Chip Intel futuri, velocità sacrificata per consumi minori

William Holt di Intel ha parlato del futuro dei microprocessori, sottolineando come entro 5 anni ci saranno importanti cambiamenti che coinvolgeranno le tecnologie di base dei chip. La velocità sarà in parte sacrificata per forti riduzioni nei consumi.

Intel dovrà usare tecnologie completamente differenti rispetto a quelle che impiega attualmente se vorrà continuare a migliorare i propri chip. A dirlo è stato William Holt, vicepresidente e general manager del Technology and Manufacturing Group (TMG) della casa di Santa Clara, nel corso dell'ISSCC di San Francisco. Le sue parole sono state riportate da MIT Technology Review.

Secondo Holt Intel non ha ancora deciso quale nuova tecnologia adotterà, anche se dovrà essere pronta entro 4 o 5 anni. Due le candidate: quantum tunneling e spintronica. Entrambe richiederanno importanti cambiamenti alla progettazione e produzione dei chip e saranno probabilmente usate insieme a transistor in silicio.

intel william holt 832x333

Secondo Holt le nuove tecnologie non offriranno benefici prestazionali rispetto ai transistor al silicio, bensì miglioreranno l'efficienza energetica. "Stiamo per vedere grandi transizioni", ha detto Holt, "la nuova tecnologia sarà fondamentalmente diversa".

Per decenni Intel ha lavorato seguendo i dettami della "Legge di Moore". La "legge", benché non sia un assioma incontrovertibile, si è dimostrata valida per molto tempo. Evoluta diverse volte dal 1965, dice che "le prestazioni dei processori, e il numero di transistor ad esso relativo, raddoppiano ogni 18 mesi". Negli ultimi anni è tuttavia diventato sempre più difficile rispettarla.

Secondo Holt la "legge" continuerà a essere valida per due generazioni, ossia il tempo in cui si raggiungeranno i 7 nanometri. Nel caso del quantum tunneling - una proprietà secondo cui una particella passa attraverso una barriera che per la meccanica classica non può superare - si è tuttavia molto lontani dalla commercializzazione.

I dispositivi spintronici sono invece più vicini alla commercializzazione - potrebbe avvenire il prossimo anno. L'elettronica fondata sullo spin, in cui lo spin è una grandezza che contribuisce a definirne lo stato quantico, potrebbe fare capolino anzitutto in chip di memoria a basso consumo e poi su altri prodotti. Kang Wang, ingegnere elettronico della University of California, parla anche di possibili (e non meglio precisate)applicazioni nelle schede grafiche.

"I miglioramenti alla tecnologia favoriranno passi avanti nei consumi ma ridurranno la velocità", ha ribadito Holt sottolineando che i miglioramenti all'efficienza energetica sono più importanti oggigiorno rispetto all'incremento prestazionale. "In particolare nel campo dell'Internet delle cose, l'attenzione si sposterà dai miglioramenti di velocità a drastiche riduzioni dei consumi", ha concluso Holt. 

Intel Core i3-6100 Intel Core i3-6100
eprice
Intel Pentium G4400 Intel Pentium G4400
eprice
Intel Core i5-6500 Intel Core i5-6500
eprice