Da Red Hat Ansible 2.0 per il Cloud ibrido

La nuova release comprende 200 nuovi moduli e rende più semplice lo sviluppo e l'automazione dei servizi nel cloud ibrido

Red Hat ha annunciato la disponibilità di Ansible 2.0. La nuova release del framework open source di automatizzazione IT ingloba nuove funzionalità di automazione e nuove integrazioni con diversi servizi e provider, allargando il supporto delle installazioni Cloud pubbliche, private e ibride, ed estendendo anche la presenza di Ansible all'interno degli ambienti e della gestione delle reti Microsoft Windows.

Red Hat  Ansible 2 0
Disponibile Ansible 2.0

Va ricordato che Ansible è stato progettato per consentire a sviluppatori e operatori di apprendere rapidamente il software e installarlo, dando loro la possibilità di abbattere le barriere tra i team IT tramite l'automatizzazione delle attività di routine. Ansible 2.0 semplifica sotto questi aspetti l'utilizzo di Ansible mediante i seguenti aggiornamenti:

  • I task block consentono di sviluppare playbook e task con maggiore semplicità e inoltre danno la possibilità di integrare la gestione delle eccezioni e il recupero;
  • Un playbook parser più evoluto consente di identificare gli errori con maggiore chiarezza e suggerisce i correttivi;
  • Nuove modalità di esecuzione danno modo agli utenti di accrescere la velocità delle installazioni su molteplici macchine;
  • Una maggiore flessibilità dei task facilità il riutilizzo dei contenuti di automazione in diversi ambienti e contesti;
  • L'inserimento delle informazioni relative ai playbook in servizi quali chat, e-mail e aggregatori di log può essere configurato con facilità grazie ai nuovi plugin integrati.

"Siamo convinti che i nostri utenti debbano potersi concentrare sul proprio business e non sull'imparare a utilizzare strumenti complessi. Ansible 2.0 fa propria questa visione dando maggiore flessibilità nel linguaggio Ansible Playbook, mantenendo la semplicità d'uso che consente agli sviluppatori di operare più rapidamente", ha commentato l'annuncio Tim Cramer, direttore Ansible Engineering di Red Hat.

Ansible 2.0 comprende quasi 200 nuovi moduli nel Cloud pubblico, privato e ibrido, che tengono conto di container, networking e Windows e consentono agli utenti di rendere automatiche un numero crescente di operazioni.

Ansible 2.0, segnala la società, è già disponibile attraverso GitHub, PyPi, e package manager per buona parte delle maggiori distribuzioni Linux.

Per gli utenti che necessitano di un maggiore controllo, sicurezza e delegazione delle installazioni Ansible, è disponibile Ansible Tower in livelli adatti dalle piccole aziende ai grandi team di sviluppo di applicazioni mission critical.