Il Kindle Fire HD si arrende con un hacking a tempo di record

di Simone Raimondi, 19 settembre, 2012 11:26

Un utente di Xda-Developers è riuscito a ottenere i permessi di root sul Kindle Fire HD. Altri volenterosi smanettoni si sono impegnati per creare una guida e video su come eseguire la procedura di sblocco.

Il Kindle Fire HD è stato "hackerato", nonostante proprio ieri si avanzavano dubbi sulla fattibilità della cosa. Un utente di Xda-Developers è riuscito a ottenere i premessi di root, per la gioia degli smanettoni e un po' meno per quella di Amazon.

Ieri sembrava che il bootloader fosse a prova di hack, ma l'utente sparkym3 del noto forum è riuscito a superare questa barriera. L'utente è già famoso tra gli appassionati per aver scoperto un exploit sul Transformer Prime e il nuovo risultato si basa proprio sul questo suo precedente lavoro.

Reverendkjr, un altro utente di Xda, ha realizzato un video di 15 minuti che spiega il procedimento per sbloccare il tablet Amazon. Tra i requisiti essenziali è presente l'Android Debug Bridge (ADB), i relativi driver per il Kindle Fire HD e un pacchetto per ottenere i permessi di root.

Il Bootloader è ora aperto, cooked ROM in arrivo - Clicca per ingrandire

Molto probabilmente Amazon non è felice del successo degli utenti di Xda, sorprattutto perché è quasi sicuro che spunteranno cooked ROM o altre modifiche al suo tablet, che lo renderanno più aperto, simile a una vera e propria versione "standard" di Android e soprattuto lo slegheranno dai servizi Amazon. Se siete interessati a procedere con lo sblocco del vostro Kindle Fire (non appena arriverà in Italia) potete seguire la procedura illustrata a questo indirizzo.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (16)

  indietro 2/2
OmbraShadow 21/09/2012 09:58
+1

 Originariamente inviata da Duetto

siete davvero contenti? il basso costo di questo tablet era proprio perche' aveva l'ecosistema di amazon a disposizione. Adesso tanti saluti al basso costo..
Non lo volevate?? Prendetevene un altro.. A chi andava bene cosi' poteva avere un ottimo tablet ad un prezzo piu' basso.

Boh, per me quel tipo poteva continuare a farsi i fatti suoi



Condivido in pieno. Se aziende come Amazon, e Google, hanno lanciato degli ottimi tablet da 7" a prezzi di costo o addirittura in perdita, è unicamente perchè contavano di rientrare nelle spese grazie agli ecosistemi di market basati sui loro dispositivi...

L'unica vera conseguenza di questi hackeraggi sarà quella di spingere Amazon e Google a fare questo ragionamento "Non ci guadagno nulla? ok, allora visto che nessuno mi costringe a produrre questo device, io smetto di produrlo". Così, chi non vorrà spendere un occhio della testa per un tablet di fascia altissima, si ritroverà di nuovo in balia delle cinesate da pochi euro...se ti si rompe un Nexus 7 o un Kindle Fire HD sai a chi rivolgerti...ma con una cinesata devi solo buttare tutto...

Dovremmo solo essere grati ad Amazon e Google di essere entrati in questo settore dei tablet da 7", perchè hanno dato una bella scossa a questo mercato anche per altri produttori
reanimax 21/09/2012 11:15
0

 Originariamente inviata da gra

c'è qualcuno che ha creduto al fatto che non fosse hackerabile? ah sì, i dirigenti di azienda convinti dai commerciali Amazon che la loro pubblicità avrebbe raggiunto ogni utilizzatore di Kindle Fire.

Per piacere fatemi un bel reader e-ink da 10" commercializzato in Italia: un vero Kindle.

ordina il kindle dx da america un giorno come il "black friday" o giorni simili
rdeckard 21/09/2012 11:40
0
@Duetto

Già il primo Kindle FIRE è stato hackerato e non mi sembra che ciò abbia impensierito Amazon, anzi ne ha fatti 3 nuovi.

@OmbraShadow

che c'entra Google?
A Google non gliene frega nulla che il device sia rootato
UEFI 21/09/2012 13:30
+1

 Originariamente inviata da Duetto

siete davvero contenti? il basso costo di questo tablet era proprio perche' aveva l'ecosistema di amazon a disposizione. Adesso tanti saluti al basso costo..
Non lo volevate?? Prendetevene un altro.. A chi andava bene cosi' poteva avere un ottimo tablet ad un prezzo piu' basso.

Boh, per me quel tipo poteva continuare a farsi i fatti suoi


amazon guadagna in ogni caso dalle vendite del suo store .
siete veramente convinti che la pubblicità renda così tanto ? bastano 15 dollari per toglierla .
svitor 24/04/2013 14:09
0
Così, chi non vorrà spendere un occhio della testa per un tablet di fascia altissima, si ritroverà di nuovo in balia delle cinesate da pochi euro...se ti si rompe un Nexus 7 o un Kindle Fire HD sai a chi rivolgerti...ma con una cinesata devi solo buttare tutto...

Dovremmo solo essere grati ad Amazon e Google di essere entrati in questo settore dei tablet da 7", perchè hanno dato una bella scossa a questo mercato anche per altri produttori



In realtà anche se sul discorso della gratitudine non c'è da dire nulla mi preme dire, per esperienza personale, che il kindle fire hd è made in china e che quando ti si rompe non è prevista la riparazione, te ne devi comprare uno nuovo :-(
svitor 24/04/2013 14:13
0
In realtà anche se sul discorso della gratitudine non c'è da dire nulla mi preme dire, per esperienza personale, che il kindle fire hd è made in china e che quando ti si rompe non è prevista la riparazione, te ne devi comprare uno nuovo :-(
  indietro 2/2
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli