. L'azienda lo ha comunicato agli sviluppatori, e Jason Perlow di Zdnet lo ha prontamente riportato in esclusiva.

"In futuro il nostro lavoro con Flash su dispositivi mobili sarà concentrato sul rendere possibile agli sviluppatori la creazione di applicazioni native con Adobe Air per tutti i principali app store. Non adatteremo più Flash Player […]. Alcuni licenziatari del nostro codice sorgente potrebbero decidere di portare avanti le proprie versioni. Noi continueremo a supportare le attuali configurazione Android e PlayBook (RIM BlackBerry, NdR) per gli aggiornamenti di sicurezza e la correzione di bug critici".

Steve Burns, "Eccellente"

Il testo del messaggio mandato agli sviluppatori non potrebbe essere più esplicito. In futuro i browser degli smartphone Android non avranno la possibilità di riprodurre contenuti Flash, anche se questa tecnologia resterà presente in ambito mobile tramite applicazioni native, create per la piattaforma Adobe Air.

Anche Adobe in altre parole "scarica" l'idea di usare Flash su uno smartphone. Nei prossimi giorni l'azienda, sempre secondo Perlow, l'azienda prenderà un impegno più vincolante verso lo sviluppo in HTML5.

A prima vista si direbbe che si realizza l'inevitabile. Adobe ha cercato di far funzionare Flash sugli smartphone Android per più di due anni, ma i risultati non sono mai stati accettabili. Esistono, in effetti, dei terminali compatibili con Flash in circolazione, ma sono pochi e il funzionamento non è mai stato all'altezza di una presentazione "da prima serata", come sottolinea con arguzia MG Siegler su Techcrunch.

Il mondo degli smartphone perde qualcosa? Crediamo di no. Le nuove tecniche di programmazione web e la sempre maggiore maturità di HTML5 permetteranno presto di poter usare il browser su un telefono come facciamo con un PC, quindi con una grande varietà di applicazioni, giochi compresi.

Forse ci vorrà di più per le applicazioni più impegnative, come i giochi. Ma in tal caso potete sempre spendere qualche minuto sul nostro portale, in attesa di venerdì e del prossimo titolo truffaldino. Almeno fino a che durerà, perché ora è legittimo pensare che gli sviluppatori, se vorranno raggiungere anche gli utenti mobile, decideranno di prendere un'altra strada. Insomma, senza mobile il futuro di Flash diventa all'improvviso più incerto e traballante, ma Adobe è già pronta a sfruttare le future occasioni.

Insomma, la scelta di Adobe non sorprende, se non forse per il suo ritardo. Resta da sentire cosa diranno tutti quelli, giornalisti e utenti, che urlavano a gran voce come la mancanza di compatibilità Flash fosse un difetto imperdonabile. Lo smartphone senza Flash - l'iPhone prima, Windows Phone dopo – era poco più che un giocattolo, dicevano; e oggi? Cosa diranno quelli che avevano etichettato la lettera aperta di Steve Jobs su Flash come un testo ai limiti dell'eresia? Se davvero c'è qualcuno che non può vivere senza Flash sullo smartphone farà bene a trovare delle risposte in fretta.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (178)

1/18 avanti   
Blissett 09/11/2011 09:14
+6
Forse da un lato sta cosa è un bene, e darà la possibilità a HTML5 spero di essere utilizzato, ma da sviluppatore Flash, Silverlight e co di vecchia data sono enormemente sconvolto da questa notizia, la potenza e la semplicità d'uso raggiunta da questi strumenti la ritroveremo in HTML5 o nei vari tools di sviluppo Android e IOS?
jacofox 09/11/2011 09:15
+3
EPIC WIN per la foto....
gyready93 09/11/2011 09:15
-3
Mi dispiace un pò....anche se devo dire che flash su android ha ancora una maturità molto bassa....(testato su Nexus One)
austinpower 09/11/2011 09:18
-3
Bella notizzia la mattina, così continuerò a non poter utilizzare parecchi siti che mi servono dallo smartphone, se prima apple mi stava antipatica adesso la odio proprio tanto.
Apuz 09/11/2011 09:18
+4
Per tutti quelli che hanno comprato android solo per il flash dico: AH AH! (stile Nelson dei simpsons)
No dai scherzi a parte... sempre pensato che Flash avesse vita dura negli smartphone... è un sistema troppo pesante... va già male in alcuni casi nei pc pensa negli smartphone... poi l'avvento di html5 nn ha migliorato le cose per quelli di adobe. Anche in questo caso Apple ci ha insegnato che un dispositivo mobile può andare benissimo anche senza Flash il quale veniva considerato da qualcuno un qualcosa di indispensabile per la navigazione internet...
EDIT: parlo da non fan di apple...
leon_k 09/11/2011 09:19
-3
Non riesco a capacitarmi del motivo di questa scellerata decisione,proprio ora che gli smartphones iniziavano a diventare abbastanza potenti da poter supportare questa tecnologia... Adobe decide di tagliarla.

Flash a livello software è un pachiderma, ma rappresenta ciò che Java non è mai riuscito a diventare: una vera VM che fa girare applicazioni su tutte le macchine che lo adottano (previa compatibilità di versione).
davy83 09/11/2011 09:23
+10
Da utente Android: ho il desire, ha poca memoria, flash è un dinosauro esagerato e ho scoperto di vivere bene anche senza.
A differenza di quello che pensavo fino a poco tempo fa, sono felice.
Infine Adobe ha perso nella gara di evoluzione tecnologica, a dimostrazione anche il plugin a 64-bit per Linux in alfa e beta da una vita.

PS: non me ne frega una cippa se Flash piaceva o no a Apple.
Goodspeed 09/11/2011 09:25
+15

 Originariamente inviata da austinpower

Bella notizzia la mattina, così continuerò a non poter utilizzare parecchi siti che mi servono dallo smartphone, se prima apple mi stava antipatica adesso la odio proprio tanto.



Ma come fai a non capire? E' proprio l'esatto contrario!!!
Se Adobe lascia il flashplayer per mobile sarà la volta buona che flashplayer NON ti servirà più proprio perchè chi fa i siti web dovrà decidere se: lasciare fuori gli utenti mobile (oggi sempre più in crescita) o adottare HTML5.
icarium 09/11/2011 09:27
+10

 Originariamente inviata da austinpower

Bella notizzia la mattina, così continuerò a non poter utilizzare parecchi siti che mi servono dallo smartphone, se prima apple mi stava antipatica adesso la odio proprio tanto.



Vedi com'è il fanboysmo.. ti incolla i paraocchi e non te ne accorgi neanche. Praticamente te la stai prendendo con Apple o Jobs se sono stati lungimiranti e HANNO CAPITO BENE CHE FLASH su un cellulare è una TECNOLOGI NATA MORTA visto l'html 5 ecc..

Ora che persino l'adobe se n'è resa conto (e non parliamo di un'imposizione della apple visto che di terminali android e bb ce ne sono a tonnellate e hanno superato i dispositivi Ios ecc quindi possiamo affermare che come bacino di utenza sarebbe stato vastissimo)

Tu te la vai a prendere con la Apple.. beati fanboy/hateboy non so se ridere o piangere leggendo i vostri commenti
Vardar 09/11/2011 09:28
+12

 Originariamente inviata da austinpower

Bella notizzia la mattina, così continuerò a non poter utilizzare parecchi siti che mi servono dallo smartphone, se prima apple mi stava antipatica adesso la odio proprio tanto.



Peccato che non sia stata Apple a far fallire flash sugli smartphone ma è la stessa adobe che ammette di non essere in grado di farlo, tant'è che, come dice l'articolo stesso "sono due anni che prova a farlo funzionare su dispositivi android".

Apple, al massimo, si era semplicemente accorta prima degli altri di questa difficoltà e per questo aveva estromesso il flash dai propri dispositivi in quanto non performante.
1/18 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli