La sonda Curiosity è su Marte, ecco come fotograferà

di Francesco Pignatelli, 06 agosto, 2012 12:14

Il rover della NASA Curiosity è atterrato su Marte senza problemi, uno dei suoi compiti è scattare fotografie e registrare video del Pianeta Rosso in maniera molto più dettagliata dei suoi predecessori

Alle 7.32 di questa mattina, ora italiana, la sonda americana Curiosity è atterrata con successo su Marte, iniziando una nuova fase di esplorazione del Pianeta Rosso che, nelle intenzioni della NASA, potrebbe anche durare anni. Curiosity è un "rover" come lo sono i suoi predecessori già molto noti Spirit e Opportunity, che sono su Marte dal lontano 2004, ma rispetto a loro è letteralmente di un'altra generazione ed è stato potenziato sotto molti aspetti. Uno di questi è legato alla parte fotografica: Curiosity è dotato di molti strumenti che servono a catturare vari tipi di immagini o video.

Una resa "artistica" di Curiosity sul suolo marziano

Ciò che assomiglia più da vicino al concetto di fotocamera digitale classica è il modulo MastCam: comprende due fotocamere digitali affiancate e posizionate sulla "testa" del rover, alta circa due metri. Le fotocamere hanno una focale fissa di circa 100mm equivalenti, catturano immagini a 1.600 x 1.200 pixel e hanno una definizione che, secondo la NASA, permette di identificare oggetti di 5 centimetri distanti 300 metri.

L'uso di due fotocamere affiancate permette di generare a bordo immagini stereo, e non solo immagini: il modulo MastCam cattura anche video ad alta risoluzione 720p. Il frame rate delle riprese è molto basso (6 fps) se paragonato a una anche semplice fotocamera digitale odierna, ma è un ottimo risultato se lo confrontiamo con le sequenze di 1-2 immagini al minuto che sinora erano state possibili in campo "spaziale".

Immagini e video vengono registrati in una memoria interna da 8 GB e compressi prima della trasmissione verso la Terra.

Curiosity (a destra) confrontato con i rover Spirit/Opportunity del 2004 (a sinistra) e il Sojourner del 1997 (in basso)

Montata sul braccio estendibile di Curiosity c'è poi una sorta di super-macro-fotocamera denominata MAHLI (Mars Hand Lens Imager). Il suo scopo è riprendere immagini a colori dei dettagli del suolo di Marte, con un dettaglio tale da indentificare oggetti di dimensioni sino a 12 micron circa.

Da non dimenticare, anche se il suo compito è stato ormai svolto del tutto, anche la fotocamera MARDI. È posizionata sul corpo del rover e aveva il solo scopo di riprendere il suolo durante la discesa e l'atterraggio di Curiosity, in modo da avere una visione precisa della zona in cui Curiosity si trova. Lo ha fatto come previsto, generando un vero e proprio video a 4 fps con risoluzione di 1.600 x 1.200 pixel.

Il modulo MARDI, che ha ripreso la discesa su Marte dal punto di vista di Curiosity

Infine, alle estremità del corpo di Curiosity sono posizionate quattro altre foto-videocamere denominate HazCam. Riprendono a bassa risoluzione e le loro immagini saranno quindi poco affascinanti, però hanno un ruolo molto importante: il "cervello" di Curiosity combina le immagini provenienti dalle HazCam per costruirsi una visione tridimensionale completa dell'ambiente circostante, in modo da evitare ostacoli e possibili pericoli ("hazard", appunto, da cui HazCam) quando inizierà a muoversi.

Proprio dalle HazCam sono state riprese le prime immagini che Curiosity ha inviato da Marte.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (92)

1/10 avanti   
Freger 06/08/2012 13:10
+16
hmm non ho capito come sia possibile che degli scatti a 1.600 x 1.200 (2mpx) possano permettere di identificare oggetti di 5 centimetri distanti 300 metri..
lorigio 06/08/2012 13:10
+33
"Immagini e video vengono registrati in una memoria interna da 8 GB"
è vero che c'è la crisi ma un po di più di memoria potevano mettergliela xD
sbragato 06/08/2012 13:10
+3
perchè non usano fotocamere più potenti e una memoria interna più capiente?
FrankieDedo 06/08/2012 13:10
+12
Sapere di avere un veicolo umano così sofisticato su Marte, un'altro pianeta, è veramente suggestivo!
Non sarà una base scientifica abitata, ok, ma ci fa sentire che siamo davvero nel "futuro" che 40 anni fa e più vedevamo nei film di fantascienza
Comunque per chi si chiede come mai non hanno montato una canon eos, e un seagate da 2TB, è perchè nei viaggi interplanetari sono necessari componenti molto ma molto più sofisticati di quelli usati dalla gente tutti i giorni, e costruire ad esempio un sistema come un qualsiasi pc da spedire in una sondina così costerebbe 100 volte di più e comunque 8GB per fotografare, comprimere e inviare qualche foto alla volta basta e avanza
xhogan89x 06/08/2012 13:11
+2
"registrati in una memoria interna da 8 GB" ma costava davvero tanto metterne una da 64 gb?
ragen-fio 06/08/2012 13:13
+27
Bellissima notizia...Data anche da Studio Aperto, che per controbilanciare "l'aumento di autorevolezza della testata", ha parlato anche di cerchi nel grano con tanto di intervista ad un professore bulgaro, che dice siano reali...
degac 06/08/2012 13:16
+29
Non penso siano memorie 'standard'. Dovranno resistere a variazioni di temperatura, campi magnetici, raggi cosmici... attacchi dei Klingon.
Chissà quanto costano SOLO 8GB...(2,5 miliadi di dollari in tutto)
Edheldui 06/08/2012 13:17
0
Ma come mai non usano foto/telecaemere tradizionali? Funzionano solo sulla terra?
the-smoker 06/08/2012 13:18
0

 Originariamente inviata da xhogan89x

"registrati in una memoria interna da 8 GB" ma costava davvero tanto metterne una da 64 gb?



e perchè non 128
demon77 06/08/2012 13:18
+32

 Originariamente inviata da lorigio

"Immagini e video vengono registrati in una memoria interna da 8 GB"
è vero che c'è la crisi ma un po di più di memoria potevano mettergliela xD



Calma col dire "ma non potevano qui e non potevano lì"
Preparare missioni e attrezzature del genere è un'opera ingengneristica TITANICA.

NULLA (ma veramente NULLA) è lasciato la caso.
TUTTO è attentamente soppesato e valutato sotto TUTTI I PUNTI DI VISTA.. e credetemi che noi vediamo veramente la punta dell'iceberg.

Per dirne una.. avete pensato a quali sinao le implicazioni per la TRASMISSIONE dei dati da marte a qui? Mandare 10mb o 100 fa PARECCHIA differenza in certe situazioni..
1/10 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

In esclusiva per i nostri lettori


21234-00-40G
Sapphire R9 295X2 8GB gddr5 4*MiniDP/DVI
Sapphire modello 21234-00-40G è la nuova scheda video AMD con doppia GPU R9 295X2 a 28nm. I processori girano ad una frequenza di 1018 Mhz, mentre gli 8GB di memoria dedicata GDDR5 hanno una velocità di 5000 Mhz.
€ 1159,90 € 1389,90 compra

Sony Cyber-shot 2013

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli