Intel batte Nvidia, Knights Corner raggiunge il teraflops

di Manolo De Agostini, 16 novembre, 2011 10:46

Il co-processore x86 Knights Corner di Intel sembra essere in grado di vedersela alla pari con le soluzioni Nvidia e AMD per HPC e supercomputer. Il nuovo prodotto raggiunge infatti la potenza di un teraflops con calcoli in virgola mobile a doppia precisione.

Knights Corner, il coprocessore x86 di Intel con più cinquanta core, mette alle corde una scheda video Tesla M2090 nel calcolo generale. L'azienda è quindi pronta a sfidare le rivali di sempre nel settore dei supercomputer deputati a operazioni scientifico-finanziarie come simulare il clima, studiare il ripiegamento proteico e trovare nuove giacimenti petroliferi.

Il prodotto di Nvidia, basato su architettura Fermi, ha 512 core e 6 GB di memoria dedicati. Secondo i dati pubblici è incapace di superare i 665 gigaflops con calcoli in virgola mobile a doppia precisione. La proposta di Intel, d'altro canto, raggiunge la potenza di un teraflops. I valori sono stati rilevati con il benchmark di settore DGEMM.

L'architettura MIC (Many Integrated Core) ha compiuto quindi enormi progressi dal 2009, quando il traguardo del teraflops era stato raggiunto solo con calcoli a singola precisione svolti con il benchmark SGEMM.

Sulla proposta di Intel, di cui parliamo da tempo, c'erano molte perplessità. Knights Corner, realizzato con processo produttivo a 22 nanometri tri-gate, non solo è in cantiere da anni ma è anche basato su architettura x86, quella delle CPU, che molti non ritengono adatta a svolgere calcoli altamente paralleli - non almeno quanto le GPU.

Intel ha dalla sua però una carta non indifferente, in quanto il coprocessore (che si può collegare a uno slot PCI Express o tramite bus QPI) sarà compatibile con gli strumenti e i modelli di programmazione x86. A differenza degli acceleratori tradizionali, Knights Corner è "completamente accessibile e programmabile come un nodo di calcolo HPC completamente funzionante, visibile alle applicazioni come se fosse un computer che usa il proprio sistema operativo Linux indipendente da quello host".

Perciò non sarà necessario eseguire il porting di codice a un nuovo ambiente di programmazione. L'approccio è differente da quello di Nvidia e AMD, che hanno scelto di puntare sulle schede video e l'ampliamento delle capacità delle GPU. Nvidia non poteva fare altrimenti, mentre AMD ha invece scelto coscientemente questa strada, che con l'acquisizione di ATI è diventata più semplice e naturale.

L'obiettivo conclamato di Intel con tale progetto è raggiungere prestazioni exascale entro il 2018, ovvero maggiori di ben cento volte rispetto a quanto possibile oggi. Il tutto, richiedendo un consumo superiore di sole due volte. 

L'azienda ha inoltre il fine ultimo d'imporsi in un settore che impatta fortemente sulle vendite di CPU Xeon. Molti supercomputer nei prossimi anni tenderanno ad avere un numero di CPU sempre inferiore a fronte di un incremento dei co-processori come le soluzioni FirePro e Tesla. Per questo Intel non può stare a guardare. Knights Corner sembra la risposta giusta, ma nel 2012 assisteremo all'arrivo delle nuove proposte di Nvidia e AMD. Basterà?

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (43)

1/5 avanti   
grng 16/11/2011 10:56
-2
Staremo a vedere, non credo nvidia e amd con la prossima architettura staranno ferme.
L'unico vantaggio oggettivo di intel in generale è nel processo produttivo.
Ansem 16/11/2011 10:58
0
qualcuno mi spiega cosa sarebbero gli acceleratori? O_o
vanvera 16/11/2011 10:59
0
lo voglio !

per i miei programmini di matematica ricreativa
sarebbe una manna.
Ho provato con CUDA, ma anche se di solito i miei problemi
si possono parallelizzare, CUDA e' un paradigma troppo limitante:
o si fanno grosso modo le stesse operazioni su dati diversi,
nello stesso momento, o le prestazioni crollano.
Il_Saggio 16/11/2011 11:02
0
Con 2 PP (neanche 1!) di vantaggio non ha nemmeno il doppio della capacità di calcolo in DP?
Visto che AMD nel calcolo DP è avanti (per numeri grezzi) perché non è stato fatto un confronto anche con le architetture Evergreen?

La compatibilità con l'architettura x86 non serve a nulla in questo campo dove conta saper fare un algoritmo super perallelizzato ad alto livello più che usare un set di istruzioni conosciuto ma estremamente obsoleto. Tanto il lavoro di convertire l'algoritmo in codice finale lo fa il compilatore, mica l'omino a manina in ASM.
AMDfusion 16/11/2011 11:04
-2
Intel non so se capisce molto la situazione di potenza di calcolo delle gpu. Mi spiego intel afferma che attualmente le proposte gpu che siano AMD o Nvidia non raggiungono 1 teraflop di potenza in doppia precisione hanno ragione per quanto concerne le single gpu ma non ha contato le dual gpu "hd 6990 e gtx 590" che a più di 1 teraflop ci arrivano. Comunque intel non sa che in anmbito gpu ogni nuova generazione raddoppia la sua potenza di calcolo rispetto alla precedente generazione, e poi mi chiedo ma le gpu intel quanto fanno in singola precisione? perchè attualmente le gpu hanno quasi una decina di teraflop senza contare le dual gpu.. comunque preferisco l'approccio gpu per la ricerca.
Alessiojuve 16/11/2011 11:05
0
Sembra un buon risultato, però dovrà confrontarsi con le nuove architetture amd/nvidia e proprio quest'ultima ha dichiarato risultati 3 volte maggiori nei calcoli in virgola mobile a partlita di consumi con l'attuale generazione ormai manca poco, si spera di vedere gia qualche sample in dicembre (speriamo non di cartone).
KinKlod 16/11/2011 11:09
+2
Bisognerebbe anche sapere la differenza di costi tra la proposta Intel e quelle concorrenti. Le nuove architetture nVidia e ATi comunque è molto probabile che lo supereranno.
spleen81 16/11/2011 11:10
-1
sempre più convinto che Intel sia entrata in contatto con una tecnologia aliena!!
Nexin 16/11/2011 11:16
+1

 Originariamente inviata da spleen81

sempre più convinto che Intel sia entrata in contatto con una tecnologia aliena!!



Si i rettiliani.
Human_Sorrow 16/11/2011 11:17
-2

 Originariamente inviata da grng


L'unico vantaggio oggettivo di intel in generale è nel processo produttivo.



Eh si, il fatto che sia x86 non è mica un vantaggio.
Molto meglio riscrivere tutto con CUDA o in OpenCL, vero ?!!
1/5 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli