Samsung ci riprova con i Chromebook ma i prezzi sono salati

di Elena Re Garbagnati, 30 maggio, 2012 14:44

Samsung sta per annunciare la disponibilità del nuovo Chromebook Serie 5 550 e del mini PC Chromebox Serie 3, con una nuova versione di Chrome OS compatibile con Google Drive. Sarà possibile consultare i documenti di Google Doc anche offline e le prestazioni dovrebbero essere migliorate. I prezzi però sono salati: 450 dollari per il notebook e 330 dollari per il PC.

Samsung ci riprova con i computer basati su Chrome OS e si appresta ad annunciare un nuovo Chromebook e un mini PC da tavolo. Entrambi includono l'ultimo aggiornamento a Chrome OS pubblicato da Google e l'integrazione di nuove Google App, e secondo quanto comunicato da Samsung le prestazioni dovrebbero essere sensibilmente migliori rispetto ai modelli precedenti.

Fra le novità da segnalare ci sono la stretta integrazione con Google Drive e la possibilità di modificare i documenti di Google Docs anche offline. Le nuove macchine avranno inoltre quello che Google definisce "apps-centric user interface", che consentirà di lavorare in multitasking con più finestre aperte, su prodotti con schermi compresi fra 11 e 30 pollici. Fra le nuove caratteristiche ci sono anche un lettore multimediale più sofisticato, un editor di immagini nativo, e opzioni di streaming video avanzate per YouTube, Netflix e altri siti simili.

Samsung Chromebook Serie 5 550

Caesar Sengupta, responsabile dei prodotti Chrome OS di Samsung, ha presentato la novità dichiarando che l'azienda è "soddisfatta del lavoro svolto e crede fortemente nella visione di Chrome OS". Una frase senza dubbio di circostanza, ma non suffragata dai risultati di vendite del Chromebook prima maniera. Ricordiamo infatti che lo scorso anno sono stati solo due i produttori ad avere creduto nel progetto di Google: Acer e Samsung. Il primo aveva dichiarato numeri di vendita imbarazzanti di 5000 unità, la sud coreana aveva proprio evitato di divulgare numeri.

I nuovi prodotti sono disponibili on-line negli Stati Uniti e nel Regno Unito, e per ora non ci sono informazioni relative all'Italia. Il notebook è stato battezzato Chromebook Serie 5 550 e dispone di un display da 12,1 pollici (1280 x 800 punti). Il peso è di 1,5 chili, comprensivo di una batteria che dovrebbe garantire un'autonomia di sei continuative o di sei giorni e mezzo in modalità standby.

Samsung Chromebox Serie 3

La configurazione poggia su un processore Celeron 867 dual-core a 1.3 GHz, affiancato da 4 GB di RAM, connettività dual band Wi-Fi 802.11 a/b/g/n e una porta Gigabit Ethernet. Il modem 3G è opzionale. La connettività comprende due porte USB 2.0, un vano per le schede di memoria 4-in-1 e una DisplayPort. Il flop del primo modello non è servito a far abbassare i prezzi, che restano salati: 449 dollari per la versione Wi-Fi Only e 549 dollari per i modelli 3G.

Il desktop si chiama invece Samsung Chromebox Serie 3, ha in dotazione un processore Intel Celeron B840 dual-core da 1.9 GHz, 4 GB di RAM, Wi-Fi 802.11 a/b/g/n e una porta Gigabit Ethernet. In questo caso le connessioni includono sei porte USB 2.0, un'uscita DVI, una DisplayPort 2x. Il prezzo è di 329 dollari e non include monitor, tastiera o mouse.

Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR
 
Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 1 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 2 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 3 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 4 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 5 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 6 Samsung Chromebook Serie 5 550 e Chromebox Serie 3 - PR 7
 

Le fonti riferiscono che rispetto ai Chromebook di prima generazione, il nuovo Serie 5 550 è di due volte e mezzo più veloce, mentre il desktop è di tre volte e mezzo più veloce. Il notebook dovrebbe avviarsi in sette secondi, mentre il desktop dovrebbe impiegare solo cinque secondi.

Ma il problema per questi prodotti non è mai stata la velocità di avvio, quanto il numero limitato di applicazioni e l'impossibilità di lavorare offline. Dato che l'ultimo sembra finalmente risolto, forse al secondo tentativo si può sperare in un risultato di vendite accettabile.

Argomenti interessanti

 
 

Commenti dei lettori (21)

1/3 avanti   
themac 30/05/2012 14:54
+3
Mamma mia che specifiche e che prezzi.

Dovrebbero darti loro 20 $ SE te lo compri e lo usi, cosi' almeno ampli la base di utenza di chromeOS

TheMAc
Seraph84 30/05/2012 14:55
+32
ohhh, finalmente...lo scaffale del mio negozio di fiducia si stava svuotando...
sorcio46 30/05/2012 14:58
0
Non sarebbero male.. ma ai 2/3 del prezzo
marselino 30/05/2012 15:03
+5
Troppo caro e troppo inutile in Italia
Tsaeb 30/05/2012 15:04
0
non capisco perchè Google (e i produttori) insista con questi prodotti. Meglio concentrare le risorse sui tablet Android IMHO.
UEFI 30/05/2012 15:06
+2
Chrome OS e i dispositivi che lo adottano sono delle utopie costose .
fra 20 anni diranno tutti che erano rivoluzionari e la apple si glorificherà di avere inventato qualcosa di simile dopo di loro .... ma ora rimangono delle "cose" inutili .
rikardobari1 30/05/2012 15:06
0
Con quel prezzo mi faccio un mini itx con i7 D:
xhogan89x 30/05/2012 15:08
0
della serie avevano del ferro da buttare e hanno detto vabbè rifacciamo un prodotto con chrome così paghiamo meno tasse per i rifiuti XD
gtangari 30/05/2012 15:08
+6
Poi sarebbero cari i Mac ...
Dime 30/05/2012 15:11
+2
E' con l'innovazione che possono sperare di crearsi opportunità.
Seguire strade gia percorse porta vantaggi solo parziali.
E' quasi pubblicità indiretta per l'ideatore originale.
Leggasi : mi sono stancato di vedere oggetti che ricordano oggetti Apple.
1/3 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Continua a seguirci!
TechMedia Network | Experts
Copyright © 2014 Bestofmedia Group. Tutti i diritti riservati
P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli