Parlare alla TV Panasonic non è da pazzi, presto risponderà

di Alberto De Bernardi, 29 marzo, 2012 11:50

Panasonic ha già annunciato l'intenzione di dotare i suoi televisori di un sistema di riconoscimento vocale che consentirà di parlare. Ora, invece, annuncia un progetto - per ora solo nel Regno Unito - di sintesi vocale che consentirà al televisore di rispondere.

Secondo The Verge, la gamma 2012 di TV Panasonic Viera (LCD e plasma) offrirà funzioni di assistenza vocale, con lo scopo di aiutare le persone con deficit visivi e/o poco avvezze alla tecnologia a fruire dell'interfaccia utente. 

Il sistema è stato messo a punto con la collaborazione del Royal British National Institute for Blind People (RNIB), istituto specializzato in materia di accessibilità, e utilizza un motore di sintesi vocale per descrivere gli elementi selezionati al momento e fornire istruzioni su come navigare nei menu.

Secondo Fazilet Hadi del RNIB, "televisori con interfacce vocali migliorano enormemente l'esperienza televisiva per chi soffre di disturbi visivi". Non stentiamo a crederlo. Il progetto è stato annunciato inizialmente dalla radio InSight del RNIB. Il sistema, purtroppo, è disponibile solo nel Regno Unito per il momento, ma se l'esperimento andrà a buon fine Panasonic prevede di estenderlo ad altri mercati.

Non si tratta però solo di riproduzione vocale. Il mese scorso, sempre Panasonic ha annunciato il supporto della tecnologia Nuance Dragon di riconoscimento vocale, che consentirà all'utente di interfacciarsi con la sua TV in linguaggio naturale. L'interfaccia vocale permetterà di cambiare canale, regolare il volume e altro ancora. Così le prossime TV Viera potranno letteralmente dialogare con l'utente.

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (14)

1/2 avanti   
nba78 29/03/2012 11:57
+2
Posso capire per le persone con handicap,ma per gli altri mettersi a parlare con la TV per cambiare canale o regolare il volume,quando è cosi semplice e veloce farlo con il telecomando non mi pare molto comodo.
xhei 29/03/2012 11:58
0
"L'interfaccia vocale permetterà di cambiare canale"

Meno male,con tutti i programmi del ... che danno alla tv non dovrò cambiare spesso canale con il telecomando!
JackZR 29/03/2012 12:00
+14
Utente: "Pana, alza il volume"
TV: "Utente, alza il culo e prenditi il telecomando!"
xhogan89x 29/03/2012 12:01
0
tutti bravi a fare comandi vocali alla tv, ma io inventerò, il comando vocale" accio telecomando" quando lo si perde, per poi ritornare fra le tue mani in volo
supertigrotto 29/03/2012 12:03
0
Integrare una specie di kinnect nella cornice?????almeno ci sarebbe voce più movimento,magari con un quad arm e android integrato,sarebbe una vera internet tv o un cell gigante!
danielec79 29/03/2012 12:04
+1
Effettivamente non ci sarà più il problema di perdere il telecomando
Haylander 29/03/2012 12:37
+3
Ficata assoluta.
Il telecomando è la parte in assoluto che si è evoluta di meno nelle tv moderne.
Penso che questa funzionalità sia veramente esagerata! Altro che 3D. Cambiare canali e modificare il volume con la voce è splendido.
1- non devi ricordare dove hai messo il telecomando.
2- non devi preoccuparti più di telecomandi che cadono dal divano.
3- Se hai le mani occupate esempio in cucina e in tv trasmettono inaspettatamente voyager o il gf con una sola parola puoi salvarti qualche neurone! senza muovere un dito!
4- per i diversamente abili è molto molto comodo!
Miracolo!
s4ndro 29/03/2012 12:44
0
ancora con sto scatolotto chiamato tv.. ebbasta... basterebbe fare uno standard , metterci il bluetooth e fare delle app per smartphone..
Mauro_pr85 29/03/2012 12:50
0
E se devi accendere la tv con la voce come fai?
NickGi 29/03/2012 13:01
+3

 Originariamente inviata da Mauro_pr85

E se devi accendere la tv con la voce come fai?



Devi dire:

FUS RO DAH!!!
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli