Winamp chiude i battenti e si porta via un'epoca intera

di Valerio Porcu, 21 novembre, 2013 11:25

Addio Winamp, e grazie per tutta la musica. Non resta che dare l'ultimo saluto a questo programma per la riproduzione multimediale, perché il prossimo mese chiuderà i battenti. Più precisamente il 21 dicembre, giorno in cui il sito di riferimento andrà offline, l'applicazione non si potrà più scaricare né si potranno usare i servizi web associati.

Finisce così una storia durata 15 anni, e che ha visto questo programma occupare un posto d'onore nel cuore e sugli schermi di moltissime persone. Il tempo però è stato impietoso: da una parte si sono moltiplicati i concorrenti, sempre migliori per qualità, e dall'altra ormai tutti i sistemi operativi hanno un'applicazione multimediale predefinita più che dignitosa. Sono sempre meno quelli che sentono il bisogno di scaricare un'applicazione dedicata, e non tutti finiscono per scegliere Winamp.

Nullsoft, la società dietro a Winamp, non ha dato ragioni ufficiali per questa scelta, ma la situazione descritta è probabilmente il sospettato numero uno. A qualcuno di certo mancherà, ma da un punto di vista pratico cambia poco: tra iTunes, Windows Media Player, il famoso VLC e qualche altro programma, saranno pochi quelli che sentiranno la mancanza di Winamp.

Non si può evitare però di sentire una certa nostalgica malinconia di fronte a questa notizia. Con Winamp tutto sommato se ne va un pezzo di quel mondo tecnologico con il quale molti di noi sono cresciuti. Per tanti è stato il primo strumento per ascoltare musica sul computer, per gestirsi elenchi di video, e tante altre cose. La sua interfaccia, ne siamo certi, è nel ricordo anche di tanti lettori. Tecnicamente lo si può ancora scaricare per poi continuare a usarlo a tempo indefinito, ma molti di voi useranno qualcos'altro: che cosa? 

Argomenti interessanti

 
 
Clicca per i dettagli
Segui Tom's Hardware!

Copyright © 2015 A Purch Company. Tutti i diritti riservati. P.Iva 04146420965
Testata registrata presso il Tribunale di Milano, nr. 285 del 9/9/2013, Direttore Responsabile Pino Bruno
powered by
Powerd by Aruba Cloud Powerd by Intel Powerd by Dell