Google TV spaccherà con il porno di Vivid, Apple è avvisata

di Manolo De Agostini, 08 novembre, 2011 16:06

Vivid Entertainment presenta un canale pornografico, 24 ore su 24 non stop, su Google TV. Il progetto della casa di Mountain View potrebbe quindi trovare nuova linfa nel genere che ha sempre portato le nuove tecnologie a diventare standard di mercato. Apple dal canto suo non sembra intenzionata a dare spazio al porno. Perderà la sfida con Google?

Google TV si risolleverà grazie al porno. Lo studio di produzione di film per adulti Vivid Entertainment ne è convinto e per questo ha aperto un canale sulla piattaforma del colosso di Mountain View che "solleticherà" il palato degli amanti del genere hard.

Rigorosamente in alta definizione, il canale permetterà di vedere non solo un'ampia varietà di contenuti in streaming, ma anche di visionarli selezionando attrici/attori preferiti. Vivid per Google TV sarà disponibile gratuitamente per gli iscritti (rigorosamente maggiorenni) al portale Vivid.com, dove potete vedere un rapido filmato del funzionamento del canale.

Il canale è interamente basato su codice HTML5 e lavora come una web app, quindi per accedervi non si deve scaricare nulla ma andare sul sito web. "Vivid per Google TV è la parte centrale della nostra strategia per rendere Vivid disponibile ovunque, dando ai fan accesso unificato ai contenuti attraverso computer, dispositivi mobile, tablet, televisioni e lettori DVD", ha dichiarato Steven Hirsch, cofondatore e copresidente di Vivid, confidando che l'azienda ci ha lavorato per oltre un anno.

L'arrivo del porno di alta qualità sulla piattaforma di Google potrebbe dare nuovo impulso a un progetto che dopo un debutto disastroso si è recentemente rilanciato in una nuova veste e mira a conquistare il salotto laddove, fino a oggi, Apple ha fallito.

Che sia stata proprio la natura moralista della Mela sul tema del porno a non averle permesso di sfondare (e scusate il doppio senso) in salotto? In attesa di vedere la Google TV in azione anche nel nostro paese viene da chiedersi se il porno, spesso traino delle nuove tecnologie, riuscirà a imporre la TV intelligente come nuovo standard di mercato, dando così a Google un nuovo settore in cui mettere a frutto la sua strategia pubblicitaria. Voi che ne pensate?

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (39)

1/4 avanti   
oneofmany 08/11/2011 16:24
+12
"sfondare (e scusate il doppio senso)"

Perdonato

By the way, una mela (in forma di torta, American Pie docet) puo' essere "sfondata"...
Efficiency 08/11/2011 16:25
+1
Il porno come sistema di sfondamento per tv intelligenti...LOL!
Yrrah 08/11/2011 16:27
+15
Penso che sia l'ora di ripassare un po' la trama di Superman... ho la memoria un po' arrugginita
Stealthdev 08/11/2011 16:27
+1
"viene da chiedersi se il porno, spesso traino delle nuove tecnologie, riuscirà a imporre la TV intelligente come nuovo standard di mercato, dando così a Google un nuovo settore in cui mettere a frutto la sua strategia pubblicitaria. Voi che ne pensate?"

Sicuro, investimento solido come il mattone! XD
supermaverick 08/11/2011 16:27
0
beh come fu x i bluray!!!
DoctorDoomIII 08/11/2011 16:27
-4
Con i milioni di video porno gratuiti che ci sono nella rete ormai non "tira" più quello a pagamento, nemmeno by google.
Yrrah 08/11/2011 16:30
+7

 Originariamente inviata da DoctorDoomIII

Con i milioni di video porno gratuiti che ci sono nella rete ormai non "tira" più quello a pagamento, nemmeno by google.

Leggessi l'articolo scopriresti che è un servizio gratuito per gli utenti già registrati, quindi non si paga nulla, ma è un modo per attirarsi potenziali clienti.
thebestia 08/11/2011 16:30
+1
google tv was made... for porn!
grng 08/11/2011 16:33
+9
GoogleTV epic win
g.dragon 08/11/2011 16:34
0
loooooooooooooooooooooooooool la compro!!!
1/4 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli