Nexus con 3D Touch grazie ad Android N

Il 3D Touch in stile Apple potrebbe presto diventare realtà anche nel mondo Android. Secondo gli ultimi report infatti Google potrebbe introdurlo nella prossima generazione di smartphone Nexus, complice anche il nuovo Android N, che dovrebbe supportare nativamente tale funzione.

Presto una funzione simile al 3D Touch di Apple potrebbe arrivare anche nel mondo Android grazie a Google, che sembrerebbe avere intenzione di introdurla nella prossima generazione di smartphone Nexus, probabilmente realizzata da HTC.

Questo almeno si evince dagli ultimi report ma l'ipotesi sembra abbastanza credibile, anche perché Android N dovrebbe supportare nativamente tale funzione.

I nuovi Nexus inoltre non sarebbero gli unici smartphone Android ad adottare questa tecnologia: a quanto pare infatti anche Xiaomi, Meizu, Opo e Vivo sarebbero interessati a introdurla nei loro futuri top gamma, che però arriverebbero tutti dopo le soluzioni di Google.

Apple 3DTouch15

In realtà della possibilità che il 3D Touch arrivi anche su Android si parla praticamente sin dal debutto dei nuovi iPhone, perché poco più di un mese dopo il loro esordio, Synaptics ha presentato ClearForce, una soluzione che consente di portare su tutti gli smartphone lo stesso tipo di funzioni.

Non tutti comunque sono unanimi nel considerare indispensabile il 3D Touch auspicandone l'adozione anche nel mondo Android. Non è un caso infatti che i nuovi Samsung Galaxy S7 siano privi di tale funzione, nonostante appunto la disponibilità della tecnologia ClearForce e i rumor precedenti che invece giuravano sulla sua certa presenza a bordo dei nuovi flagship coreani.

Il 3D Touch in sé è sicuramente una soluzione interessante, capace di introdurre un nuovo modo di interagire con applicazioni e smartphone ma per diventare qualcosa di cui non si può proprio fare a meno avrebbe bisogno di una killer app che però, al momento, non sembra ancora essere arrivata nel mondo Apple.

Su entrambe le piattaforme dunque il destino del 3D Touch è ancora in bilico. La sensazione è che molto dipenderà dal supporto che gli sviluppatori indipendenti decideranno di accordargli. A voi piacerebbe una funzione simile anche su Android?