Rosepoint, l'Intel Atom dual-core con Wi-Fi integrato

di Manolo De Agostini, 20 febbraio, 2012 10:01

Intel sta realizzando un microprocessore Atom con Wi-Fi integrato, chiamato Rosepoint. Si tratta di un chip dual-core a 32 nanometri per ora realizzato solo in via sperimentale. Potrebbe debuttare tra qualche anno all'interno di tablet e smartphone.

Atom con chip digitale Wi-Fi integrato. Intel sta lavorando su un dual-core a 32 nanometri con connettività al proprio interno, nome in codice Rosepoint. Al momento si tratta solamente di un progetto di ricerca, ma tanto basta per pensare a una futura applicazione tra qualche anno nei SoC di tablet e smartphone, magari con un processo produttivo più avanzato.

A differenza delle soluzioni analogiche, i chip RF (radiofrequenza) digitali sono più semplici. Lavorano solo con due livelli di tensione e possono essere rimpiccioliti molto più facilmente. "Con l'approccio digitale alle radiofrequenze si possono portare i benefici della Legge di Moore nel settore dei circuiti radio", ha dichiarato Justin Rattner, Chief Technology Officer di Intel, che ha reso nota l'intenzione di realizzare chip digitali per trasmissioni cellulari in un futuro non troppo distante.

La fusione tra chip radio e CPU non è facilissima. Entrambi emettono radiazioni che possono interferire l'uno con l'altro. "Questa radiazione penetra nel modulo RF e corrompe i dati", ha dichiarato Hossein Alavi, direttore del Radio Integration Lab di Intel. "Più vicini sono, maggiore è l'interferenza reciproca".

Per risolvere questo problema, Intel ha dovuto usare tecniche di cancellazione del rumore e di schermatura delle radiazioni all'interno del chip. L'azienda sta anche studiando modi per inserire le antenne radio direttamente nel chip, ma se ne riparlerà per un altro anno o due.

L'obiettivo, riducendo il numero di chip all'interno di un dispositivo portatile, è quello di abbassare i costi e la complessità produttiva, aumentando di riflesso l'autonomia dei dispositivi portatili. Probabilmente Qualcomm, Texas Instruments e Broadcom, tutte impegnate nella realizzazione di questi chip, non prenderanno bene la notizia, ma per Intel si tratta della logica conseguenza dell'acquisizione del business Wireless di Infineon.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (14)

1/2 avanti   
Roby10 20/02/2012 10:20
0
Ma i vari SoC Nvidia e company che stanno già su tutti i cellulari non lo fanno già?? Mi son perso qualche cosa?
FrankieDedo 20/02/2012 10:21
0
Se funziona bene non sarebbe affatto male! soprattutto per applicazioni future (tipo 5 - 10 anni) dove molti più dispositivi avranno dei processori ausiliari "diversi" mi viene da pensare in primis al DS o a smartphone vari..non mi risulta difficile immaginarmi, ad esempio, un tablet del futuro: quad-core a piena potenza per la "velocità di crociera" affiancato da un dual-core con wi-fi per le evenienze di tutti giorni...speriamo che l'autonomia aumenti davvero, perchè basta un niente per rovinare le promesse di maggiore autonomia!

 Originariamente inviata da Roby10

Ma i vari SoC Nvidia e company che stanno già su tutti i cellulari non lo fanno già?? Mi son perso qualche cosa?



non credo forse tu intendi il complesso dei vari processori "centrali" ma che io sappia questo generalmente non succede... ora controllo!
mister_sleeper 20/02/2012 10:22
+9
bello...peccato che sia un atom.
GianArd 20/02/2012 10:53
+2

 Originariamente inviata da mister_sleeper

bello...peccato che sia un atom.



Tutti che a solo sentire la parola Atom si spaventano e pensano già ***.
Se solo si chiamasse intel Pino tutti già + interessati.
Spero che quando intel inizierà seriamente a competere nel settore mobile cambi nome alla sua Cpu =D
marselino 20/02/2012 11:06
+4

 Originariamente inviata da GianArd

Tutti che a solo sentire la parola Atom si spaventano e pensano già ***.
Se solo si chiamasse intel Pino tutti già + interessati.
Spero che quando intel inizierà seriamente a competere nel settore mobile cambi nome alla sua Cpu =D



purtroppo per intel il passo falso l'ha fatto lei e ne deve pagare le conseguenze
incolto 20/02/2012 11:08
+2
Questa francamente è innovazione. Per quanto non mi piaccia la Intel per come ha fatto con AMD, devo ammettere che questa è reale ricerca&sviluppo. Non come lo "slide to unlock".
E sinceramente il wi-fi dentro il processore... dovete considerare che la Intel sta entrando nel settore mobile dei tablet e perchè no in futuro degli smartphone. Avete idea del risparmio energetico che potrebbe apportare questa idea?
In tutto il settore mobile ovviamente. Inoltre credo che un Atom per usi basilari vada bene...
Ammettiamolo... questi qua fanno reale innovazione. Anche perchè poi se estendono il tutto anche al settore desktop e notebook... Secondo me si prospetta un buon futuro. Nel senso che tra integrazione di Cpu+Gpu, sommiamo questo... Si potrebbero avere dei PC (chiamiamoli così) che consumano poco, molto piccoli (possibilmente All-in One) magari fanless, che fanno l'essenziale. Certo non giocare, ma sicuramente sarebbe un bel passo avanti no?
Ripeto, intel e Amd fanno reale ricerca... non come... cough cough colpo di tosse scusate
Supertux 20/02/2012 12:10
0
" Potrebbe debuttare tra qualche anno all'interno di tablet e smartphone."

Tra qualche anno??? Già oggi ci sono i quad-penta core, e questi pensano a un "misero" dual per i prossimi anni?

Ok che si tratta di un progetto sperimentale, ma spero che si adattino a quello che il mercato offre già oggi.
lucamarcello 20/02/2012 12:19
+2
Il fatto che l'atom non brilla in campo windows nel settore netbook, non significa che con Android vada male. Anzi nei primi benchmark sotto ICS il soc Medfield e' andato nettamente piu' veloce degli attuali dual core ARM blasonati del mercato.
Il vero problema e' che i consumi sono tutt'ora troppo alti se comparati ai vari ARM. Anche se comunque i progressi ci sono stati anche in questo campo.
Io direi proprio di non sottovalutare in futuro queste evoluzioni soc Atom.
Il_Saggio 20/02/2012 12:50
+1
I SoC ARM di Qualcomm già implementano la parte analogica nello stesso chip. Gli altri non lo fanno. nvidia prevede di farlo tra un paio di anni, avendo anche lei acquisito una società che faceva chip radio.

La ricerca di Intel in questo caso è solo a proprio vantaggio, dato che non è la prima che lo fa, né è l'unica che lo sta facendo. Al resto del mondo non serve che Intel ci riesca. C'è già chi è capace.

@lucamarcello
Puoi dare dei link ai benchmark, please?
lucamarcello 20/02/2012 12:56
0

 Originariamente inviata da Il_Saggio

I SoC ARM di Qualcomm già implementano la parte analogica nello stesso chip. Gli altri non lo fanno. nvidia prevede di farlo tra un paio di anni, avendo anche lei acquisito una società che faceva chip radio.

La ricerca di Intel in questo caso è solo a proprio vantaggio, dato che non è la prima che lo fa, né è l'unica che lo sta facendo. Al resto del mondo non serve che Intel ci riesca. C'è già chi è capace.

@lucamarcello
Puoi dare dei link ai benchmark, please?



There we go:
http://www.anandtech.com/show/5365/intels-medfield-atom-z2460-arrive-for-smartphones
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
Guarda anche: Processori, Intel Atom, Intel
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli