Google Hands Free: paghi con la faccia e addio NFC

Se la sperimentazione di Google Hands Free dovesse andare in porto in futuro potrete pagare semplicemente mostrando la vostra faccia. Il sistema che si appoggia ad Android Pay infatti fa a meno di qualsiasi sistema tipo Bluetooth o NFC e si basa unicamente sul riconoscimento facciale.

Si chiama Google Hands Free (mani libere) ed è un sistema di pagamento attualmente in fase di sperimentazione, che pur utilizzando Android Pay può fare completamente a meno dello smartphone.

Immaginate di essere andati a cena al ristorante, quando avete finito vi recate alla cassa e dite: "pago con Google", ed uscite. Si, esattamente così, non serve altro con Google Hands Free se non essere iscritti al servizio Android Pay. Lo smartphone, col suo sensore NFC o le connessioni Bluetooth e Wi-Fi non c'entra e non serve più, tutto avviene tramite riconoscimento facciale.

Nella versione in sperimentazione nella parte sud della cosiddetta San Francisco Bay Area, presso locali come McDonald's, Papa John's ed alcuni altri, al cassiere è attualmente richiesto di partecipare attivamente all'identificazione controllando le iniziali di nome e cognome e la corrispondenza tra la persona che hanno davanti e quella nella foto utilizzata per iscriversi al servizio.

In futuro tuttavia Google sta sviluppando un sistema automatizzato basato su una telecamera che catturerà l'immagine dell'avventore e ne comparerà i tratti salienti con quelli dell'immagine depositata. "Tutte le foto scattate da Google Hands Free saranno immediatamente cancellate" ha già rassicurato Pali Bhat, direttore senior del team di sviluppo.  

hands free JPG

Procedura a parte, l'idea in sé non è comunque affatto nuova, visto che negli anni passati ci avevano già pensato PayPal e Square, in entrambi i casi con risultati deludenti, dovuti soprattutto alla scarsissima adesione di commercianti e alle difficoltà di soppiantare l'attuale meccanismo basato su bancomat e carte di credito. Tuttavia ora i tempi potrebbero essere decisamente più maturi e il peso di Google, almeno negli Stati Uniti, diverso rispetto a quello di PayPal e Square. Staremo a vedere, a voi piacerebbe un sistema simile?