Pagamenti NFC italiani nella morsa degli operatori

di Dario d'Elia, 22 ottobre, 2012 10:49

Telecom Italia, Vodafone Italia, Wind, 3 Italia e PosteMobile si sono consorziate per la diffusione della tecnologia di pagamento NFC. Porte aperte agli operatori finanziari, ma sulle tariffe sarà un braccio di ferro. Le stime indicano che entro la fine del 2013 l'80% degli smartphone in commercio sarà dotato del nuovo chip.

Telecom Italia, Vodafone Italia, Wind, 3 Italia e PosteMobile hanno siglato un accordo per lo sviluppo di una piattaforma comune dedicata ai pagamenti mobili tramite tecnologia NFC (NearField Communication). L'obiettivo è garantire la massima interoperabilità nel rispetto degli standard della GSMA, l'associazione internazionale degli operatori mobili.

Si parla insomma di un ecosistema nazionale che agevoli e sostenga la diffusione dei cosiddetti pagamenti contactless tramite smartphone. Ovviamente un elemento importante del progetto sarà il coinvolgimento delle banche e degli istituti che emettono carte di pagamento.

Pagamento NFC

La mossa è quanto mai chiara: gli operatori vogliono battere sul tempo quelli finanziari. Bisognerà aspettarsi quindi un periodo di trattativa per stabilire le tariffe. Già, perché non solo gli operatori si offriranno consorziati ma hanno già previsto la strategia commerciale per coinvolgere i service provider. Intanto, sotto il profilo tecnico, è già stato stabilito che SIA si occuperà della progettazione e realizzazione dell'HUB inter-operatore per i pagamenti.

Le stime indicano che entro la fine del 2013 l'80% degli smartphone in commercio sarà dotato di chip NFC, mentre i POS compatibili saranno presenti in almeno 150mila negozi. Questo vuol dire che il prossimo anno tutti gli smartphone di fascia alta monteranno i nuovi chip oppure si doteranno di specifiche jacket NFC.

Da rilevare comunque che quando si parla di NFC bisogna sempre ricordare che si tratta di una vecchia tecnologia adottata in Giappone da più di 10 anni. L'Occidente ha preferito rimandare per questioni economiche: gli operatori finanziari e gli intermediari del credito non sono mai riusciti a trovare un accordo con gli operatori mobili. Oggi non deve quindi stupire che siano proprio Telecom Italia, Vodafone Italia, Wind, 3 Italia e PosteMobile a confezionare un prodotto pronto all'uso. 

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (48)

1/5 avanti   
Dave83 22/10/2012 11:05
+2
Tariffe?
Ma i soldi da dove vengono presi, da una carta o dal credito telefonico?
praticante 22/10/2012 11:10
+16
dopo la commissione bancaria ci sarà anche quella dell'operatore...bene...
ric62 22/10/2012 11:11
+9
Cioè io dovrei affidare i dati che permettono l'accesso ai pochi (ma a me cari) soldi del mio conto corrente ad un aggeggio elettronico che trasmette via WFI, BT, GSM e UMTS, condivide informazioni con Internet ecc. ecc.?? Ma mica sono matto. Anche la carta di credito e il bancomat li uso solo lo stretto necessario....
s00000000000ka 22/10/2012 11:15
+1
Sto tremando !!!!
Ho già capito che non lo utilizzerò mai questo "servizio".
maxdelay 22/10/2012 11:15
0
la carta di credito e il bancomat li usi perchè ti hanno costretto....
marcopalestra 22/10/2012 11:17
+6

 Originariamente inviata da ric62

Cioè io dovrei affidare i dati che permettono l'accesso ai pochi (ma a me cari) soldi del mio conto corrente ad un aggeggio elettronico che trasmette via WFI, BT, GSM e UMTS, condivide informazioni con Internet ecc. ecc.?? Ma mica sono matto. Anche la carta di credito e il bancomat li uso solo lo stretto necessario....



Quando io ho già pagato te devi ancora pagare quindi l'NFC per me è utile
Pier de Notrix 22/10/2012 11:17
+2
ma perché non usare direttamente i soldi del credito della scheda mobile, a sto punto; sarebbe più comoda della PostePay!
the-smoker 22/10/2012 11:20
+9
io affiderei le transazioni telematiche a un ente pubblico

così si avrebbero anche dati utili per la gdf e magari costi transazione più bassi
GaretJax 22/10/2012 11:21
+1

 Originariamente inviata da maxdelay

la carta di credito e il bancomat li usi perchè ti hanno costretto....


per la CC è vero: paypal, amazon e tanti altri ormai ragionano solo attraverso quel circuito lì...
Ma il bancomat è tutt'altra cosa,e la comodità di avere accesso diretto al credito sul tuo CC senza portartelo tutto quanto in giro è davvero qualcosa.
grng 22/10/2012 11:21
+3

 Originariamente inviata da Dave83

Tariffe?
Ma i soldi da dove vengono presi, da una carta o dal credito telefonico?


Non preoccuparti, a prenderli sono molto bravi
Per togliere i dubbi, te li prenderanno da entrambi ahah
1/5 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Finanza e Mercati, Finanza
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli