Hitachi raggiunte il Terabyte: Deskstar 7K100

di Manolo De Agostini, 05 gennaio, 2007 09:17

Hitachi presenta il primo hard disk al mondo a raggiungere la capacità di un Terabyte. Ecco il Deskstar 7K1000

Hitachi Global Storage Technologies annuncia il primo hard disk con capacità di un terabyte (TB). L'Hitachi Deskstar 7K1000 sarà commercializzato entro il primo trimestre del 2007 al prezzo suggerito di 399 dollari. Per i digital video recorder l'azienda proporrà anche la variante CinemaStar 7K1000, disponibile tuttavia dal secondo trimestre.

Questi nuovi hard disk da 3.5 pollici sono basati sulla tecnologia PMR e dispongono di una velocità di rotazione di 7200 RPM, oltre che di tre modalità di risparmio energetico in modo da migliorare l'efficienza generale. Le interfacce supportate saranno quella SATA 3.0Gb/s e quella PATA-133.

La rivale Seagate dovrebbe presentarsi anch'essa entro sei mesi con un modello da 1 TB, laddove oggi propone il Barracuda ES da 750 GByte.

Ma il mercato degli hard disk è formato anche da una piccola nicchia di soluzioni "solid state". Proprio in questi giorni SanDisk ha annunciato il SanDisk SSD UATA 5000 da 32 GB, disponibile in un formato da 1.8". Le sue caratteristiche sono però ancora più interessanti: throughput di 62 MB/sec, tempo d'accesso medio di 0.12 ms e un consumo di soli 0.4 watt. Il prezzo è elevato: 600 dollari.

In questo settore non dimentichiamoci della proposta 2.5" di Samsung, recensita a questo indirizzo.

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (13)

1/2 avanti   
Qvbc?! 05/01/2007 09:30
0
Soluzione storage da affiancare ai solid state...
stratx 05/01/2007 09:57
0
Le case stanno facendo una lotta per chi fa il disco più capiente...ma all'affidabilità, chi ci pensa?
Non me ne frega niente se ho un hard disk da 3000 terabyte se poi dopo un anno si scassa...

Vince 15 05/01/2007 10:36
0
Ancora una volta concordo con stratx! Va bene continuare a migliorare la tecnologia, ma non vedo una situazione che sia una in cui si dovrebbe comprare un hd del genere. Se si vogliono raggiungere queste capacità, è forse meglio utilizzare un raid, proprio per migliorare l'affidabilità. Perdere 1Tera così, è da suicidio!
mauriziofa 05/01/2007 11:20
0
Nulla di nuovo sotto al sole. Continuano ad aumentare la capacità ma non hanno ancora tirati fuori gli hd con flash ram che almeno velocizzano l'accesso e permettono una maggiore durata dell'hardisk in quanto i piatti girano di meno.
jajuka83 05/01/2007 11:29
0
preferisco si concentrino sullo sviluppo degli ibridi...o che aumentino gli RPM...usare 1Tera per storage lo trovo quantomeno riskioso....se per caso mi si rompe? addio 1tera di dati...meglio averne 3 da 320! e il costo è piuomeno quello!
ciaccaerre 05/01/2007 11:51
0
quoto qvbc..
sarebbe da utilizzare un solid state per l'OS
e questi hd per lo storage... però in raid...
non oso pensare di perdere 1tb così di botto !
Gigi91430 05/01/2007 12:11
0
tanto chi archivia i dati non utilizza queste soluzioni "estreme"
Io utilizzere 4HD da 320-350 GB da mettere in raid 5
g0r3f3s7 05/01/2007 13:04
0
Io ho 2x160Gb e non arrivo a riempirli, perchè periodicamente faccio dei backup e quindi svuoto gli hdd... boh... 1 Tera?

Con l'avvento delle videocamenre digitali e della compressione in MPEG on fly nemmeno serve più tutto quello spazio per lavorare di video.
Non capisco il target di questi dischi da 1Tera. Forse li comprerà tutti Google per continuare ad aumentare lo spazio di GMAIL.

:)
DjMarvel 05/01/2007 13:43
0
Tutto questo è inutile!!

Il futuro è marchiato raptor con tecnologia flash .... in tutti gli uffici compreso il mio tutti i pc hanno al max 80 gb e il server 300 gb ... tanto va tutto archiviato!
zuLunis 05/01/2007 14:56
0
Ed ecco il primo HD da 1TB per Desktop... :D
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Hard Disk e SSD
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli