Sky si ritira dal Beauty Contest: colpo di scena!

di Dario d'Elia, 30 novembre, 2011 18:01

Sky ha comunicato al Ministero dello Sviluppo Economico e alla Commissione Europea che si ritira dal Beauty Contest che assegnava le frequenze del digitale terrestre. Secondo il broadcaster i tempi poco chiari e regole discutibili sono incompatibili con un mercato televisivo e uno scenario competitivo che è invece in rapida e costante evoluzione.

Sky si è ritirata ufficialmente dall'asta per le frequenze del digitale terrestre. La notizia è giunta poche ore fa alle agenzie stampa come un fulmine a ciel sereno. E dire che ormai sembrava cosa fatta, considerando anche che il beauty contest riservava ai nuovi entranti come Sky tre multiplex. Insomma, difficilmente tre concorrenti avrebbero potuto sottoporre alla commissione progetti più invitanti del noto broadcaster satellitare.

Sky Italia

L'emittente ha deciso di compiere un passo indietro a causa dei tempi lunghi della procedura, che sembrano non consentire un'adeguata pianificazione dell'investimento. Senza contare le ''discutibili'' regole del bando che favoriscono gli operatori già attivi sul mercato, ovvero Mediaset e Rai. La nota informativa con tutti i dettagli del caso è stata recapitata in giornata al Ministero dello Sviluppo Economico e alla Commissione Europea. La decisione appare incondizionata e con effetto immediato.

"Va ricordato che proprio tali regole hanno portato alcuni partecipanti alla gara, tra cui la stessa Sky, a presentare ricorsi all'autorità competente, ricorsi che potrebbero moltiplicarsi una volta annunciate le assegnazioni delle frequenze", si legge nel comunicato Sky.

"Tempi poco chiari e regole discutibili sono incompatibili con un mercato televisivo e uno scenario competitivo che è invece in rapida e costante evoluzione. Nella televisione italiana stanno nascendo infatti nuovi modelli di business e fanno il loro ingresso nuovi player, provenienti spesso da settori finora estranei alla produzione e alla distribuzione di programmi televisivi". 

Insomma, secondo Sky le regole del Beauty Contest impostate dal precedente Governo non hanno interpretato adeguatamente le esigenze di sviluppo e di apertura alla concorrenza del mercato.

Andrea Zappia, AD di Sky

"Ci auguriamo che questa nostra decisione, per quanto difficile e onerosa, possa dare un serio contributo ad avviare un dibattito aperto e costruttivo sul futuro della televisione nel nostro Paese; un futuro che in Italia, come in tutto il mondo, vede lo sviluppo e l’affermarsi di nuovi modelli di business basati anche su forme e tecnologie diverse dal DTT, basta pensare al successo che in altri mercati stanno avendo  operatori che distribuiscono i loro programmi via DSL e fibra", ha dichiarato Andrea Zappia, Amministratore Delegato di Sky Italia. 

"Siamo convinti che l’obiettivo dei prossimi mesi è, e debba essere, creare le condizioni per fare del mercato televisivo un volano dell’economia digitale e, al fine di creare nuova occupazione e sviluppo, liberare l’incredibile potenziale creativo che è parte del DNA degli italiani. Credo che da questo punto di vista il Beauty Contest avrebbe potuto rappresentare un’importante occasione, ma ritengo che questa occasione sia stata mancata a causa dell'impostazione che è stata data a tutto il processo". 

Sky ha preparato la valigia - Clicca per ingrandire

"Questa decisione è coerente con le scelte industriali di Sky e con la sua politica di investimenti in Italia, incentrata sull’innovazione e le nuove tecnologie, e non modifica, ma anzi conferma e rafforza, l’intenzione a continuare a investire nel nostro Paese e a fornire il nostro contributo alla sua crescita economica".

Le motivazioni che hanno portato Sky a questa scelta sono poco chiare almeno sotto il punto di vista della tempistica. Probabilmente con la crisi di Governo i tempi di risoluzione del Beauty Contest si sono dilatati a dismisura, ma non si dovrebbe neanche sottovalutare la quantità industriale di ricorsi depositati al TAR dalle TV locali e gli operatori. Insomma, tutto potrebbe esplodere in una grande bolla di sapone, quindi meglio ritirarsi in tempo. 

Ovviamente deve aver influito anche l'avvicendamento a Palazzo Chigi. Di fatto l'Italia oggi ha come Primo Ministro uno dei paladini dell'Antitrust mondiale – basta ricordare il caso Microsoft – mentre prima il re delle televisioni. Quindi non è da escludere che il Ministero dello Sviluppo possa muoversi diversamente rispetto al passato, sconfessando il regolamento precedente e invitando AGCOM e AGCM a fare di meglio.

Sky probabilmente ha fatto bene i conti.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (19)

1/2 avanti   
alvi 30/11/2011 18:23
+10
Il digitale terrestre è solo una mangeria di soldi,è la tecnologia "se possiamo chiamarla tale" peggiore che io abbia visto da quando sono nato.
sky ha già un'ottima piattaforma,stabile e potente,io punterei piuttosto a cercar di creare qualcosa su internet come detto da Andrea Zappia senza scannarsi con quelli che credono che il DTT sia il futuro.
A tal proposito mi è venuta in mente la pubblicità del tg com,"nato su internet arriva in tv" Alla faccia che passo avanti!!!
s4ndro 30/11/2011 18:23
+6
Grande !! e Nano Wins!!
diegooo1972 30/11/2011 18:24
+1
Moriremo tutti. Baratro.........
redder84 30/11/2011 18:26
+25
Il futuro delle tv è lo streaming

Liberi da orari e con una scelta enorme!


Come il p2p...:-) ma con le pubblicità...

Adsl permettendo!
Spaccaossi 30/11/2011 18:36
+2
"Tempi poco chiari e regole discutibili sono incompatibili con un mercato televisivo e uno scenario competitivo che è invece in rapida e costante evoluzione."

Che c'è di strano, siamo in Italia, qui tutto ha dei tempi poco chiari ed ha delle regole discutibili.
ragazzocattivo 30/11/2011 18:56
+2
Per capire che fine farà la tv tradizionae sul medio periodo in europa, basta guardare la fine che ha fatto nei paesi dove le infrastrutture internet sono più avanzate come ad esempio, il giappone:

In giappone la televisone tradizionale in pratica non esiste più...La guardano solo i vecchi ultraottantenni.

Tutti gli altri hanno la tv via cavo ad alta definizione, oppure la web tv.
Famitsu 30/11/2011 19:05
+3
Manomale che esiste Mediaset Premium !!! W il Grande Fratello e la Mediaset! W la TV Italiana !!!

Sarcasmo OFF
Alexej 30/11/2011 19:23
+1
Mi salverò TUTTE le foto sulle LEGO che proponete... Sono troppo belle, non posso perdermele!!!

OT OFF

Non credo ci siano molti commenti da fare se non un: "Ecc... e ti pareva!"
Qui vanno avanti i furbacchioni.. Gli altri vogliono competere, ma si ritirano perchè ben prima vedono muri invalicabili all'orizzonte!
Italia 1 30/11/2011 19:32
+1
Questa fa proprio ridere:

"Siamo convinti che l’obiettivo dei prossimi mesi è, e debba essere, creare le condizioni per fare del mercato televisivo un volano dell’economia digitale e, al fine di creare nuova occupazione e sviluppo, liberare l’incredibile potenziale creativo che è parte del DNA degli italiani."


Potenziale creativo dove ? nel gf ? nell'isola dei penosi ? in tutti i sequel di carabinieri, polizia, don matteo, ospedali e tutte ste scemenze varie ?

Potenziale creativo, IN TV, IN Italia ?????? Ma se sono anni che fanno salti all'indietro paurosi, contando anche tg che danno notizie in base alla simpatia politica.

Sky, hai fatto bene, non preoccuparti. Investi in altri paesi, l'Italia lasciala al suo destino (tanto soldi da me non ne vedevi comunque)
Goodspeed 30/11/2011 19:40
0

 Originariamente inviata da Italia 1

Potenziale creativo dove ? nel gf ? nell'isola dei penosi ? in tutti i sequel di carabinieri, polizia, don matteo, ospedali e tutte ste scemenze varie ?



Don Matteo è, a suo modo, divertente e l'atmosfera di Gubbio mi rilassa moltissimo (consiglio a chi non c'è stato una visita alla città di Gubbio ne rimarrà incantato).

Per il resto quoto tutto.
1/2 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:
 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli