Chrome arriva su Mac e Linux, con le estensioni

Google Chrome è disponibile in beta anche per Mac e Linux, ed è ora disponibile anche un'estesa galleria di estensioni.

Google ha reso disponibile Google Chrome per Mac e Linux, in versione beta. Il browser arriva su  Apple e nel mondo open-source circa un anno dopo il suo rilascio per Windows - le estensioni sono ancora escluse al mondo Mac.

L'icona di Chrome, molto grande per Mac (500x500).

Aspetto personalizzabile - Clicca per ingrandire.

Le caratteristiche restano quelle che hanno reso Chrome famoso: un'interfaccia semplice che predilige la visibilità, temi personalizzabili e velocità, come si legge sul blog dedicato, ma anche stabilità e sicurezza. La separazione dei processi, uno per ogni scheda, e l'isolamento tramite sandbox, sono infatti tra le caratteristiche più apprezzate di Google Chrome.

Processi multipli - Clicca per ingrandire.

Chrome per Mac - Clicca per ingrandire.

Google ha reso accessibile una galleria con più di 300 elementi, a cui possono accedere gli utenti Windows e Linux. Ci sono, naturalmente, quelle legate ai servizi Google, come GMail, Reader e Calendar, ma anche numerose estensioni sviluppate da appassionati, che prima bisognava andare a cercare in giro per la rete.

Clicca per ingrandire.

Il passo avanti, quindi, è sostanziale, perché con questo aggiornamento Chrome non solo si apre alla totalità degli utenti, ma si può presentare come un'alternativa interessante anche ai moltissimi utenti Firefox.

Stile a parte, le impostazioni sono le stesse
Clicca per ingrandire

Le estensioni disponibili sono già molte.
Clicca per ingrandire.

Google, in ogni caso, ha fatto sapere che le estensioni saranno disponibili anche per Mac molto presto. Chi non può aspettare, tuttavia, può attivare la funzione seguendo una via alternativa, adatta anche ai meno esperti, ma bisogna usare comunque la versione per sviluppatori.