Valve: il gioco in single-player merita, deve evolvere

di Valerio Porcu, 11 novembre, 2010 15:35

Secondo un dirigente Valve non è giusto dire che ormai tutto il gioco è in multiplayer. Ci sono ancora tanti giocatori che amano la solitudine, ma solo durante il gioco vero e proprio. Per loro ci sono tante idee da sperimentare.

Valve continuerà a investire nel gioco single-player. L'azienda che ha creato Steam, e alcuni famosi titoli multiplayer come il famosissimo Team Fortress 2, non manderà in pensione storie e personaggi virtuali convincenti, come quelli che abbiamo conosciuto in Half-Life.

Left for Dead

Erik Johnson, dirigente di Valve, crede infatti che valga la pena interrogarsi sullo stato odierno del gioco in single-player e su come questo possa evolvere. Ormai quasi tutti i giochi danno molta enfasi all'aspetto multiplayer, e pochi invece mostrano attenzione anche per chi ama giocare da solo.

E infatti in molti casi ci si lamenta di campagne single-player troppo brevi o eccessivamente semplici, in particolare per alcuni tipi di giochi come gli FPS o gli RTS. In certi casi è opinione comune che il multiplayer sia l'unica ragione per comprare un titolo; ma non dev'essere per forza così.

Secondo Johnson il gioco single-player offre ancora spazio per l'innovazione e si potrebbe combinare un'esperienza di gioco "tradizionale", a funzioni e possibilità tipiche dei nostri tempi. "Per esempio alcuni potrebbero semplicemente apprezzare la possibilità di chattare con qualcuno che è al loro stesso punto del gioco, oppure quella di aggiungere commenti nel gioco, così tutti possono vederli e trarre vantaggio dal fatto che esiste una grande comunità di giocatori desiderosa d'interazione", spiega.

Come si può volere altra compagnia? - Clicca per ingrandire

"Credo che l'idea secondo cui ogni prodotto debba essere competitivo nel multiplayer sia scorretta. Ci sono molte persone che vogliono giocare senza stress, e non credo che questa situazione cambierà".

In altre parole il rappresentante di Valve riconosce il fatto che ci sono molti giocatori che continuano a preferire la campagna single-player, e non amano particolarmente il gioco online. Allo stesso tempo però questi giocatori non sono dei misantropi e apprezzano la possibilità di condividere con altri la propria esperienza.

Giocatori single-player, non siete soli - Clicca per ingrandire

Immaginate di trovarvi in un livello di un ipotetico Half-Life 3. Su un muro potreste trovare i graffiti lasciati da altri giocatori, o magari potreste accedere a un computer per leggere i loro commenti su come affrontare un certo passaggio o persino per partecipare a un forum. Nel cassettino portaoggetti di un veicolo potreste trovare i consigli sul percorso, scritti da chi vi ha preceduto. Le possibilità sono infinite.

Quelle di Johnson sono certamente idee curiose e meritevoli di qualche considerazione, soprattutto perché nascono da una realtà concreta: il gioco multi-player ha fatto del single-player una cenerentola.

Ti potrebbe interessare anche:

 

Notizie dal web

 

Commenti dei lettori (37)

1/4 avanti   
baobab 11/11/2010 16:01
+3
Beh i single se fatti con una bella storia sono molto belli.
Eldanoth 11/11/2010 16:03
0
mmm... non ci avevo mai pensato. Interessante l'idea che qualche giocatore che ci abbia preceduto, possa lasciare delle 'tracce'...
Saival87 11/11/2010 16:03
0
Da quando ho provato il multi online di diversi giochi faccio molta fatica a cimentarmi in azioni single player. Giocare contro il computer non mi entusiasma come giocare con persone vere. Gli unici giochi recenti che mi sono piaciuti in single sono stati Bioshock e Portal

 Originariamente inviata da articolo

Immaginate di trovarvi in un livello di un ipotetico Half-Life 3. Su un muro potreste trovare i graffiti lasciati da altri giocatori



Graffiti di giocatori innamorati magari, poi passano i vandali e li trasformano in opere d'arte
Rick 11/11/2010 16:04
+1
Io preferisco "quasi" il single player, meno ripetitivo e segue una trama. anche meno stressante,

Cmq dipende dal gioco, ad es. COD lo gioco sia ins ingle che multy,...
asdasdasd 11/11/2010 16:07
-5
Questo dirigente di Valve deve chiamarsi Mr.Ovvietà...
stefano89 11/11/2010 16:08
+1
"Credo che l'idea secondo cui ogni prodotto debba essere competitivo nel multiplayer sia scorretta. Ci sono molte persone che vogliono giocare senza stress, e non credo che questa situazione cambierà".

Beh ma perchè giocare in singolo equivale a giocare senza stress? Sto giocando la campagna di black ops e ci son punti che per colpa di una programmazione fatta col sedere mi fanno bestemmiare il quadruplo del multi e devo ripeterli decine di volte per riuscire a passarli
Poi mi vengono in mente ad esempio i titoli sportivi tipo quelli calcistici con partite dove l'IA bara spudoratamente e anche li son porchi e bestemmie che volano XD
Insomma un IA calibrata male penso possa dare molto piu stress di un multi dove a meno di lag clamoroso sai che vieni ownato perchè l'altro è piu forte/nerd e basta
Poi se per giocare senza stress intendono impostare livello poppante e fare tutto il gioco in carrozza allora è un altro discorso ma a quel punto il senso di sfida sparisce nel nulla
Spazzolone76 11/11/2010 16:08
0
io gioco solo in singleplayer;
ignatech 11/11/2010 16:11
0
anche io amo il single player.
sto giocando ora ad half life 2 (che mi ero perso) ed è bellissimo.
i
StefanoMac 11/11/2010 16:11
0
quella che salta dal balcone nell'ultima foto mi sembra una Witch... sono c@azzi amari per il giocatore!
PublicJohnDoe 11/11/2010 16:12
0

 Originariamente inviata da Spazzolone76

io gioco solo in singleplayer;


Idem!
1/4 avanti   
Devi essere collegato scrivere un commento!

Accesso utenti

Nome utente:
Password:

The Elder Scrolls V: Skyrim - Cosplay Aela la Cacciatrice

 
Segui Tom's Hardware!
Informazioni su Tom's Hardware
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell

Copyright © 2014 - 3Labs Srl - A Purch Company. Tutti i diritti riservati.
P.Iva 04146420965 - Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013
Clicca per i dettagli