Asus Rampage IV Gene X79, piccola belva per CPU potenti

La Rampage IV Gene di Asus è una motherboard micro-ATX con chipset X79 Express compatibile con i processori basati su architettura Sandy Bridge-E. Una soluzione per overclocker e appassionati di videogiochi, che vogliono alte prestazioni e un ingombro ridotto.

Asus ha presentato la Rampage IV Gene, una scheda madre micro-ATX dotata di chipset X79 Express e socket LGA 2011, compatibile con i processori Core i7 della serie 3000 - cioè i modelli 3960X, 3930K e 3820 basati su architettura Sandy Bridge-E.

Dedicata ai videogiocatori e agli appassionati di overclock che non vogliono rinunciare a un computer compatto, la Rampage IV Gene è dotata di tre slot PCIe 3.0 (x16/x16/x8), un PCIe x4 e quattro slot di memoria DDR3 - uno per canale (le CPU SB-E hanno un controller quad-channel), per un massimo di 32 GB.

Sul fronte della connettività troviamo 16 porte USB, quattro delle quali USB 3.0, gestite da un controller ASMedia. È presente anche un controller dedicato per la gestione di due porte SATA 6 Gb/s. L'audio a 7.1 canali è assicurato da una soluzione SupremeFX III con schermatura contro le interferenze elettromagnetiche (EMI). Il controller Gigabit Ethernet di Intel e la tecnologia ROG GameFirst aiutano i videogiocatori a mitigare l'impatto delle latenze nel gioco online.

Tra le altre caratteristiche di punta troviamo il regolatore di tensione digitale ROG Extreme Engine Digi+ II, l'uso di induttori Black Metallic e MOSFET NexFET Power Block per una migliore resistenza nel tempo e al calore.

Non mancano i tasti di Power e Reset, e altre tecnologie tipiche delle soluzioni Republic of Gamers di Asus. Non ci sono informazioni sul prezzo, ma si tratta comunque di una soluzione di fascia alta che potrebbe costare ben oltre i 200 euro - la vecchia Rampage III Gene per soluzioni LGA 1366 debuttò al prezzo di 259 euro.