Crysis 3 in trailer promette grafica PC anche su console

Crysis 3 in un primo trailer con scene di gameplay. Crytek sta lavorando forte su PC e anche su console, dove mira a portare alcune tecniche tipiche delle DirectX 11, a patto però di conservare un livello di prestazioni adeguato.

Crysis 3 - atteso nella primavera 2013 su console e PC - si presenta ufficialmente in un video più corposo e con qualche scena di gameplay, dopo l'assaggio ricevuto ieri con un cortissimo teaser trailer. Come anticipato in precedenti news ci troviamo in una New York che è sempre meno urbana, con una vera e propria giungla urbana fitta di alberi altissimi, paludi estese e fiumi impetuosi che caratterizzano la Liberty Dome. La trama avrà luogo nel 2047, 20 anni dopo gli eventi di Crysis 2.

Il protagonista, Prophet, userà un letale arco composito, una nanotuta potenziata e una devastante tecnologia aliena per cacciare i nemici una volta per tutte. E se la versione PC di Crysis 3 sarà fin dall'inizio compatibile con le DirectX 11, con somma gioia dei "PCisti", quelle per console potrebbero non essere da meno.

Gli sviluppatori di Crytek vogliono infatti portare alcune caratteristiche della versione PC DX 11 anche sulle console, che hanno qualcosa come 6/7 anni. "Vogliamo assicurarci, per quanto umanamente possibile, di tradurre una variante DirectX 11 in DX9", ha confidato Rasmus Højengaard, direttore dello sviluppo creativo di Crytek, a Eurogamer.

"È molto, molto difficile, ma è possibile. Richiede solo molti sforzi. Alcune cose che i ragazzi stanno facendo funzionare su console è assolutamente incredibile. Sono funzioni di rendering che non dovrebbe teoricamente funzionare su console. […] Non hanno la stessa pipeline ottimizzata si avrebbero con una struttura DX11, ma si può arrivare a un risultato simile sperimentando e usando dei trucchetti".

Tra queste caratteristiche non previste sulla soluzione console troviamo il parallax occlusion mapping. "Non sto dicendo che sarà integrata nel gioco, ma sono riusciti a far funzionare il parallax occlusion mapping, che è un'avanzata forma di bump mapping dove si hanno le texture di superficie e il self-shadowing, anche se non si hanno poligoni. Si tratta di una funzione davvero avanzata che non dovrebbe teoricamente funzionare sulla 360, ma sono riusciti a farla funzionare. Questa era una parte della patch DX 11 (di Crysis 2, NdR)".

Visto che manca ancora un anno al debutto, Crytek non ha ancora deciso quali caratteristiche "DirectX 11" implementare su console, ma chiaramente peserà tutto in virtù delle prestazioni, perché su console - ancora più che su PC - è determinante avere un frame rate costante in ogni situazione. Non resta che attendere per capire se Crysis 3 sarà non solo un titolo slogamascella su PC, ma anche un esempio di come spremere Xbox 360 e PS3 fino all'ultima goccia, prima dell'ormai sicuro passaggio alla next-gen alla fine del 2013.