Data Scientist, primo Master universitario grazie a TIM

Al via alla Facoltà di Economia di Tor Vergata il Master universitario di II livello in "Big Data in Business: discovering & leveraging for Value Creation".

Stamani a Roma presso la Facoltà di Economia di Tor Vergata si è tenuta la lezione inaugurale del Master universitario di II livello in "Big Data in Business: discovering & leveraging for Value Creation", organizzato da TIM, Ericsson e dall'Università degli Studi di Roma. Sono intervenuti presso la Sala del Consiglio il rettore Giuseppe Novelli, Marco Patuano, Amministratore Delegato del Gruppo Telecom Italia, e Nunzio Mirtillo, Amministratore Delegato Ericsson Italia.

"È la prima volta in Italia che un'azienda forma i data scientist con l'Università. Negli Stati Uniti è assolutamente la norma, Google ha investito centinaia di milioni per formare data scientist", ha commentato l'AD di Telecom. "Oggi il mondo dei big data è un'assoluta realtà tecnologica, ma non esiste tecnologia senza l'acquisizione di conoscenze da parte dei nostri ragazzi".

"Si tratta di una specializzazione che si muove ai confini di diverse discipline, ingegneria, economia, statistica e matematica. Quindi è assolutamente flessibile. Il punto di partenza deve essere la curiosità".

tim

"Obiettivo del Master è quello di formare una delle figure attualmente più ricercate dal mercato del lavoro: il Data Scientist, ruolo centrale per la creazione di valore nel business, in una fase di profonda trasformazione digitale delle industrie", puntualizza la nota stampa.

"La trasformazione digitale in atto richiede nuove professionalità. Dobbiamo alimentare il settore con nuove competenze ed è per questo motivo che abbiamo deciso di investire in un master sui big data", ha commentato Nunzio Mirtillo, Amministratore Delegato Ericsson Italia.

"Oggi in particolare siamo nella piena implementazione della Networked Society, dove tutto ciò che potrà beneficiare di una connessione sarà connesso e dove sarà sempre più fondamentale utilizzare i dati che vengono generati per migliorare i processi e i servizi ma anche per creare nuovo valore".

Fra i partecipanti anche il co-coordinatore del Master Barbara Martini, l'esperto di Computer Science Giorgio Gambosi, Nicola Blefari Melazzi per il Networking, Roberto Rocci specialista in Statistics e Luca Gnan per l'area business. 

Quest'anno il Master è stato organizzato per 25 giovani talenti, accuratamente selezionati e totalmente finanziato dagli sponsor - quindi gratuito. Ha un carattere interdisciplinare che lo rende adatto anche a chi non possiede una formazione tecnica.

Oltre alla formazione in aula, è previsto un periodo di stage in azienda. L'iniziativa si inserisce nell'ambito degli accordi tra TIM e il mondo accademico volti a dare impulso e ad avvicinare la realtà dell'industria, della ricerca e della didattica universitaria al mondo del lavoro, in un contesto in cui il business dei dati sta diventando un settore chiave per l'economia europea, non solo per lo sviluppo di prodotti e servizi innovati ma anche per l'individuazione di nuove opportunità.