Epson Stylus Photo R2000, il meglio per 500 euro
pubblicato
url: http://www.tomshw.it/cont/articolo/epson-stylus-photo-r2000-il-meglio-per-500-euro/36265/1.html
Test - La Stylus Photo R2000 offre stampa a pigmenti in formato A3+, grande varietà di supporti e qualità professionale a un prezzo affrontabile per tutti.
  

Introduzione

La Epson Stylus Photo R2000 è una stampante fotografica A3+ che, per caratteristiche tecniche, potrebbe tranquillamente essere considerata professionale, ma viene venduta a un prezzo decisamente concorrenziale.

All'interno della gamma Epson "grandi formati" si posiziona a livello intermedio, tra l'entry-level 1400/1410, che utilizza inchiostri a base dye (Claria a 6 colori), e le professionali R2880 / R3000, che utilizzano inchiostri a pigmenti (UltraChrome K3 a 8 colori).

La Stylus Photo R2000 è, comunque, senz'altro più affine ai modelli professionali dato che utilizza anch'essa un set di inchiostri a pigmenti - in questo caso a 7 colori oltre al gloss optimizer (GO).

Epson Stylus Photo R2000 - Clicca per ingrandire

  Stylus Photo 1400/1410 Stylus Photo R2000 Stylus Photo R2880

Stylus Photo R3000

Tipologia inchiostri

Dye

Pigmenti
Set inchiostri Claria - 6 colori UltraChrome HiGloss 2 - 7 colori + G.O. UltraChrome K3 - 8 colori
Pubblico di riferimento Hobbisti Amatori evoluti Fotografi professionisti / artisti
Gestione carta Carta comune e fotografica in fogli Carta comune, fotografica e "Fine Art" in fogli o rotoli

Applicazioni consigliate

Album di famiglia e fotografia personale Album di famiglia e fotografia personale Album di nozze e fotografia commerciale Arte / esposizione
Prezzo 399 euro 499 euro 679 euro 799 euro

Tecnica

La Stylus Photo R2000 sostituisce, a circa 3 anni dal debutto, il precedente modello R1900, riprendendone filosofia costruttiva e principali caratteristiche tecniche.

Il sistema di stampa si basa su inchiostri a pigmenti UltraChrome Hi-Gloss 2 a 7 colori (nero photo oppure nero matte, utilizzati in alternativa, ciano, magenta, giallo, arancio, rosso) oltre al gloss optimizer. Sul fronte dei colori non sono state introdotte nuove tinte.

Anche le testine di stampa non hanno subito evoluzioni sostanziali: troviamo anche qui la collaudata tecnologia Epson micro-piezo con dimensione della goccia variabile, che arriva a un volume di  inchiostro di soli 1,5 pl per i dettagli minuti ma che è anche in grado di aumentare tale volume fino a 7, 14 o 21 pl (secondo la risoluzione impostata) per migliorare la velocità delle aree uniformi. La risoluzione massima di stampa è pari a 5760x1440.

La Stylus Photo R2000 utilizza inchiostri a pigmenti UltraChrome Hi-Gloss 2 a 7 colori (nero photo/matte, ciano, magenta, giallo, arancio, rosso) + gloss optimizer.


Rispetto alla R1900, sono stati fatti dei piccoli, ma importanti affinamenti. Il più importante di questi riguarda la capacità delle cartucce, aumentata di circa il 50% (ora sono da 17 ml) per ridurre gli interventi di manutenzione; Epson ha così posto rimedio a quello che si poteva considerare l'unico reale difetto della R1900. All'atto pratico, durante un precedente test sulla R1900 ci eravamo fermati per la sostituzione del primo colore dopo 15 pagine A3+, con la R2000 ci siamo fermati alla ventesima.

Altre migliorie riguardano il percorso carta rettilineo per i supporti fino a 1,3 mm di spessore (ed ecco superato un altro limite della R1900, che non poteva andare oltre 0,27 mm) e una nuova funzione di mescolamento dell'inchiostro nelle taniche, che assicura risultati omogenei nel tempo.

Le interfacce, oltre a USB e PictBridge, includono anche una porta Ethernet e una Wireless LAN.

La R2000 è anche leggermente più veloce della precedente R1900: a parità di condizioni, Epson dichiara un miglioramento da 64 a 61 secondi per un A4 e da 106 a 103 s per un A3+ (livello qualità 3).

Ergonomia e prime impressioni

La stampante misura 622x324x219 mm da chiusa (LxPxA) e 622x797x418 mm con i cassetti e i vassoi di alimentazione estesi; richiede, in fase di stampa, un'area utile circostante di poco meno di 1 m2: 977x822 mm.   
Molto pratica e veloce l'installazione delle cartucce. Inequivocabili illustrazioni ed etichette, oltre a un buon pieghevole, guidano l'utente nelle prime fasi. Una volta installati driver e cartucce e accesa, la R2000 è pronta alla prima stampa in circa 5 minuti; secondo le condizioni d'uso, anche le accensioni successive possono richiedere qualche minuto di preparazione prima della stampa.

La Stylus Photo R2000 è in grado di gestire carte comuni, fotografiche, Fine Art e cartoncino in fogli o rotoli, ed è inoltre in grado di stampare direttamente su supporti ottici.

Il pannello di controllo, privo di display, comprende in sequenza: pulsante di accensione; pulsante Wi-Fi (impostazioni di rete); pulsante network status (stampa un report con le impostazioni); pulsante di caricamento/espulsione carta e annullamento stampa in corso, con LED di stato; pulsante gestione inchiostri, con LED di stato, che avvia anche la pulizia testine; pulsante di gestione carta in rotoli.    

Una piacevole sorpresa è giunta dal driver di stampa, aggiornato dopo un lungo periodo di tempo e ora reso a nostro avviso più efficace, oltre che esteticamente più gradevole. La principale miglioria è la fusione delle due vecchie schede "main" e "advanced" in un'unica scheda principale, che offre tutto il necessario per la stampa - compresa una completa gestione colore tramite profili, intenti di rendering ecc.

E' facilmente ipotizzabile che l'acquirente di un prodotto simile desideri utilizzare sempre anche la parte "avanzata", pertanto tale fusione ci pare opportuna.

Rimangono le schede di gestione carta e manutenzione, ma anche la gestione carta è stata potenziata e ora include nuove interessanti funzioni come il layout manager (disposizione di più pagine, anche provenienti da applicazioni diverse, all'interno di un foglio di grandi dimensioni o di un rotolo) o la possibilità di stampare a bordo pagina le impostazioni di stampa; una possibilità, quest'ultima, che sembra fatta apposta per chi esegue test - grazie Epson.

Una delle nuove possibilità del driver Epson è la possibilità di stampare a bordo pagina le impostazioni selezionate.

Driver

Il modo colore AdobeRGB assicura la migliore corrispondenza su tutti i tipi di carta.

Impostazioni colore tramite modo ICM.

La scheda Layout con tutte le opzioni sul formato stampa e la novità rappresentata dalle Impostazioni Lavoro.

Tra le novità del driver, è ora possibile aggiungere alla stampa informazioni sulle impostazioni effettuate.

Il monitor di stato Epson.

Come spesso accade con le stampanti Epson, il miglior compromesso tra qualità, velocità ed economia di esercizio è rappresentato dal livello qualità n° 4. Nel caso delle R2000, in presenza di supporti lucidi si attiva l'ultima voce, relativa al gloss optimizer.

La scheda Principale del driver, con finestra di riepilogo. Ora anche le impostazioni colore avanzate sono contenute in questa scheda e subito disponibili.

La scheda utility mostra una novità della R2000: l'ottimizzazione densità inchiostro. Questa funzione in pratica scuote le cartucce per mescolare l'inchiostro al  loro interno, ed è assente nel modello R3000.

Gestione dei supporti

La Stylus Photo R2000 è in grado di gestire carte comuni, fotografiche, Fine Art e cartoncino in fogli o rotoli, ed è inoltre in grado di stampare direttamente su supporti ottici.
Utilizza a questo scopo 5 diversi percorsi:

Alimentatore automatico posteriore. Il classico alimentatore automatico, richiudibile a stampante non in uso, può essere utilizzato per carta fino a 0,3 mm di spessore e ospita da 10 a 50 fogli, secondo la tipologia di supporto caricato. Utilizzabile con le tipologia di carta Glossy/Premium Glossy, Premium Semigloss, Archivial/Enhanced Matte e con carta comune.

Alimentatore manuale posteriore. Alimentatore ausiliario tramite guida da installare sul retro della stampante, può essere utilizzato singoli fogli di carta fino a 0,5 mm di spessore. Da utilizzare con le tipologia di carta Fine Art, comprese Watercolor Paper/Radiant White, e le Hot/Cold Press nelle varie versioni.

Alimentatore manuale frontale. Utilizza il vassoio di raccolta anteriore per garantire un percorso carta perfettamente rettilineo; in questo modo lo spessore massimo gestibile arriva a 1,3 mm. Quando si stampa in questa modalità, ovviamente a foglio singolo, è necessario lasciare almeno 32 cm di spazio libero sul retro della stampante per la movimentazione del foglio. Da utilizzare con Enhanced Matte Poster Board e con il cartoncino in generale.

Alimentatore automatico in rotoli. Alimentatore posteriore alternativo a quello manuale per carte Fine Art, richiede il (facile) montaggio degli appositi supporti e permette di stampare panorami e striscioni su carte di tipo Premium Glossy, Premium Semigloss, Premier Art Water e Water Resistant Matte Canvas. Lo spessore massimo è di 0,27 mm, la lunghezza massima supera abbondantemente i 3 metri.

sAlimentatore frontale per CD/DVD. La stampa diretta su CD/DVD richiede l'apposito supporto (fornito) da inserire frontalmente. La dotazione software include l'apposita utility CD Photo Print.

Nero Matte e Gloss Optimizer

Due caratteristiche distintive del sistema di inchiostri utilizzato dalla R2000 sono i due serbatoi di nero in linea e il gloss optimizer. Riguardo ai serbatoi in linea, è noto il nero a base colorante (dye), ottimizzato per supporti lucidi, è utilizzato in alternativa al nero a base pigmento, che invece è ottimizzato per i supporti opachi o "Matte".

I due inchiostri vengono scelti automaticamente dalla stampante in base al tipo di carta selezionato nel driver di stampa. Il vantaggio dei serbatoi tenuti in linea è che il passaggio dall'uno all'altro non richiede alcuna sostituzione cartucce con relativo spreco di tempo e di inchiostro, come invece avviene con i modelli superiori R2880 e R3000. Anche per questo, la R2000 è da considerarsi un modello più adatto all'utenza domestica, che magari desidera passare frequentemente dalla stampa 10x15 su carta lucida all'A3+ su carta Matte da incorniciare.

Il Gloss Optimizer è invece uno strato di inchiostro trasparente che ricopre l'intera immagine. Il suo scopo principale è aumentare l'effetto "patinato" delle stampe, ma ha anche altri due risvolti positivi: aumenta la resistenza ai graffi e aumenta la densità ottica dell'immagine (cioè la profondità del nero), dando maggiore contrasto anche alle stampe con nero dye.

Il Gloss Optimizer può essere utilizzato solo su carte lucide e semilucide, e può attivato o disattivato a piacere tramite driver.

Fa la differenza? Giudicate voi. Nell'immagine sottostante, si vede a titolo di esempio un 10x15 di Premium Glossy Photo Paper, la top delle carte lucide Epson, stampato con scritta su fondo bianco in modo da far depositare solo il Gloss Optimizer; il fondo bianco è alto circa la metà del foglio, centrato verticalmente.

Come si vede, si distingue chiaramente il rettangolo centrale trattato, nonostante la finitura già lucida della carta.

Epson Stylus R2000 - Gloss Optimizer.

Velocità di stampa

Complessivamente ottima la velocità di stampa di questo modello. I driver Epson ammettono, come sempre, 5 livelli qualitativi, ma come già osservato in altre occasioni il livello 4 assicura già uno standard qualitativo di assoluta eccellenza. Impostare il livello 5 dilata i tempi di attesa e l'uso di inchiostro senza produrre miglioramenti apprezzabili, pur a un'analisi molto attenta.

A livello 4, il nostro documento campione A3+ viene stampato in 3 minuti e 5 secondi mantenendo spuntata la casellina "alta velocità" che attiva la stampa bidirezionale, mentre a livello qualitativo 5 sono stati necessari 6 minuti netti, sempre con l'opzione alta velocità attivata. 

Questi risultati rendono la R2000 sostanzialmente equivalente alla R2880, prodotto di categoria superiore, e le consentono di superare agevolmente, anzi di "doppiare", la rivale Pixma Pro MarkII di Canon, che anch'essa dovrebbe teoricamente posizionarsi un gradino sopra questa R2000.

Risultati qualitativi

I test sono stati condotti su carta Premium Glossy Photo Paper e Archivial Matte. Tutte le valutazioni seguenti si riferiscono a questi due tipi di supporti.

In un contesto generale di assoluta eccellenza, le stampe prodotte dalla Stylus Photo R2000 ci hanno particolarmente impressionato per la notevole quantità di dettaglio riproducibile e per il contrasto garantito

Riguardo al dettaglio, basti dire che anche su carta Matte (dove, nonostante l'uso dei pigmenti, si osserva inevitabilmente una certa diffusione dell'inchiostro), il testo nero su bianco è perfetto fino a corpo 3 e leggibile fino a corpo 2, il testo bianco su nero è leggibile fino a corpo 4. Parliamo di particolari veramente minuscoli, in caratteri alti meno di 1 mm. Su carta lucida il livello di dettaglio ottenibile è ancora superiore. 

Per quanto riguarda il contrasto, la R2000 è in grado di produrre - specialmente su carte matte - un nero tanto intenso e profondo da essere quasi stupefacente. Eccellente, comunque, anche il risultato su carta lucida; quest'ultima beneficia tra l'altro del gloss optimizer, che garantisce un'impressione generale di maggior saturazione dei colori e annulla il "bronzing", difetto tipico delle stampanti a pigmenti. 

Passando agli aspetti meno positivi, segnaliamo, su carta matte, una certa difficoltà a raggiungere i massimi livelli di saturazione, mentre su carta lucida questo contro è mitigato dall'effetto del gloss optimizer

Altro aspetto non ottimale è la resa del bianco/nero, perlomeno se paragonata ai modelli superiori. Pur se ottima in generale, infatti, l'assenza di grigi fotografici penalizza la R2000: aprendo l'immagine in Photoshop e facendo delle misure, emerge facilmente la non perfetta neutralità; serve comunque un occhio davvero esperto per notare il difetto senza lo strumento campiona colore.

Buona la fedeltà cromatica, assicurata dal modo colore AdobeRGB - si ottengono risultati consistenti su diversi tipi di carta. Naturalmente, qualora non importasse della fedeltà, le possibilità di intervento sul colore sono infinite e alcuni preset offrono la possibilità di ottenere out of box risultati di sicuro impatto. Provare per credere il modo "Vivid Photo".

Stima dei costi di esercizio

Altro settore in cui la R2000 eccelle è nei costi di esercizio.

Premettiamo che indicare correttamente dei costi validi per chiunque è pressoché impossibile a causa della forte dipendenza dalla tipologia di immagini stampate, dalla carta e dalla qualità impostata. Mantenendo costante la metodologia di test, ci è comunque possibile fare, perlomeno, un confronto tra diversi modelli. I risultati seguenti si riferiscono a un'immagine campione stampata nel caso della Epson R2000 a livello qualità 4 su carta Archivial Matte; altri modelli sono stati testati con la stessa immagine campione, su carta matte equivalente, a livello qualitativo 4 (Epson) o "Alto" (Canon). 

Ed ecco i risultati: la R2000 consuma, per il solo inchiostro, circa 80 centesimi di Euro per una stampa A4 e circa 1,80 € per una stampa A3+.

Un risultato non disprezzabile se confrontato con quello della R2880, per la quale abbiamo calcolato, sempre per il solo inchiostro, circa 85 centesimi di Euro per una stampa A4 e circa 1,90 € per una stampa A3+. Il risultato non disprezzabile diventa poi eccellente se confrontato con quello di altre concorrenti. La Canon Pixma Pro 9000 MKII, che per fascia di prezzo è la più diretta concorrente ma che utilizza inchiostri dye, per gli stessi compiti consuma, rispettivamente, poco più di 1 € e circa 2,30 € di inchiostro. La Pixma Pro 9500 MKII, di categoria superiore ma l'unica nel catalogo Canon a utilizzare inchiostri a pigmenti, consuma circa 1,15 e 2,50 € di inchiostro, rispettivamente, per un A4 e per un A3+.

Tutti i costi si riferiscono al prezzo ufficiale delle cartucce rilevato sul sito del produttore al momento della prova. Costo medio cartuccia (pari alla somma del prezzo delle singole cartucce / n° cartucce): Epson R2000 €19,54; Epson R3000 €28,23; Canon Pixma Pro MKII €15,99. Per costi di acquisto cartucce diversi, è possibile calcolare la proporzione.

Conclusioni

La Stylus Photo R2000 è una stampante grande formato veloce, versatile e capace di passare con disinvoltura dai supporti lucidi a quelli matte garantendo sempre livelli qualitativi di prim'ordine. 

Paragonandola alla precedente R1900, possiamo dire che Epson ha saputo migliorare un prodotto già molto  valido, mantenendo la struttura tecnologica di base e facendo pochi interventi ben mirati.

Ancora esiste qualche piccolo difetto, ad esempio non ci è piaciuto notare come una stampa sia stata avviata con il nero matte esaurito, facendoci sprecare gli altri colori, ma complessivamente si tratta del miglior prodotto acquistabile oggi nella fascia di prezzo dei 500 euro.