Italiani brava gente, campioni nel cercare i Torrent online

Le chiavi più usate all'interno dei motori di ricerca torrent proclamano gli internauti italiani come quelli che più di tutti cercano file nella propria lingua. E meno male che c'è il digital divide...

Gli italiani sono i primi al mondo a eseguire ricerche di Torrent, perlomeno secondo le statistiche della BitTorrent Zeitgeist 2011. Nello specifico, sono state pubblicate le cinquanta parole chiave più usate all'interno del noto sito KickassTorrents.

Nella top 10 di questa - sconcertante - lista troviamo ben tre parole chiave riconducibili direttamente al popolo del Bel Paese: "Ita" (1° posto), "Ita dvd" (4° posto) e "Italian" (7° posto). A seguire, dopo il nostro en plein, troviamo i cugini francesi; infatti in seconda posizione si trova la parola "French".

Nel resto della classifica si trovano i titoli di serie televisive più o meno conosciute come Glee (in 13° posizione), How I Met Your Mother (o "Alla fine arriva mamma" - 35° posto) e Dexter (48°). Non mancano certamente i film, tra i più noti - e ricercati - troviamo: Harry Potter (al 12° posto), Kung Fu Panda 2 (14°) e Transformers 3 (20°).

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, la pornografia non rientra nella parte più alta della classifica: i contenuti per adulti si piazzano nella parte centrale della lista. L'unica eccezione è la chiave di ricerca "xxx" (5° posizione), che tuttavia potrebbe essere influenzata anche dall'omonimo film del 2002 con Vin Diesel.

KickassTorrents si tinge di nero per incoronare il nostro Paese - Clicca per ingrandire

In ambito informatico si possono trovare "PSP" (11° posto), "Windows 7" (23°) e "Mac" (39°). Ricordiamo che ogni considerazione sulla pirateria su PC o console in questa classifica è superflua, poiché quasi tutti gli elementi ricercati infrangono il copyright.

Un elemento curioso da notare è che all'interno della classifica si trova il nome dello stesso motore di ricerca, abbreviato in "Kickasstor" e "Kickassto", rispettivamente all'ottavo e 42° posto. Questo fenomeno è lo stesso che si verifica sul motore di ricerca Google, infatti digitando solo la lettera "G" all'interno della barra di ricerca il primo risultato è "Google".

Questa classifica dimostra che - purtroppo - anche in questo caso il nostro Paese vince la Maglia Nera, quindi sfortunatamente la vittoria contro la Francia questa volta non è un motivo di vanto.