Il telescopio LSST si farà e avrà un sensore da 3 Gigapixel

Il Department of Energy statunitense ha dato il via libera: la più grande fotocamera del mondo, il Large Synoptic Survey Telescope, si farà! Avrà un sensore da 3 Gpixel e scruterà il cielo alla ricerca di materia oscura.

Il progetto del Large Synoptic Survey Telescope (LSST), che potrebbe entrare nel Guinness dei Primati come la più grande fotocamera digitale al mondo, ha ricevuto la prima approvazione (Critical Decision 1) del dipartimento dell'energia americano (DOE) e quindi, salvo sorprese, si farà. Ora si entra nella fase di progetto, budget e finanziamento, di cui si faranno carico il DOE, la National Science Foundation e una serie di finanziatori pubblici e privati. 

Il telescopio avrà le dimensioni di una piccola auto, mentre la fotocamera in sé misurerà 5x10" - 127x254 mm e conterà qualcosa come 3 Gpixel (3200 Mpixel). Per essere precisi, il telescopio non utilizzerà un solo sensore, ma 189 che lavoreranno congiuntamente insieme ad altre 3 tonnellate di materiale ottico ed elettronico.

Catturerà dati per 6 milioni di GByte all'anno, l'equivalente di 800.000 foto scattate ogni notte con una fotocamera da 8 Mpixel, alla ricerca dei segreti della materia oscura (ma terrà sotto controllo anche gli asteroidi vicini alla terra).

Un aspetto interessante del progetto è che i dati ricavati dall'LSST saranno di pubblico dominio, quindi chiunque sia dotato di un PC potrà osservare oggetti lontani nello spazio ingranditi 100 milioni di volte. Anzi il progetto prevede anche di fornire al pubblico strumenti di analisi per far partecipare attivamente studenti e appassionati alla ricerca.

Modello del piano focale della fotocamera, che misurerà circa 64 cm di diametro.

Il super-telescopio verrà installato sul Cerro Pachón, una montagna cilena. Se tutto procederà secondo i piani, la costruzione inizierà nel 2014, con i primi lavori preparatori già avviati per la preparazione del sito e la costruzione dello specchio principale da 8,4 metri di diametro.