Doom 4 rischia di slittare, Rage non ha convinto

Lo sfortunato debutto di Rage e le vendite non entusiasmanti potrebbero aver convinto Bethesda a rimandare lo sviluppo di Doom 4, il nuovo sparatutto di Id Software. Secondo una fonte vicina all'azienda, la causa sarebbe da ricercare nella scarsa fiducia di Id nella gestione del suo progetto. Le aziende coinvolte non hanno ancora commentato la notizia, ma i fan dello storico sparatutto stanno cominciando a preoccuparsi.

Lo sfortunato debutto di Rage, funestato da diversi bug, e le vendite non molto entusiasmanti potrebbero aver convinto Bethesda a rimandare lo sviluppo di Doom 4, il prossimo titolo di Id Software. L'indiscrezione, ripresa da molti siti Web, arriva da una fonte anonima vicina al publisher del gioco.

Nonostante non ci siano ancora conferme ufficiali da parte delle aziende coinvolte, la notizia sta cominciando a gettare nello sconforto i fan dello storico sparatutto.

I risultati deludenti di Rage potrebbero aver convinto Bethesda a rimandare il quarto capitolo di Doom

Secondo la presunta gola profonda, Zenimax e Bethesda avrebbero preso questa decisione basandosi sui problemi e sulle recensioni che hanno circondato Rage fin dalla sua uscita, che sono state conseguenza della "grave mancanza di fiducia da parte di Id nella gestione del progetto".

Bethesda non ha ancora commentato l'indiscrezione, ma ipotizzando che sia vera non è difficile intuire le motivazioni di questa scelta. Lo sviluppo di Rage è durato cinque anni e molto probabilmente l'azienda si aspettava gareggiasse per il titolo di videogioco dell'anno, e non un "normale", seppur bello, sparatutto.

Quindi, per evitare che anche Doom 4 segua questo destino gli editori hanno deciso di rimandare il progetto a data da destinarsi. Dopotutto, quante aziende sarebbero pronte a finanziare un gioco con uno sviluppo dalla durata indefinita e dal risultato incerto?

Al momento la media voti di Rage su Metacritic va da 79 a 83 punti, mentre Doom 3 nel lontano 2004 si è guadagnato una solida media di 87 punti. Non fatichiamo a credere che John Carmack, storico fondatore di Id, stia rimuginando sul passato leggendo questi risultati.