Il BioComputer ha magneti batterici e bus fatti di cellule

di Valerio Porcu, 08 maggio, 2012 11:03

Il computer biologico è sempre più vicino, grazie a due diverse ricerche realizzate presso l'Università di Leeds (GB) e di Tokyo. Nel primo caso i ricercatori hanno trovato il modo di coltivare la magnetite, imitando il metabolismo di un batterio; nel secondo si è partiti da membrane cellulari per realizzare nanotubi.

Il Magnetospirilllum magneticum è un batterio con ha la particolare caratteristica di produrre magneti dopo l'ingestione e la digestione di ferro. Il materiale è in particolare magnetite, "il minerale con le più intense proprietà magnetiche esistente in natura", come recita Wikipedia; e si tratta di magneti in scala nanometrica.

Magnetospirilllum magneticum

Gli scienziati sono riusciti a imitare il processo, e a creare così un sistema per coltivare la magnetite. La prima applicazione pratica di questa nuova tecnologia si trova nel mondo degli hard disk. I nanomagneti infatti si possono usare per creare dischi con una maggiore densità di dati, e in generale rappresentano un contributo rilevante alla sempre più rapida miniaturizzazione dei dispositivi elettronici.

"Stiamo arrivano velocemente ai limiti della produzione elettronica tradizionale mano a mano che i componenti diventano più piccoli", spiega la dirigente del progetto Sarah Staniland dell'Università di Leeds. "Le macchine che abbiamo usato finora sono inadatte a scale così piccole".

Computer biologici con batteri dal DNA modificato
Geobacter, un batterio per l'elettronica del futuro
Batteri intelligenti che cifrano e memorizzano i dati
I batteri illuminano casa nostra gratis grazie alla spazzatura

Altri scienziati invece hanno anche trovato il modo di creare nanotubi a partire da membrane cellulari. Sviluppati presso l'Università di Tokyo, questi nanotubi potrebbero un giorno trasferire informazioni - esattamente come le membrane cellulari - e costituire il sistema di comunicazione in un computer biologico costituito da cellule, come ha spiegato il Dr. Dr Masayoshi Tanaka, e aggiunge che potenzialmente avrebbero un'applicazione anche nella chirurgia umana perché completamente compatibili con il nostro corpo.

Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell