Microsoft Lumia 950XL, anche sotto tortura è ineccepibile

Il Microsoft Lumia 950 XL è stato sottoposto dal solito Jerry Rig Everything all'insieme di prove "estreme" che lo stanno rendendo popolare su YouTube, ma nonostante tutto si è comportato ottimamente, soprattutto per quanto riguarda resistenza al piegamento e display.

Vi ricordate di Jerry Rig Everything, lo youtuber che sta diventando piuttosto popolare nel Web sottoponendo ad alcuni test estremi i più popolari smartphone del momento? Ebbene questa volta lo smartphone sottoposto alle sue "torture" è stato il Microsoft Lumia 950 XL che però si è ottimamente comportato, nonostante la scocca in policarbonato, che avrebbe potuto far dubitare più di qualcuno sulla sua reale resistenza.

Certo, bisogna ribadire che si tratta di test empirici che lasciano un po' il tempo che trovano, soprattutto nel caso del famigerato bend test, il cui esito è fortemente influenzato dal punto in cui si esercita la pressione e dalla posizione della batteria, ma nel complesso è sempre interessante vedere come si comporta uno smartphone famoso in alcune situazioni estreme.

Jerry Rig Everything parte come sempre dal verificare la propensione ai graffi di schermo e scocca. Niente da segnalare per il primo, il Gorilla Glass infatti inizia a graffiarsi con materiali di grado 6 della scala di Mohs (in cui il livello 10, il massimo, è rappresentato dal diamante), grossomodo come accade a tutti gli altri competitor.

Gli stessi risultati sono conseguiti anche dal vetro che protegge la fotocamera posteriore. Meno bene invece si comporta il policarbonato della cover posteriore, che si rovina assai velocemente. Il riscatto tuttavia arriva nel bend test, dove il Lumia 950 XL si comporta benissimo, restando illeso e funzionante dopo pressioni reiterate su entrambi i lati, merito comunque soprattutto della posizione della batteria nella parte centrale, che contribuisce grandemente a rendere la struttura particolarmente rigida e resistente.

microsoft lumia 950xl camera 100620972 orig

Interessante anche il test con l'accendino, perché il display dimostra di resistere benissimo a quasi un minuto di esposizione alla fiamma.

Unica nota stonata del video è la polemica un po' pretestuosa sul famoso sistema a heat pipe. Lo youtuber infatti, basandosi sulle dichiarazioni, sicuramente errate, fatte da Microsoft durante la presentazione, in cui si parlò di "sistema di raffreddamento a liquido", ha tagliato la heat pipe presente nello smartphone per dimostrare che al suo interno non vi è alcun liquido.

Peccato che le heatpipe funzionino esattamente così, perché le poche gocce di liquido impiegato, solitamente etanolo o altro prodotto simile, sono fatte evaporare subito prima di sigillare il condotto in rame, dove restano in questo stato anche a temperatura ambiente, grazie alla minore pressione che si è intanto generata nel tubo proprio durante la procedura.