Boeing X-51A Waverider con motore scramjet a Mach 5.1

Il quarto test del Boeing X-51A Waverider è stato un successo. In sei minuti di volo ha raggiunto Mach 5.1. Il segreto è nel nuovo motore scramjet che è privo di parti rotanti. Il progetto è da 300 milioni di dollari e vede coinvolte Boeing, Air Force Research Labs, NASA, DARPA, USAF e Pratt & Whitney Rocketdyne.

Il Boeing X-51A Waverider, il veicolo sperimentale scramjet che punta a rivoluzionare il settore aerospaziale, ha compiuto un volo record di 6 minuti raggiungendo la velocità di Mach 5.1. Si tratta di un progetto all'avanguardia che vede la collaborazione di Boeing, Air Force Research Labs, NASA, DARPA, USAF e Pratt & Whitney Rocketdyne. L'obiettivo è quello di realizzare un veicolo ipersonico, capace quindi di raggiungere Mach 7.

Boeing X-51A Waverider sotto l'ala del B52-H

La tecnologia scramjet (supersonic combustion ramjet) deriva concettualmente dai tradizionali statoreattori ma contrariamente ai turbogetto e turboventola non usa parti rotanti. In pratica viene sfruttato il solo flusso d'aria in entrata, che una volta confluito nella camera di combustione viene combinato con una speciale miscela di gas. La reazione genera sufficiente calore per generare la spinta. L'unico difetto (oggi) è che per raggiungere il regime supersonico ha bisogno di essere trasportato a decine di migliaia di metri di quota e poi spinto da un razzo.

"La missione è stata un completo successo", ha commentato Charlie Brink, program manager presso l'Air Force Research Laboratory. "Credo che tutto ciò che abbiamo capito dall'X-51A Waverider servirà come base per la futura ricerca ipersonica e infine l'applicazione pratica del volo ipersonico".

Il quarto volo dell'X-51A è andato bene ma non è sempre stato così in questi tre anni di test. La questione di fondo è che questo progetto da 300 milioni di dollari è ambizioso. I motori scramjet consentirebbero di realizzare missili militari più veloci ed eventualmente mezzi spaziali dall'efficienza inaudita. Non vi sarebbe più bisogno di gran quantità di carburante.

In ogni caso manca ancora tempo per una navicella spaziale scramjet. Mercoledì presso la Edwards Air Force Base della California del Sud, l'X-51A è stato sganciato da un bombardiere a 50mila piedi d'altezza. In 26 secondi un missile a stato solido l'ha portato a Mach 4,8. Dopodiché il motore scramjet è stato acceso e a 60mila piedi ha raggiunto Mach 5.1. Il veicolo, in circa 6 minuti e 10 secondi di viaggio, ha percorso circa 425 km. Poi è caduto nell'oceano Pacifico come previsto.