PS4 Orbis contro i giochi usati? Potrebbe essere boicottata

di Manolo De Agostini, 30 marzo, 2012 14:24

La Playstation 4 "Orbis" fa discutere. Il fiume di indiscrezioni di qualche giorno fa ha davvero lasciato tutti interdetti. Si tratta di voci di corridoio, certamente, ma il ritorno di tutto il capitolo sulla tecnologia "anti-giochi usati", di cui si era già discusso in merito alla prossima Xbox, ha riportato il discorso prepotentemente in auge. 

Tra chi è a favore e chi è contro, non poteva mancare l'arguto parere di Michael Patcher di Wedbush Securities. Intervistato da GamesIndustry, l'analista non ha esitato a parlare di questa soluzione tecnologica come di una "bomba nucleare su Gamestop" aggiungendo che la catena non starebbe a guardare di fronte a qualcosa che ne potrebbe limitare il giro di affari.

"Non è nel miglior interesse di Sony o Microsoft bloccare i giochi usati. Restituirebbe un leggero beneficio solo a EA e Activision, ma farebbe molto male a Gamestop. Se Sony ha fatto questo unilateralmente, prevedo che GameStop si rifiuterà di vendere la loro console e le vendite della PS4 potrebbero quindi soffrire".

"Se uno lo fa e gli altri no, quello che lo farà perderà quote di mercato. Nessuno dei tre grandi produttori di console è abbastanza stupido da farlo da solo" e non sarebbero "abbastanza cattivi da farlo insieme". David Cole di DFC Intelligence concorda sul fatto che Sony o Microsoft sarebbero stupide nel bloccare i giochi usati, e una console con questa tecnologia perderebbe un grande fetta del mercato hardcore. "Un sistema che prova a bloccare le vendite dei giochi usati probabilmente frenerebbe quei giocatori che si precipitano a scambiare i loro vecchi prodotti in negozio per quelli nuovi. In altre parole non credo che questa console farebbe così bene".

Lewis Ward, research manager di IDC, riconosce che gli editori e molti altri nel settore vorrebbero avere "una bacchetta magica per gambizzare il mercato dell'usato", ma anche lui non lo ritiene uno scenario probabile. Ward inoltre porta in tavola il tema della pirateria. Non è infatti da escludere l'arrivo di hack da parte degli smanettoni - che si sa, non amano le catene. 

Insomma nessuno ci crede, ma se dovesse essere davvero presente una soluzione di questo tipo, le principali catene di rivendita di giochi potrebbero boicottare la console. Uno scenario plausibile, visto che se ricordate la PSP Go (che consentiva l'acquisto di titoli solo in modalità digitale) è stata messa alla porta da diversi negozi. Ma se Microsoft dovesse essere della partita…

Non bisogna infine dimenticare che stando all'indiscrezione, la tecnologia permetterebbe comunque a Gamestop di avere il suo margine di manovra - ma è chiaro che si è totalmente nel campo delle ipotesi, in un verso e nell'altro. A ogni modo l'aspetto più concreto della voce di corrodoio riguarda il nome Orbis. Ad esempio scrivendo vita.scedev.net nel browser, arriverete al portale degli sviluppatori PS Vita. Lo stesso scrivendo ngp.scedev.net e, guarda caso, digitando Orbis.SCEDev.net si arriva alla medesima pagina.

Un altro indizio è arrivato dall'azienda di progettazione Coque Design, che a quanto pare potrebbe aver lavorato ad alcune caratteristiche della prossima Playstation. Sul sito capeggiavano infatti delle foto etichettate come "Illustrations & Sketches for new PlayStation Orbis features". 

Le immagini fortunatamente potete vederle sopra e si notano delle persone davanti a un dispositivo simile a Kinect/PlayStation Eye (e se ne parlava in una vecchia notizia), sopra la TV. Una delle persone usa un dispositivo tascabile - all'apparenza uno smartphone - per controllare le tracce di quello che sembra un gioco musicale. Insomma il mistero s'infittisce. Chi non avesse letto la precedente notizia può rimediare: Playstation 4 Orbis con hardware AMD e risoluzione 4K.

Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell