Sapphire Nitro R9 Fury al debutto, nuova da capo a piedi

Overcloccata, dissipatore proprietario e PCB completamente riprogettato: sta arrivando nei negozi la Nitro R9 Fury di Sapphire.

Sapphire ha annunciato ufficialmente la Nitro R9 Fury, scheda video preannunciata lo scorso dicembre e caratterizzata da un progetto completamente personalizzato, dal PCB alle frequenze. Le attuali soluzioni R9 Fury sono infatti tutte accomunate da un circuito stampato di riferimento.

sapphire nitro r9 fury 01
Clicca per ingrandire

A bordo della scheda abbiamo una GPU Fiji Pro con 3584 stream processor impostati per operare a 1050 MHz nel caso della variante OC+ della scheda e 1020 MHz in quella OC. I 4 GB di memoria HBM rimangono invece impostati a 500 MHz, come da specifiche di AMD. La scheda è raffreddata da un sistema Tri-X con una heatpipe centrale di 10 mm, due da 8 millimetri e altrettante da 6 millimetri. Il calore trasportato al radiatore viene poi dissipato da tre ventole da 90 millimetri con doppio cuscinetto a sfera che assicurano una durata di vita maggiore rispetto ad altre soluzioni.

sapphire nitro r9 fury 02
Clicca per ingrandire

La seconda generazione della tecnologia Intelligent Fan Control di Sapphire permette alle ventole di rimanere ferme in idle e attivarsi selettivamente con l'aumentare del carico e della temperatura. È presente anche uno spesso backplate in alluminio pensato per dare sostegno al PCB.

IFC description

La differenza principale tra la Tri-X R9 Fury già in commercio da tempo e la nuova Nitro R9 Fury è il progetto del PCB. Sapphire afferma di aver incluso una circuiteria a sei fasi su un PCB a otto strati con 56 grammi di rame, cosa che consente alla GPU di ricevere tutta l'alimentazione necessaria per sostenere overclock elevati e stabili.

sapphire nitro r9 fury 03
Clicca per ingrandire

Le scelte fatte in sede di progettazione dovrebbero ripagare con temperature del VRM il 20% inferiori e frequenze di lavoro massime più stabili. L'azienda fa notare di aver scelto induttori Black Diamond e lavorato per minimizzare il coil noise, quel fastidioso fischio che si può avvertire con alcune schede in funzione (e di cui si sono lamentati molti acquirenti della Tri-X R9 Fury).

La Nitro R9 Fury è dotata anche di doppio BIOS. L'impostazione di default porta la GPU a 1000 MHz, limita la richiesta a 260 watt e la temperatura della GPU a 75 °C. Il secondo BIOS è più aggressivo, con un power limit a 300 watt e temperatura della GPU a 80 °C. La frequenza inoltre sale a 1020 MHz (variante OC) o 1050 MHz (OC+). Completano il prodotto i due connettori di alimentazione a 8 pin e le uscite video: tre DisplayPort, una DVI-D e una HDMI 1.4a.

Sapphire non ha annunciato il prezzo ufficiale del prodotto, ma la scheda dovrebbe fare capolino nei negozi nelle prossime settimane. Su Amazon sembra esserci disponibilità a partire da 623 euro con consegna dall'Italia o 666 euro con consegna dall'estero.

Sapphire Nitro R9 Fury Sapphire Nitro R9 Fury