Microsoft fa la pace con Barnes & Noble, addio alle cause

Microsoft e Barnes & Noble scendono a patti e mettono da parte le pistole. Addio ai contenziosi sui brevetti Android, a favore di una partnership nel settore dell'e-reading. Nasce una nuova azienda, in cui Microsoft investirà 300 milioni di dollari e avrà una quota del 17,6%.

Microsoft e Barnes & Noble hanno risolto la loro disputa sui brevetti Android e formato una nuova società che si focalizzerà sul mercato dell'eduzione e dell'e-reading. La nuova nata, chiamata Newco anche se solo provvisoriamente, includerà i settori Digital e College di Barnes & Noble. 

Barnes & Noble ha l'82,4% della nuova sussidiaria e gestirà le relazioni con i negozi al dettaglio e Microsoft farà un investimento di 300 milioni di dollari e avrà il controllo del 17,6% di questa società, in base a una valutazione di 1,7 miliardi di dollari. Non ci saranno spostamenti di uomini da Microsoft a Newco.

La società si occuperà di realizzare un'applicazione di e-reading Nook per Windows 8, che permetterà ai clienti statunitensi e non solo di accedere al vasto catalogo di libri elettronici, magazine e giornali dell'editore. Interessante in questo accordo l'inclusione del mercato College di Barnes & Noble, soprattutto in virtù del fatto che si tratta di un settore che Apple ha deciso di mettere fortemente nel mirino pochi mesi fa.

"La formazione della Newco e il nostro rapporto con Microsoft sono parti importanti della nostra strategia per capitalizzare sulla rapida crescita del business NOOK, e consolidare la nostra posizione di leader nel mercato dei contenuti digitali nei segmenti consumer e dell'istruzione", ha dichiarato William Lynch, amministratore delegato di Barnes & Noble.

Secondo alcuni "chiacchiericci" non confermati dalle due aziende, da questa partnership potrebbe nascere un Nook basato su Windows 8, più probabilmente Windows RT in quanto il Nook è fondato su chip ARM. Però al momento si tratta, per l'appunto, di pura speculazione.

Solo pochi giorni fa ricordavamo, in occasione dell'accordo tra Microsoft e Pegatron, come mancassero proprio Barnes & Noble e Motorola tra le principali aziende a trovare un accordo con la casa di Redmond sui brevetti. Rimane perciò Motorola, ma sembra impossibile arrivare a una soluzione, soprattutto perché l'azienda è stata acquisita da Google e scendere a patti per il colosso di Mountain View sarebbe uno smacco non da poco.