Diminuite le minacce in Italia ma crescono i DDoS

Conficker si conferma il ceppo di malware più aggressivo, ma i malware responsabili di attacchi DDoS il mese scorso hanno registrato un'impennata

Check Point ha rilevato le varianti di malware protagoniste di attacchi alle reti delle organizzazioni e ai dispositivi mobili di gennaio 2016. L'Italia rimane il quarto paese europeo più colpito in termini di numero di minacce ma registra una diminuzione (-10%) delle minacce, passando da un indice pari a 7,1% (a dicembre) a un indice del 6,4% (a gennaio). Di conseguenza scende al 59° posto nella classifica mondiale dei paesi più attaccati.

In particolare, in Italia, continuano ad essere molto diffusi i malware Conficker, una botnet controllata da remoto, Ponmoucup, botnet specializzata in frodi e furti di dati e Sality, virus particolarmente insidioso che si cela nei sistemi. La novità è l'arrivo di Dorkbot, un malware Worm IRC che sferra attacchi denial-of-service.

Cybercrime

Questo malware agisce installando un rootkit user-mode per prevenire, visualizzare o manomettere i file, e modifica il registro per essere eseguito ogni volta che si avvia il sistema. Invia messaggi a tutti i contatti dell'utente infetto, o esegue hijack su una connessione esistente, per un link alla copia del worm.

Grazie alla threat intelligence della ThreatCloud World Cyber Threat Map, che monitora come e dove si stanno svolgendo i cyberattacchi nel mondo in tempo reale, Check Point ha individuato più di 1.500 diversi tipi di malware attivi durante lo scorso gennaio, in linea con i trend annunciati a dicembre 2015, che registravano un aumento di gruppi di malware attivi del 25%.

Se le varianti di malware Conficker e Sality sono rimaste quelle più diffuse per il secondo mese consecutivo, e sono state responsabili del 34% di tutti gli attacchi a livello mondiale, Dorkbot, legato agli attacchi di tipo DDoS e agli exploit che puntano ai dati sensibili, si è affermato come la new entry sul podio, causando il 5% degli attacchi del mese scorso.

Le tre varianti di malware più diffuse, che hanno causato il 39% degli attacchi totali a gennaio sono stati:

  • ↔ Conficker - Responsabile del 25% di tutti gli attacchi rilevati, le macchine infettate da Conficker vengono controllate da una botnet, inoltre il malware disabilita i servizi di sicurezza, rendendo i computer ancora più vulnerabili ad altri attacchi.
  • ↑Sality - Virus che permette di eseguire operazioni da remoto e download di altri malware nei sistemi infettati. Il suo obiettivo principale è insidiarsi in un sistema e fornire gli strumenti per il controllo da remoto e installare ulteriori malware.
  • ↑Dorkbot - È un malware IRC Worm creato per permettere l'esecuzione di un codice da remoto da parte dell'operatore, oltre a consentire di scaricare ulteriori malware sul sistema infettato, con l'obiettivo di rubare dati sensibili e lanciare attacchi di tipo denial-of-service.

La ricerca di Check Point ha denunciato anche i malware mobili più diffusi a gennaio 2016 e, ancora una volta, gli attacchi contro Android sono stati molto più frequenti di quelli ai danni di iOS. I malware più diffusi sui dispositivi mobili sono stati:

  • ↑ AndroRAT - Malware che si inserisce in un'app mobile legale e si installa all'oscuro dell'utente, offrendo a un hacker il completo controllo da remoto di un dispositivo Android.
  • ↓ Xinyin - Classificato come Trojan-Clicker che esegue truffe su siti di pubblicità cinesi
  • ↑Leech - Malware creato per inviare messaggi di testo da dispositivi mobili infetti a numeri a pagamento, con codifica fissa nel file.