Microsoft: controlliamo il PC con il pensiero

di Andrea Ferrario, 16 ottobre, 2007 09:48

Microsoft continua i suoi studi legati all'interazione tra macchina ed essere umano. Dopo Surface, un sistema che elimina mouse e tastiera per interagire con il computer, (Microsoft Surface), il prossimo strumento di controllo potrebbe essere il semplice pensiero.

L'azienda di Redmond sta studiando un metodo per l'interpretazione e il riutilizzo dei pensieri umani basati sulla lettura dell'EEG (Elettroencefalogramma). Sembrerebbe che l'ostacolo principale di questo approccio sia la distinzione tra i pensieri cognitivi e i cosiddetti "artefatti", cioè dei segnali elettrici scaturiti da movimenti e reazioni involontarie del corpo (come l'involontario movimento delle palpebre). Il fine ultimo di questo studio è la messa a punto di un'interfaccia di semplice utilizzo che permetta di dialogare con la macchina.

Anche se a prima vista il controllo del computer tramite il pensiero sembra un approccio fantascientifico, è più vicino alla realtà di quanto si creda. Abbiamo infatti già assistito (e provato personalmente) un sistema simile marchiato OCZ che, dopo una veloce fase di calibrazione, tramite dei sensori posizionati sulla fronte permetteva di controllare i movimenti del personaggio in un gioco FPS. Il sistema provato non era certo impeccabile, tutt'altro, ma le basi tecnologiche hanno dato prova della loro validità.


Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell