L'equo compenso è una tassa, il resto sono frottole

di Dario d'Elia, 05 marzo, 2012 10:44

Il TAR del Lazio ha respinto l'ennesimo ricorso sull'equo compenso. I giudici hanno stabilito che si tratta di una vera e propria tassa, e non di un corrispettivo per l'utilizzo delle opere altrui.

Il TAR del Lazio ha confermato per l'ennesima volta la legittimità dell'equo compenso, e quindi del decreto Bondi - che molti definisco una vera e propria tassa sull'elettronica. Ogni ricorso delle imprese è stato respinto in questi anni, anche se la Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha stabilito che il compenso per la copia privata debba essere correlato all'effettivo utilizzo (e non presunto) di un supporto o dispositivo. Insomma, le chiavette USB o i PC con o senza masterizzatore sono fra i tanti dispositivi che andrebbero esclusi dalla lista dei "tartassati".

"Andrebbero"; il tempo verbale è proprio quello giusto. Già, perché in Italia i giudici amministrativi hanno confermato che l'equo compenso per la copia privata è una vera e propria tassa, non un corrispettivo per l'utilizzo delle opere altrui.

All'equo compenso non si scappa

"Non può che giungersi alla conclusione che il pagamento dell'equo compenso per copia privata, pur avendo una chiara funzione sinallagmatica e indennitaria dell'utilizzo (quanto meno potenziale) di opere tutelate dal diritto di autore, deve farsi rientrare nel novero delle prestazioni imposte, giacché la determinazione sia dell'an che del quantum (An debeatur, NdR) è effettuata in via autoritativa e non vi è alcuna possibilità per i soggetti obbligati di sottrarsi al pagamento di tale prestazione fruendo di altre alternative", si legge nella sentenza n. 2163 del 2 marzo 2012.

"La disciplina contenuta nel decreto impugnato, infatti, in linea con le disposizioni del diritto comunitario e nazionale, non impone alcuna prestazione patrimoniale con riguardo all’uso professionale del prodotto ma, al contrario, stabilisce espressamente la necessità di prevedere esenzioni con riguardo all'uso professionale dell'apparecchio".

Insomma, ancora una volta è chiamato in causa il Governo che eventualmente dovrà imporre alla SIAE tutte le esenzioni del caso. "In tale prospettiva andrà, peraltro, ricordato che esenzione non significa rimborso e che SIAE, pertanto, dovrà stabilire con proprie convenzioni con tutte le categorie di soggetti interessati che l'equo compenso non è dovuto e non già, semplicemente, che può essere recuperato attraverso l'adempimento di complessi oneri burocratici", spiega l'avvocato IT Guido Scorza su LeggiOggi

L'effetto collaterale di questo approccio al problema è che gli editori potrebbero sfavorire i processi di innovazione per mantenere lo status quo (di ricavi). L'equo compenso è di fatto una variabile artificiale che altera gli equilibri di mercato e di sviluppo. Perché mai dovrebbe attivarsi un serio confronto sui diritti di copyright e sulle licenze quando c'è una banale tassa che si occupa di fare il lavoro sporco?

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (25)

1/3 avanti   
giangio87 05/03/2012 10:58
+40
Bondi e SIAE vi auguro la miseria e la povertà assoluta (visto che non auguro nessun male fisico neanche all'essere peggiore)
NickGi 05/03/2012 10:59
+12
Comprate all'estero!
g.dragon 05/03/2012 11:03
+24

 Originariamente inviata da NickGi

Comprate all'estero!


io già lo faccio. Mi dispiace per i rivenditori italiani, so che non è per colpa loro. Ma sono poco competitivi.
Ricky99 05/03/2012 11:20
+14
La TASSA, definita l'iniquo balzello o semplicemente PIZZO pro SIAE, e' illegittima.
Punto e basta.
E' un modo per NON affrontare un problema, che per altro forse nemmeno c'e', e per ribaltare tutto sulla schiena di chi non puo' reagire o se lo fa, non cambia nulla, tanto non ha il potere di cambiare le cose.
Il famoso GOVERNO dovrebbe mettersi di traverso e dire alla SIAE di inventarsi qualche cosa di meno ABBIETTO e viscido.
Ovviamente...CASO VUOLE che abbia altro a cui pensare.
PEro' per SALVARE LA SIAE dalla scure della UE si sono mossi subito...sempre piu' strano, vero?
axoduss 05/03/2012 11:28
+8

 Originariamente inviata da

non vi è alcuna possibilità per i soggetti obbligati di sottrarsi al pagamento di tale prestazione fruendo di altre alternative"


ahahahah
è per questo che memorie varie (dvd, sd, ...) li compro all'estero da tempo.

dovrebbero essere i negozianti a lamentarsi, ma evidentemente preferiscono fare qualche fattura in meno

IMHO
castiel83 05/03/2012 11:29
+17
complimenti al governo che disincentiva gli acquisti dai rivenditori italiani!!
corigan 05/03/2012 11:31
+1

 Originariamente inviata da g.dragon

io già lo faccio. Mi dispiace per i rivenditori italiani, so che non è per colpa loro. Ma sono poco competitivi.



magari lo sono anche (competitivi), ma l'idea di foraggiare la siae mi impone l'obbligo morale di evitare, è un po come chiedere lo scontrino... va fatto.
Tsaeb 05/03/2012 11:33
+1
la SIAE va chiusa per sempre, risparmiando all'istante centinaia di milioni di euro, e la tassa sui supporti tolta per ripristinare prezzi più concorrenziali per il mercato italiano. Forza Monti non è difficile da capire come concetto.
Sbabba 05/03/2012 11:35
+9

 Originariamente inviata da giangio87

Bondi e SIAE vi auguro la miseria e la povertà assoluta (visto che non auguro nessun male fisico neanche all'essere peggiore)



Per certe persone si può fare un'eccezione.
boboviz 05/03/2012 11:39
+9
L'ho sempre detto io che era sinallagmatica....
1/3 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli