I Chromebook sono un'idiozia, parola di analista

di Elena Re Garbagnati, 30 maggio, 2011 14:37

I Chromebook sono privi di intelligenza, senza memoria e funzionano solo se connessi a Internet. Google li ha inventati solo per continuare a fare soldi con la pubblicità online. Questo il parere poco lusinghiero di George Colony, presidente della Forrester Research.

I Chromebook sono un'idiozia aziendale. Così George Colony, presidente e amministratore delegato della società di consulenza Forrester Research, ha liquidato i netbook con sistema operativo Google. Secondo l'analista statunitense, infatti, i sistemi basati su Chrome OS sono "il più grande atto di idiozia aziendale che io abbia mai visto". Il perché è presto detto: sono "privi di intelligenza, senza memoria e in grado di funzionare sostanzialmente solo se connessi a Internet".

Google Chrome OS è alla base dei Chromebook

Insomma, Colony si schiera con Tom Rizzo di Microsoft (Microsoft: per chi lavora, Google è un epic fail), che pochi giorni fa aveva definito Google "un fallimento in ambito aziendale", un modo un po' meno colorito per esprimere lo stesso concetto. L'uscita di Rizzo era però frutto di un botta e risposta sul piano personale e non era circostanziata da un'analisi contestualizzata, cosa che ha fatto invece Colony, dipingendo un quadro ben più completo.

Secondo l'analista, infatti, in questo momento l'evoluzione informatica sta spostando le persone verso le app mobili. La stessa Google ne ha farcito un intero ecosistema per la sua piattaforma Android. Per questo lo stesso Colony si stupisce che Big G non abbia capito l'errore di Chrome OS, un sistema web centrico che per funzionare richiede per forza una connessione attiva al web.

L'analisi di Colony approda pertanto alla conclusione che Chrome OS sia un passo indietro rispetto alle app mobili e che Google con questo sistema intenda catapultare l'informatica nel passato. Da buona analista, Colony basa le sue osservazioni sui numeri: le Internet App valgono (secondo quanto dichiarato da Colony) 2,2 miliardi di dollari e il volume d'affari che generano cresce di circa l’85% all’anno. In questo settore stanno investendo tutti i maggiori produttori, fra cui Colony cita a titolo di esempio HP (con l'ecosistema di webOS), che per adattarsi a Chrome OS dovrebbe gettare al vento tutto quello che è stato fatto finora.

Samsung Series 5 ChromeBook - PR
Immagini  -  12
 
Samsung Series 5 ChromeBook - PR 1 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 2 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 3 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 4 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 5 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 6 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 7 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 8 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 9 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 10
Samsung Series 5 ChromeBook - PR 11 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 12 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 13 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 14 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 15 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 16 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 17 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 18 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 19 Samsung Series 5 ChromeBook - PR 20
 

Il presidente di Forrster Research motiva la scelta di Google sostenendo che l'azienda di Moutain View ricava buona parte dei suoi introiti dalla pubblicità su Internet e non dalla vendita delle app per Android, quindi necessita di una spinta all'indietro verso Internet per garantirsi un reddito pari a quello odierno o addirittura superiore. Parte di questa teoria trova conferma in una ricerca di Millennial Media che abbiamo pubblicato qualche settimana fa, da cui emergeva che le vendite dilaganti di sistemi Android non stanno togliendo ad Apple il primato dei ricavi dovuti alle applicazioni vendute, che rappresentano il 50% del fatturato generato nel caso di Apple e il 39 percento per Android (Smartphone: Android nell'Olimpo, WP7 all'inferno).

Acer ChromeBook - PR
 
Acer ChromeBook - PR 1 Acer ChromeBook - PR 2 Acer ChromeBook - PR 3 Acer ChromeBook - PR 4 Acer ChromeBook - PR 5
 

Se l'analisi economica è precisa e puntuale, quella tecnica non pare così accurata: Google ha specificato più volte che i Chromebook consentiranno di usare Google Docs e altri programmi in modalità offline (Chrome OS elimina l'hardware, la forza è il Web), quindi la limitazione tecnica non è vincolante come Colony ha cercato di far intendere.

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (37)

1/4 avanti   
baobab 30/05/2011 14:46
+39
Azz avevo letto George Clooney
pabloski 30/05/2011 14:51
-1
"privi di intelligenza, senza memoria e in grado di funzionare sostanzialmente solo se connessi a Internet"

già questo basta e avanza per bollare le affermazioni di Colony come idiozie

mi sa che l'amico Colony non ha minimamente capito come funziona ChromeOS....funziona solo online? e il caching locale sta lì per bellezza?

a ciò aggiungerei il verified boot che per aziende e privati significa un abbattimento nei problemi e costi derivanti da malware

poi che c'entrano le app mobili? non è un app mobile pure quella che uso su un netbook? e su un notebook? in fondo pure i notebook te li porti dietro....non è che l'app è mobile solo se gira sul cellulare

imho questo tizio ha sparato una marea di sciocchezze a vanvera, ma vabbè ormai gli analisti parlano tanto per dar fiato alla bocca ( del resto sono gli stessi che dicevano che i subprime erano sicurissimi )
JaSaL 30/05/2011 14:52
+3
Però meglio sarebbe se Google non spingesse due sistemi differenti (android e chrome os), ma tentasse di unificarli in qualche modo (es. uno un sottosistema o submodalità dell'altro)
graphixillusion 30/05/2011 14:54
+27
In genere adoro i progetti di google ma questo Chrome OS non riesce proprio a convincermi. Il cloud lo vedo come un appoggio e non come una completa sostituzione. Si certo, l'OS permette di lavorare anche offline ma è palese che si tratta solo di emergenze: no internet, no party e questa cosa non mi piace assolutamente.
paolo44 30/05/2011 14:56
+20
Agli albori dell'informatica si usava il sistema server-terminale, ora provano a spacciarci questa cosa per "nuova", prorponendo tutto in "cloud"
Mi sembra che stiano cercando di vendere per nuovo qualcosa di vecchio e superato
venu 30/05/2011 14:56
-5

 Originariamente inviata da pabloski

"privi di intelligenza, senza memoria e in grado di funzionare sostanzialmente solo se connessi a Internet"

già questo basta e avanza per bollare le affermazioni di Colony come idiozie

mi sa che l'amico Colony non ha minimamente capito come funziona ChromeOS....funziona solo online? e il caching locale sta lì per bellezza?

a ciò aggiungerei il verified boot che per aziende e privati significa un abbattimento nei problemi e costi derivanti da malware

poi che c'entrano le app mobili? non è un app mobile pure quella che uso su un netbook? e su un notebook? in fondo pure i notebook te li porti dietro....non è che l'app è mobile solo se gira sul cellulare

imho questo tizio ha sparato una marea di sciocchezze a vanvera, ma vabbè ormai gli analisti parlano tanto per dar fiato alla bocca ( del resto sono gli stessi che dicevano che i subprime erano sicurissimi )



Ci si paga lo stipendio (cit . all'ennesima)
Questi se non la sparano grossa li mandano a casa ,dato che non servono a niente e il 99% delle volte fanno danni senza pensare alla popolazione,consigliano scelte senza scrupoli ..ma lasciamo stare.
Ovvio che essendo un prodotto nuovo e diverso deve crescere,sarà anche meno completo di un os classico ,ma si rivolge ad utenze specifiche.
Solo per il fatto che è un concorrente in più merita di non essere azzoppato in partenza,per i consumatori è senz'altro un guadagno.
lucaeffe 30/05/2011 14:58
-8
un pò OT, ma qualcuno è riuscito a trovare una ISO di chrome os funzionante in giro da provare su macchina virtuale?
Evanghelion 30/05/2011 15:01
-20
SISI, certo certo.. e voi non usateli, io sto godendo intanto!

Dio benedica Google e il Google IO!



PS: CMQ Colony è invidioso della Canalis
Human_Sorrow 30/05/2011 15:13
+10
Mi trovo d'accordo con Clooney. ( )
orso.grigio 30/05/2011 15:17
+3
Sicuri che quell'immagine sia del desktop di ChromeOS? A me sembra piuttosto il desktop di gOS ( http://www.google.ch/search?client=browser-rockmelt&channel=omniboxaq=f&sourceid=chrome&ie=UTF-8&q=gOS+screenshot), una distro Linux di qualche anno fa ( http://en.wikipedia.org/wiki/GOS_%28Linux_distribution%29)
1/4 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli