MIT, Google e NASA per trovare una Terra extrasolare

di Dario d'Elia, 08 aprile, 2013 15:37

MIT, Google e NASA collaboreranno al progetto TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite). L'obiettivo è individuare pianeti extrasolari con caratteristiche simili a quelle della Terra. La ricerca inizierà nel 2017.

MIT e Google collaboreranno con la NASA per la ricerca di pianeti al di fuori del Sistema Solare che godono di un'illuminazione stellare analoga a quella della Terra. Il progetto TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite) è previsto per il 2017.

Sarà affiancato anche dal NICER (Neutron Star Interior Composition Explorer), un'iniziativa che punterà a osservare i raggi X generati dalle stelle. Insomma si tratta dei progetti dal più alto valore scientifico dei prossimi anni, che per altro coinvolgeranno la Stazione Spaziale Internazionale.

A caccia di altri pianeta Terra

TESS sfrutterà un sistema di telescopi per monitorare la più ampia finestra extrasolare. Ovviamente il sogno è di individuare un pianeta simile per caratteristiche a quello terrestre. Il responsabile sarà George Ricker del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge. NICER invece verrà montato sulla stazione per misurare la variazione (di timing) dei raggi X cosmici e le rispettive sorgenti. In pratica dovrebbe consentire di comprendere meglio gli stati della materia delle stelle di neutroni.

"Il Programma di Esplorazione ha una lunga e stellare storia di missioni veramente innovative volte allo studio di alcune delle più eccitanti questioni sulla scienza spaziale", ha dichiarato John Grunsfeld, amministratore associato della NASA.

"Con queste missioni comprenderemo gli stati più estremi della materia attraverso lo studio di stelle di neutroni e si individueranno molti sistemi stellari vicini con pianeti rocciosi nella zona abitabile per ulteriori studi tramite i telescopi, come il James Webb Space Telescope".

In fondo si tratta del programma più vecchio (è iniziato nel 1958) e più economico della NASA che impone un tetto alle missioni satellitari di 200 milioni di dollari e per quelle sulla SSI di 55 milioni di dollari.

Infine bisogna rilevare le ultime dichiarazioni di Charles Bolden, amministratore unico della NASA: "La NASA non guiderà una missione lunare spaziale... probabilmente in tutta la mia vita". Attualmente il dirigente, ex astronauta, ha 67 anni... 

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (26)

1/3 avanti   
Anarkee 08/04/2013 15:49
+46
Mi pare giusto che per trovare qualcosa si ricorra sempre a Google..
icox 08/04/2013 15:58
+7
Molto bello e interessante, ma supponendo di trovarlo, poi come ci vai?

Bisogna sperare nell'evoluzione dei mezzi prima che l'uomo distrugga completamente questo pianeta (e se stesso).
vico 08/04/2013 15:58
+8

 Originariamente inviata da Anarkee

Mi pare giusto che per trovare qualcosa si ricorra sempre a Google..


Ma stanno cercando questi pianeti con Google Earth....?
mako46 08/04/2013 16:04
+28

 Originariamente inviata da vico

Ma stanno cercando questi pianeti con Google Earth....?


Se lo avesse fatto Apple con Apple Maps l' umanità sarebbe stata destinata all' estinzione XD.
LightningD 08/04/2013 16:05
+1
Occuparsi della nostra? C'abbiamo altri vari miliardi di anni per questo problema...
xXDARKGHOSTXx 08/04/2013 16:11
+1

 Originariamente inviata da icox

Molto bello e interessante, ma supponendo di trovarlo, poi come ci vai?

Bisogna sperare nell'evoluzione dei mezzi prima che l'uomo distrugga completamente questo pianeta (e se stesso).



Concordo pienamente
vico 08/04/2013 16:15
0

 Originariamente inviata da icox

Molto bello e interessante, ma supponendo di trovarlo, poi come ci vai?

Bisogna sperare nell'evoluzione dei mezzi prima che l'uomo distrugga completamente questo pianeta (e se stesso).


Ci aiuteranno i nostri fratelli cosmici.
DesertStorm 08/04/2013 16:15
+1

 Originariamente inviata da LightningD

Occuparsi della nostra? C'abbiamo altri vari miliardi di anni per questo problema...


Forse come vita del pianeta (circa 3,5 miliardi di anni ci separano dalla "morte" della Terra), ma dubito la razza umana avrà così tanto tempo a disposizione per fare le "valigie" (ammesso che si riesca a trovare un pianeta abitabile e la tecnologia per arrivarci in tempi per così dire brevi). Quindi è meglio darsi da fare finché si può.
Santino83_02 08/04/2013 17:08
+5
L'homo sapiens ha circa 200mila anni, e vediamo a che punto è arrivato... ora, se non si estingue da solo o per le caxxate che compie, tra altri 200 mila anni da mo che avrà trovato il modo di viaggiare per l'universo... non so se a velocità Warp o a velocità smodata, ma viaggerà per l'universo e colonizzerà altri pianeti. Tempo che il sole cominci a morire e a creare problemi per la terra (mi pare 5 miliardi di anni prima di entrare nella fase morente), o saremo estinti da un pezzo, o abiteremo felici e beati su altri pianeti in altre galassie.
maxdelay 08/04/2013 17:11
+1
Speriamo si estinguano anche i politici
1/3 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli