In Italia pochi laureati in Informatica: penultimi in Europa

di Dario d'Elia, 26 marzo, 2012 17:49

L'ultimo rapporto Eurostat fotografa la situazione dei laureati in Informatica dell'Unione Europea: Italia fanalino di coda con l'1,3%. Solo la Romania fa peggio. La media è del 3,4%. Purtroppo il report si basa solo sulle lauree quinquennali.

I laureati italiani in Informatica sono pochissimi: siamo il paese con la percentuale più bassa dell'Unione Europea, se si esclude la Romania. Secondo l'ultimo rapporto Eurostat (Computer skills in the EU27 in figures) poco più di un laureato (quinquennale) su 100 appartiene alle discipline informatiche, contro una media UE-27 al 3,4%. Il nostro misero 1,3% non può che creare imbarazzo se confrontato con il 5,6% dell'Austria, il 5,1% della Spagna e il 4% del Regno Unito e Francia. Possiamo gonfiare il petto solo con i rumeni che sono allo 0,9%, e che però nel 2005 non facevano parte neanche della UE.

Classifica parziale laureati - Clicca per ingrandire

I motivi di questa debacle sono numerosi, ma senza dubbio il nostro sistema accademico e quello industriale hanno delle responsabilità. Di certo l'introduzione delle lauree triennali ci sfavorisce nelle classifiche, ma è pur vero che è un'illusione tutta italiana quella di credere che la specialistica non abbia particolare valore. Contemporaneamente bisogna ammettere che nel mondo delle imprese il trattamento riservato agli informatici è al di sotto della soglia del buon senso: non vengono mai ascoltati fino a quando non accade l'irreparabile - sia sotto il punto di vista commerciale che tecnico. 

Classifica parziale abilità - Clicca per ingrandire

Il disinteresse nei confronti di questa scienza ha comunque uno stretto legame con la società. Analizzando le competenze della gente comune (16 - 74 anni) si scopre infatti che in Europa il 63% è in grado di compiere operazioni elementari (spostare o copiare file), mentre in Italia solo il 54%. L'uso di formule matematiche nei fogli di calcolo sembra già una frontiera inarrivabile: in Europa siamo al 43%, mentre in Italia al 35%. La scrittura di programmi infine è al 10% in Europa e al 9% in Italia. Insomma, ci sono piccoli o grandi sviluppatori, ma forse non hanno la laurea quinquennale. Grandi artigiani mal pagati: un classico.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (153)

1/16 avanti   
g.dragon 26/03/2012 17:53
+34
di cosa ci stupiamo?? fino a poco tempo fa i miei credevano che Internet fosse il nome di un videogame.
L'informatica in Italia è a livelli disastrosi. e ciò che è peggio è che anche i prof del liceo (ne ho avuti 3 di informatica) non sono molto competenti.

C'è poi da considerare che chi prende una laurea da 5 anni vuole uscire medico, ingegnere o avvocato.
BlackF1re 26/03/2012 17:56
+12
Siamo ultimi....o penultimi in qualcosa, come in questo caso.
è tutto perfettamente normale.
Cosa c'è che non va?

.......

Triste abituarsi a questo genere di notizie.

Battute tristi a parte quoto g.dragon.
L'insegnamento dell'informatica è bacato alla base.
Bruce Deluxe 26/03/2012 17:57
+4
Spero di contribuire ad alzare il numero
Zen 26/03/2012 17:58
+78
Sarà che da noi l'informatica non paga...
Rocker Rabbit 26/03/2012 17:58
+2
O_O pochiiiiii...nella mia facoltà di ingegneria sono 2,5 volte gli altri
alexadorna 26/03/2012 17:59
+3
Quoto in pieno..anche se la laurea, da sola, non fà miracoli. Ed è per questo che mi sto certificando CISCO CCNA con la speranza di avere qualche chance lavorativa in più..
dwg 26/03/2012 17:59
+2
Ma ste classifiche fanno acqua, mio cugino studia informatica a Catania e le aziende olandesi fanno a gara per prendere lui e tutti gli iscritti laureati senza nemmeno la specialistica. Ma và và.
Kuarl 26/03/2012 18:00
+30
il dramma è che il lavoro per gli informatici è drammaticamente sottopagato e vincolato al precariato. Se hai una laurea in ingegneria informatica finirai per fare contratti a progetto e prendere 900 euro al mese se va bene. E se ti lamenti il committente ti minaccia di mandarti via e al posto tuo di prendere un rumeno che costa la metà e ti pulisce pure i cessi.

Il mercato del lavoro per gli informatici è catastrofico.
LiloLilo 26/03/2012 18:01
+21
"bisogna ammettere che nel mondo delle imprese il trattamento riservato agli informatici è al di sotto della soglia del buon senso" Specialmente l'inquadramento economico. Ma che senso ha spararsi 5-6 anni di laurea, studiare materie teoriche a livelli assurdi tipo cibernetica e informatica teorica per poi trovare lavoro come sistemista malpagato e precario? O almeno quale sarebbe il vantaggio rispetto a un non laureato?
paolo44 26/03/2012 18:01
0
ma il 10% di persone dai 16 ai 24 anni che non ha mai usato un pc da dove saltano fuori?!?
1/16 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Finanza e Mercati, Italia
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli