Sensori smart per un giardino sano e rigoglioso

Sensori intelligenti e connessi a Internet per ricordarci se e quanto innaffiare, ricevere consigli personalizzati secondo il tipo di pianta, e anche automatizzare l'irrigazione con informazioni prese dal terreno e dalle previsioni del tempo.

C'è chi ha il pollice verde e chi fa morire qualsiasi pianta cerchi ci mettersi in casa. La seconda categoria di persone è più numerosa, e di solito si finisce per rinunciare ad avere un bel giardinetto o un allegro balcone.

La tecnologia può essere d'aiuto anche in questo caso, con oggetti come i sensori Edyn che abbiamo visto al CES 2016 di Las Vegas. Il primo modello, in commercio già dall'anno scorso, monitora l'umidità del terreno e ci ricorda di innaffiare al momento giusto. Se poi gli "diciamo" quali tipo di piante ha intorno, ci fornirà anche consigli personalizzati per prendercene cura.

L'altro elemento, la novità di quest'anno, è sempre un sensore da mettere in giardino. In questo caso si collega al sistema d'irrigazione, per poi lasciare alla macchina tutte le incombenze. Si collegherà a Internet per controllare le previsioni del tempo, e se nel terreno sono presenti i sensori descritti sopra, li userà per capire di quanta acqua c'è bisogno.

Edyn 01

Entrambi i sensori funzionano con una combinazione di celle solari e batteria, ma ovviamente è necessario anche un collegamento a Internet. Per sfruttarle è quindi necessario che l'area sia coperta dal Wi-Fi, il che non è una situazione proprio comune per i nostri giardini, mentre per i vasi del balcone dovrebbe essere più semplice. Edyn non vende ancora i suoi sensori fuori dagli USA.