Il provider di Megaupload rischia la denuncia per pirateria

di Valerio Porcu, 16 aprile, 2012 13:50

Anche il provider di Megaupload potrebbe finire sul banco degli imputati per violazione di copyright. Ne è convinto il pubblico ministero, persuaso dai guadagni che Carpathia ha ottenuto da Megaupload – circa 35 milioni di dollari – rendano il provider almeno in parte responsabile degli atti illeciti messi in atto dagli utenti di MegaUpload.

La questione è emersa venerdì scorso, quando le parti coinvolte si sono incontrate per risolvere la questione relativa ai costi ingenti per mantenere i dati. Carpathia al momento sta infatti spendendo circa 9000 dollari al giorno di tasca propria, visto che Megaupload non può pagare un centesimo dopo che tutti gli asset sono stati bloccati.

Mantenere i server costa molto

All'inizio tutti erano interessati al mantenimento dei dati archiviati sul oltre 1000 server, ma ora torna a farsi più che concreta la possibilità che siano cancellati. Washington avrebbe già acquisito le prove necessarie, e la MPAA (l'associazione dei produttori cinematografici), proprio durante l'udienza di venerdì ha fatto sapere di non essere più interessata ai dati.

Gli unici interessati al mantenimento dei dati sono quindi Megaupload – che non può pagare – e i (pochi) utenti onesti che hanno dei dati legali su quei server. Questi ultimi possono ricorrere a MegaRetrieval, uno strumento messo a punto in collaborazione con la EFF proprio per permettere il recupero dei dati, ma anche in questo caso c'è qualche difficoltà legale.

Per il momento l'integrità dei dati sembra quindi affidata alla "buona volontà" di Carpathia; fino a oggi però quest'azienda aveva un ruolo neutrale in questa bagarre, mentre oggi si dipinge la possibilità di chiamarla in causa come imputato. L'impressione è che di quei server tra non molto non resterà che il ricordo. 

Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell